Ericsson 5G Core System: con il network slicing gli operatori potranno già provare il 5G nella realtà

Ericsson 5G Core System: con il network slicing gli operatori potranno già provare il 5G nella realtà

In anticipo sull'apertura della fiera Ericsson lancia oggi il suo primo 5G Core System in grado di abilitare test reali sul campo delle tecnologie 5G basati sul cosidetto network slice. Il “Network Slicing” consente a un operatore di fornire, su una rete comune, delle reti virtuali dedicate a funzionalità specifiche per il tipo di servizio o client

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 16:08 nel canale Scienza e tecnologia
Ericsson
 

5G sarà una delle parole chiave del Mobile World Congress 2017, che aprirà i battenti domenica con le prime conferenze stampa pre-show. Quest'anno le tecnologie 5G si potranno toccare con mano, dopo che l'anno scorso avevano semplicemente mostrato i primi trial. Ci sarà grande fermento tra gli operatori, in quanto è questo il momento per scegliere su quale cavallo puntare per la propria infrastrutture. Abbiamo visto come Huawei abbia già voluto dare un teaser di quello che si vedrà a Barcellona e non poteva mancare anche Ericsson tra i marchi pronti a guadagnare gli investimenti degli operatori. In particolare per l'azienda svedese le utilities e il settore manifatturiero rappresentano la più grande opportunità per generare o incrementare ricavi attraverso il 5G e molte delle demo che vedremo allo stand saranno incentrate su questo tema. La fiera sarà anche uno dei primi appuntamenti mondiali per il nuovo Presidente e CEO mondiale di Ericsson Börje Ekholm

In anticipo sull'apertura della fiera Ericsson lancia oggi il suo primo 5G Core System in grado di abilitare test reali sul campo delle tecnologie 5G basati sul cosidetto network slice. Il “Network Slicing” consente a un operatore di fornire, su una rete comune, delle reti virtuali dedicate a funzionalità specifiche per il tipo di servizio o cliente. Si tratta di una funzionalità che oggi permette di fare dei test sul campo delle tecnologie future, ma che sarà anche fondamentale una volta che il 5G sarà implementato per creare servizi personalizzati e ad alto valore aggiunto da parte degli operatori. Il “Network Slicing” Già oggi, permette quindi agli operatori di telecomunicazioni l’implementazione di alcuni dei primi casi di utilizzo del 5G con l’obiettivo di individuare le possibili opportunità di crescita, dando forma ai servizi di domani. Ad esempio Ericsson e China Mobile hanno sviluppato congiuntamente un prototipo di Smart Factory abilitata dal 5G, usando il Network Slicing: questa sarà una delle demo in mostra allo stand del marchio svedese.

Ericsson introduce servizi aggiuntivi in alcune aree del suo 5G Core System e delle sue applicazioni, tra questi troviamo Network Slice federate per il roaming che permetterà a un operatore di fornire un servizio di rete a livello globale, consentendo alle imprese di non dover stipulare accordi individuali con differenti operatori per ottenere un’esperienza di servizio. Network slice management permetterà di automatizzare la configurazione delle connessioni e per garantire la qualità, risparmiando sui costi e guadagnando tempo e velocità nel servizio. Anche per Ericsson una parola chiave sarà: Cloud. Il calcolo distribuito 'nella nuvola' permetterà di abilitare applicazioni a breve latenza, come ad esempio il riconoscimento facciale in tempo reale, spostando applicazioni e carichi di lavoro in un punto più vicino all'accesso.

Come protezione per gli investimenti attuali Ericsson è già inoltre al lavoro per assicurare la migrazione della rete e delle operazioni dal sistema attuale al 5G core, virtualizzato e basato su un modello operativo automatizzato. Il passaggio poi al 5G commerciale dovrebbe risultare poi così indolore.

Per il rapido sviluppo del 5G il tema dell'interoperabilità sarà cruciale: le premesse sono più buone di quanto visto in passato. All’interno di una dimostrazione live con Intel verrà attivata e utilizzata una piattaforma di prova 5G cross-vendor radio operante a 28GHz, insieme al premiato 5G Test Bed di Ericsson e alla 5G Mobile test Platform di Intel. Come ci è già capitato di dire, sebbene stia procedendo a passo spedito il lancio su scala globale delle reti 5G è previsto per il 2020, nel frattempo bisogna continuare a far evolvere le reti attuali per tenere il passo delle richieste del mondo tecnologico: in questo senso è fondamentale lo step evolutivo del 4,5G o Gigabit Class LTE.

Anche in questo settore ci saranno cose interessanti da vedere a Barcellona. Utilizzando sia lo spettro con licenza che senza licenza, Ericsson, AT&T, Orange e Qualcomm Technologies presenteranno il Gigabit Class LTE come un mezzo per aumentare la capacità e migliorare le prestazioni usando le reti esistenti.

Il tema '5G' porterà via parecchio tempo tra interviste, incontri e conferenze stampa al MWC 2017, speriamo di tornare da Barcellona con un punto della situazione chiaro sullo sviluppo di queste tecnologie, che a detta di molti saranno in grado di abilitare una vera e propria rivoluzione digitale.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^