Dall'IMEC primo kit per lo sviluppo di processi a 14 nanometri

Dall'IMEC primo kit per lo sviluppo di processi a 14 nanometri

L'IMEC rilascia il primo kit per lo sviluppo dei processi a 14 nanometri. Il primo prototipo sperimentale nel corso della seconda metà dell'anno

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:00 nel canale Scienza e tecnologia
 

L'istituto di ricerca IMEC ha annunciato il rilascio di una versione preliminare del Process Development Kit dedicato alla tecnologia a 14 nanometri. Il kit include il supporto ad una serie di nuove di tecnologie che saranno necessarie nell'ambito della produzione a 14 nanometri, come ad esempio i transistor con tecnologia FinFET e la litografia di tipo Extreme Ultraviolet (EUV).

Il PDK a 14 nanometri è stato sviluppato come parte del programma di ricerca collaborativo Insite di IMEC nel quale partecipano, tra le altre, realtà del calibro di Altera, NVIDIA e Qualcomm.

Il PDK è stato reso disponibile ai partner di ricerca IMEC e sarà inoltre seguito da aggiornamenti incrementali. IMEC ed i partner stanno sviluppando un test-chip a 14 nanometri utilizzando questo PDK e che verrà rilasciato nel corso della seconda metà del 2012.

L'istituto di ricerca europeo con sede a Leuven, in Belgio, dispone di uno stabilimento produttivo per wafer da 300 millimetri che è provvisto di uno stepper per la litografia EUV. Attualmente è uno dei pochissimi stabilimenti al mondo che si può approcciare alla produzione di un chip sperimentale a 14 nanometri.

Lo scopo principale del PDK è di venire incontro alle compagnie nello sviluppo di processi produttivi con tecnologia FinFET, basilari per la realizzazione di transistor tridimensionali. Le prossime evoluzioni del PDK introdurranno inoltre l'impiego di materiali di elevata mobilità elettronica come il germanio, il grafene ed i semiconduttori composti.

Il PDK, come già accennato, include il supporto per la litografia ad immersione e la litografia EUV aprendo così la strada ad una graduale transizione dalla litografia ad immersione a 193 nanometri verso quella di tipo Extreme Ultraviolet.

La realizzazione di un chip di test a 14 nanometri nel corso della seconda metà del 2012 consentirà di condurre le prime misurazioni di prestazioni e consumo energetico, nonché di verificare le ipotesi teoriche su un prototipo reale.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
winebar06 Marzo 2012, 18:52 #1
Originariamente inviato da: Articolo
come ad esempio i transistor con tecnologia FinFET[/b]


Giusto per chi non lo sapesse, la tecnologia FinFET abbiamo imparato a conoscerla come "Transistor 3D" con Ivy Bridge.
FinFET è il nome dato alla tecnologia dal suo inventore (che poi di fatto non l'ha sviluppata se non sbaglio) poichè la forma è simile alla pinna dei pesce (fin significa appunto questo).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^