Google: come usare l'IA per abbattere la bolletta della luce

Google: come usare l'IA per abbattere la bolletta della luce

DeepMind, la divisione IA di Google, ha annunciato un metodo rivoluzionario che ha consentito di risparmiare il 40% sul consumo energetico provocato dal sistema di raffreddamento dei suoi data center. Il sistema può essere applicato ovunque

di Nino Grasso pubblicata il , alle 12:01 nel canale Scienza e tecnologia
Google
 

I data center rappresentano l'ossatura di molti servizi, applicazioni e sistemi che utilizziamo tutti i giorni su smartphone, personal computer, e dispositivi di ogni tipo. Una semplice applicazione di mappe, musicale, o anche l'ultimo gioco online, sono tutte applicazioni che si affidano per disporre di tutte le informazioni necessarie a grossi stabilimenti posizionati anche a centinaia di chilometri di distanza. Nel caso di Google ogni ricerca viene processata in un data center, così come ogni video di YouTube viene immagazzinato in una struttura il più possibile vicina a noi per poter essere gestito rapidamente.

È facile intuire pertanto che questi grossi edifici che processano centinaia di milioni, forse miliardi, di dati tutto il giorno devono principalmente essere efficienti dal punto di vista energetico. Al loro interno troviamo migliaia di processori, hard-disk e attrezzature di rete avanzate che comportano inevitabilmente un consumo energetico drasticamente elevato. In più, l'attrezzatura stipata nei rack deve essere raffreddata con sistemi di dissipazione notevolmente più potenti di quelli che usiamo nei nostri computer tradizionali: secondo stime recenti il 2% delle emissioni di gas serra in tutto il mondo sono dovute proprio ai data center.

Non è pertanto una sorpresa che gran parte dell'evoluzione tecnologica si basa sul rendere più efficienti (e potenti) i sistemi che utilizziamo quotidianamente, e non è una sorpresa che questa evoluzione è ambita e ricercata anche e soprattutto per il miglioramento dell'efficienza computazionale dei data center. Da una parte si prova a realizzare sistemi informatici che consumano meno energia possibile a parità di potenza, dall'altra si cerca di posizionare i data center all'interno di location con un clima freddo. Altri ancora posizionano i loro stabilimenti nei fondali oceanici, in modo da sfruttarne le fredde acque.

Anche un abbassamento di pochi punti percentuali nel consumo energetico si traduce in risparmi enormi da parte delle grosse compagnie che macinano dati per professione, ma Google ha in mente una nuova strategia con cui spera in un risparmio nell'energia "spesa" per la dissipazione del calore di circa il 40%. Il segreto alla base della nuova strategia è l'intelligenza artificiale, o per meglio dire il machine learning. Alla base delle nuove procedure ci sarà la divisione DeepMind, che si occupa proprio di AI, che ha sviluppato un algoritmo che dovrebbe intuire dati in maniera apparentemente impossibile anche per i più validi cervelloni di Big G.

Il machine learning utilizza i dati raccolti dai sensori dei data center e li gestisce in modo da creare un algoritmo general purpose che impara autonomamente come controllare il raffreddamento delle strutture in ogni istante in tempo reale. In questo modo si vuole raggiungere, almeno per quella specifica componente, il massimo dell'efficienza energetica possibile. Nel data center in cui è stato applicato questo sistema Google è riuscita a mantenere l'uso di energia applicata per il raffreddamento all'interno delle soglie previste, ovvero del 40% inferiore rispetto ai livelli normali. Un risultato notevole a tal punto che Google prevede di adottare lo stesso sistema all'interno di tutti i propri data center entro la fine dell'anno.

La peculiarità dell'uso dell'intelligenza artificiale "per risparmiare sulla bolletta della luce" è che il sistema può essere impiegato all'interno di qualsiasi ambiente senza richiedere cambiamenti di alcun tipo. Grazie alla sua natura general purpose, può essere efficace anche in ambiti completamente diversi, come nell'ottimizzazione dell'uso di acqua nelle strutture o addirittura per ottimizzare il consumo energetico dell'intera rete nazionale. Mustafa Suleyman, co-fondatore di DeepMind, ha già dichiarato di essere entrato in contatto con alcune realtà per portare la nuova tecnologia al di fuori di Google, come in impianti industriali di società terze.

DeepMind ha pianificato il rilascio di documenti in cui verranno spiegati nel dettaglio i benefici del machine learning in questo particolare ambito, come è stato sviluppato l'algoritmo e come potrà essere implementato nel prossimo futuro.

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
rug2221 Luglio 2016, 13:58 #1
ma in pratica non è un termostato?
Domenik7321 Luglio 2016, 14:18 #2
Google non è al corrente della prima legge energetica italiana: Tanto più abbassi i consumi, tanto più sale il prezzo dell'energia, in modo che la spesa mensile sia sempre e costantemente in crescita.
benderchetioffender21 Luglio 2016, 14:41 #3
a questo punto direi che l'acquisto di NEST da parte di google si stata una mossa oculata
dr-omega21 Luglio 2016, 15:54 #4
"DeepMind" è "Skynet"!!111!!1!!!!!1
Frinck21 Luglio 2016, 18:59 #5
alla fine chissà chi rimarrà a lavorare guadagnando uno stipendio...
rug2221 Luglio 2016, 19:45 #6
Oddio,l'articolo la propone come una cosa nuova ma se ho capito bene è una cosa che c'è da decenni,sarà cambiato il software.
Nui_Mg21 Luglio 2016, 20:41 #7
Originariamente inviato da: Domenik73
Google non è al corrente della prima legge energetica italiana: Tanto più abbassi i consumi, tanto più sale il prezzo dell'energia, in modo che la spesa mensile sia sempre e costantemente in crescita.

La bolletta energetica di mia madre non è per niente alta nei consumi effettivi, peccato che la bolletta sia sempre più cara esclusivamente per via di tasse statali e regionali e...rullo di tamburi perché unico in Europa, l'iva (che "dovrebbe" essere un'imposta sul consumo) applicata sulle tasse.
Eress21 Luglio 2016, 21:23 #8
L'Italia è una situazione del tutto anomala e sfigata con bollette e tasse, quindi non fa testo. In generale e nel mio piccolo, però sto sistema l'ho sempre adottato.
Al freddo, non solo consuma meno, ma dura anche molto di più
rockroll21 Luglio 2016, 22:52 #9
Originariamente inviato da: rug22
Oddio,l'articolo la propone come una cosa nuova ma se ho capito bene è una cosa che c'è da decenni,sarà cambiato il software.


Anche il termostato del mio comunissimo e più che onesto scaldabagno, che ho installato da diversi anni, è regolato da una sorta di A.I., solo che allora veniva definita come curva di apprendimento (ovvero semplice memorizzazione statistica) per individuare i picchi di impegno e ridurre l'erogazione (lasciando abbassare la temperatura ) nei momenti di minor richiesta (mi... che pensata!).

Viva l'A.I. e chi ci crede ciecamente.
ComputArte22 Luglio 2016, 14:52 #10

....ammazza quanta fuffa!!!!

Diminuzione del 40%....e solo utilizzando un algoritmo....la termodinamica ringrazia

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^