Facebook, un datacenter attento all'ambiente

Facebook, un datacenter attento all'ambiente

Il datacenter di Prineville costruito con la massima attenzione all'aspetto ambientale: meno consumi, materiale riciclato e riuso di risorse sono i punti cardine del progetto

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:00 nel canale Scienza e tecnologia
Facebook
 

Facebook ha comunicato che il nuovo datacenter di Prineville ha ottenuto il riconoscimento LEED Gold Certification da parte del Green Building Council USA a testimonianza di come il nuovo stabilimento realizzato dal popolare colosso dei social network sia in grado di operare con il 52% in meno di energia rispetto ad una struttura comparabile costruita secondo i requisiti tradizionali.

Fondamentale si è rivelata la progettazione del sistema di condizionamento, che non richiede alcuna torre di raffreddamento specifica (che altrimenti consumerebbe molta energia) ma si basa su un meccanismo di riuso dell'aria esterna che viene raffreddata tramite evaporazione. I server sono inoltre stati progettati per impiegare il 38% in meno di energia rispetto alle altre installazioni datacenter utilizzati da Facebook e sono in grado di operare anche a temperature più elevate per ridurre le necessità di raffreddamento meccanico.

Un'altra novità è rappresentata da un nuovo sistema di distribuzione dell'energia elettrica che prevede l'uso di una sottostazione on-site che elimina la dissipazione proveniente da trasformazioni e conversioni non necessarie. Di norma la quantità di energia dissipata durante le conversioni ammonta tra il 21% ed il 27%, laddove nel nuovo centro di Prineville si ha una dissipazione del 7,5%.

L'attenzione alle tematiche ambientali si può ritrovare anche in molti altri accorgimenti: il 27% dei materiali utilizzati per la costruzione deriva da prodotti riciclati, ed il 30% dei materiali sono stati prodotti e procurati a livello locale. Il 99% del legno utilizzato deriva da foreste gestite in maniera sostenibile e l'83% dei materiali di scarto della costruzione sono stati riciclati o riutilizzati evitando così di depositare in una discarica circa 530 tonnellate di rifiuti.

Presso lo stabilimento il 100% dell'acqua piovana viene raccolta e riutilizzata, risparmiando poco più di 1000 metri cubi d'acqua all'anno. Un sistema di conversione dell'energia solare genera 204 mila kilowattora all'anno, utilizzate per le zone adibite ad uso ufficio. Il sistema di riscaldamento degli uffici fa inoltre uso del calore generato dal funzionamento dei sistemi server.

Un tour virtuale del datacenter di Prineville è disponibile a questo indirizzo.

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
frankie21 Novembre 2011, 17:59 #1
Vi siete dimenticati di dire che è (quasi) tutto opensource, cioè tutti i progetti sono liberamente disponibili e implementabili.

www.opencompute.org

Hanno usato tutti alimentatori 80+platinium!!!
Gabro_8221 Novembre 2011, 18:51 #2
E si sfrutta ogni notizietta di parlare di Facebook nel bene o nel male...
Baboo8521 Novembre 2011, 19:50 #3
Il bello e' che era gia' stata scritta mesi fa.
Mr_Paulus21 Novembre 2011, 19:56 #4
Originariamente inviato da: Gabro_82
E si sfrutta ogni notizietta di parlare di Facebook nel bene o nel male...


e di apple non si può parlare, e di facebook neanche, e questa notizia fa pubblicità a microsoft...diosanto che lagne ma è un sito di tecnologia o no?

tornando alla news, cazzo questa è una meraviglia tecnologica!
Baboo8521 Novembre 2011, 20:17 #5
Originariamente inviato da: Mr_Paulus
e di apple non si può parlare, e di facebook neanche, e questa notizia fa pubblicità a microsoft...diosanto che lagne ma è un sito di tecnologia o no?


No, non lo e'. Perche' per cercare vere notizie tecnologiche bisogna sempre andare altrove.

Qua si parla di facebook, apple e altre minchiate.

Da quando sono iscritto, ho notato bene la qualita' delle news, sempre piu' decadente.

Detto questo, la notizia era gia' stata scritta qui mesi fa.
Mr_Paulus21 Novembre 2011, 21:03 #6
io penso che la qualità delle notizie ha seguito un po' la qualità degli utenti e delle mode.

qualche anno fa ricordo che c'erano utenti come yossarian e fek che erano veramente un piacere da leggere ed erano attivi soprattutto nei thread delle schede video o dei processori, ormai il tutto si riduce alla lotta tra fanboy apple, microsoft, android, il livello tecnico degli utenti è crollato e la redazione un po' da al pubblico ciò che vuole leggere.

la colpa è da entrambe le parti insomma se uscissero ad esempio con un bel articolo tecnico sull'architettura di un processore arm in quanti ci capirebbero qualcosa o sarebbero in grado di imbastire una discussione?
II ARROWS21 Novembre 2011, 22:16 #7
E di mia sorella che ha bruciato il motore della ventola del portatile a stare su facebook, ne vogliamo parlare?

Facile parlare di datacenter "green" quando il sito fa consumare un botto ai suoi milioni di utenti in tutto il mondo...
supermario21 Novembre 2011, 22:38 #8
Originariamente inviato da: II ARROWS
E di mia sorella che ha bruciato il motore della ventola del portatile a stare su facebook, ne vogliamo parlare?

Facile parlare di datacenter "green" quando il sito fa consumare un botto ai suoi milioni di utenti in tutto il mondo...


addirittura?

e' da un po' che non leggevo questo tipo di commenti a pene di segugio
Gabro_8222 Novembre 2011, 00:08 #9
Originariamente inviato da: Mr_Paulus
e di apple non si può parlare, e di facebook neanche, e questa notizia fa pubblicità a microsoft...diosanto che lagne ma è un sito di tecnologia o no?

tornando alla news, cazzo questa è una meraviglia tecnologica!


Chi l'ha detto che non si può parlare di Apple, Microsoft ecc.. Ci mancherebbe altro
Il problema è una notizia sterile riferita ad un grosso social network come facebook (addirittura si nota dai post degli altri che era anche vecchia) ... Non so io la vedo così.
Baboo8522 Novembre 2011, 08:22 #10
Originariamente inviato da: II ARROWS
E di mia sorella che ha bruciato il motore della ventola del portatile a stare su facebook, ne vogliamo parlare?

Facile parlare di datacenter "green" quando il sito fa consumare un botto ai suoi milioni di utenti in tutto il mondo...


Ahahahahah veramente? Comunque non e' solo un problema di facebook, tanti siti sono pesantissimi e la gente incolpa il browser che deve ogni volta fare miracoli tra una versione e l'altra quando magari (non sempre) la colpa e' del sito. Io ci ho fatto caso qui. Firefox al lavoro, aggiornato, quando rispondo le faccine animate qui di fianco mi stuprano il Core2Duo fino a quasi il 50% e sono solo delle gif...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^