Google e la NASA sperimentano il processore quantistico D-Wave X2

Google e la NASA sperimentano il processore quantistico D-Wave X2

Il progetto di computazione quantistica in collaborazione tra Google e NASA adotta un nuovo processore quantistico di D-Wave Systems che opera a temperature prossime allo zero assoluto

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:21 nel canale Scienza e tecnologia
Google
 

Il Quantum Artificial Intelligence Lab, progetto congiunto sulla computazione quantistica portato avanti da Google, NASA e Universities Space Research Association, ha annunciato un accordo pluriennale per l'installazione di D-Wave 2X, il processore quantistico ad oggi più avanzato disponibile al mondo annunciato lo scorso mese di agosto. Con oltre 1000 qubit, è il sistema più potente di questo tipo e sarà messo ad operare per Google e per la NASA.

D-Wave Systems è una società canadese che già da qualche anno realizza processori per la computazione quantistica. I processori D-Wave sono basati sulla ricottura quantistica o quantum annealing(un metodo per trovare il minimo globale di una data funzione oggettiva su un dato set di soluzioni candidate tramite un processo che fa uso di fluttuazioni quantistiche) e destinati alla risoluzione di problemi di ottimizzazione.

"Lavorare con i processori D-Wave ci ha aiutato a sviluppare e affinare i modelli di ricottura quantistica. Non vediamo l'ora di proseguire con i progressi che derivano da ogni generazione dei sistemi D-Wave" ha dichiarato Hartmut Neven, responsabile dei Quantum Artificial Intelligence Lab in un comunicato. I più di 1000 qubit del D-Wave 2X sono, nel concreto, circuiti semiconduttori che operano a meno di 15 millikelvin, ovvero una temperatura 180 volte inferiore a quella dello spazio interstellare e prossima allo zero assoluto.

Sebbene i nuovi processori saranno messi al lavoro il prima possibile per saggiarne le capacità computazionali, sussistono ancora dubbi sull'efficacia dell'approccio di D-Wave Systems alla computazione quantistica. Alcuni benchmark sui precedenti modelli di processori non hanno permesso di trovare la prova della cosiddetta "Quantum speedup", cioè l'incremento esponenziale nella potenza di calcolo che rende la computazione quantistica così interessante. D-Wave Systems ha proposto benchmark alternativi che mostrano prestazioni vicine allo speedup ma secondo molti esperti il dibattito è ancora lungi dall'essere risolto.

In ogni caso le soluzioni di D-Wave non sono gli unici giocattoli nelle mani di Google per quanto riguarda la computazione quantistica. Lo scorso anno l'azienda di Mountain View ha infatti assoldato un gruppo di scienziati dell'UC Santa Barbara specializzato in questo campo. Laddove l'approccio di D-Wave è quello di usare centinaia di qubit con elevati tassi d'errore, il team accademico opera con un numero inferiore di più affidabili qubit, faticando comunque a mantenere bassi tassi d'errore alle dimensioni della macchina della D-Wave. Resta da vedere quale modello porterà gli esiti migliori, ma chiunque sia a prevalere Google potrà avere il diritto di prelazione nella scelta.

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
acerbo29 Settembre 2015, 16:27 #1
"I processori D-Wave sono basati sulla ricottura quantistica o quantum annealing(un metodo per trovare il minimo globale di una data funzione oggettiva su un dato set di soluzioni candidate tramite un processo che fa uso di fluttuazioni quantistiche) e destinati alla risoluzione di problemi di ottimizzazione"

Pare la supercazzola
bobafetthotmail29 Settembre 2015, 16:46 #2
Originariamente inviato da: acerbo
"I processori D-Wave sono basati sulla ricottura quantistica o quantum annealing(un metodo per trovare il minimo globale di una data funzione oggettiva su un dato set di soluzioni candidate tramite un processo che fa uso di fluttuazioni quantistiche) e destinati alla risoluzione di problemi di ottimizzazione"

Pare la supercazzola
In parole semplici, sfruttando meccaniche quantistiche, può eseguire operazioni impossibili per un sistema elettronico.
TheSim29 Settembre 2015, 17:05 #3
il punto focale è..... ma ci gira Crysis in 4k?
demon7729 Settembre 2015, 17:21 #4
Mi spaventa di più il fatto che per funzionare l'attuale processore deve in pratica operare a temperature attaccate allo zero assoluto..

Mi chiedo quanti anni ancora ci vorranno prima che la tecnologia quantistica entri nelle case di tutti.. a braccio mi sa che una ventina ci vogliono. Dieci ad essere ottimisti..
DarIOTheOriginal29 Settembre 2015, 17:28 #5
Originariamente inviato da: demon77
Mi spaventa di più il fatto che per funzionare l'attuale processore deve in pratica operare a temperature attaccate allo zero assoluto..

Mi chiedo quanti anni ancora ci vorranno prima che la tecnologia quantistica entri nelle case di tutti.. a braccio mi sa che una ventina ci vogliono. Dieci ad essere ottimisti..


Sono processi lunghi, sopratutto per tecnologie rivoluzionarie.
Poi magari fanno la scoperta del secolo e si velocizza tutto di un fattore 10... come è successo con i transistor che hanno sostituito le valvole: da allora l'evoluzione dei pc ha preso a volare.
Speriamo capiti ancora
demon7729 Settembre 2015, 17:58 #6
Originariamente inviato da: DarIOTheOriginal
Sono processi lunghi, sopratutto per tecnologie rivoluzionarie.
Poi magari fanno la scoperta del secolo e si velocizza tutto di un fattore 10... come è successo con i transistor che hanno sostituito le valvole: da allora l'evoluzione dei pc ha preso a volare.
Speriamo capiti ancora


Eh speriamo sì.
Ma ci sono in gioco limiti fisici non da poco.. non so se andrà così bene come è andata col silicio. Ma spero tanto di sbagliarmi.
Sta di fatto che già si parlava di processori quantisitci nel 2002.. dodici anni e ancora praticamente nulla all'orizzonte..
Balthasar8529 Settembre 2015, 18:02 #7
Originariamente inviato da: bobafetthotmail
In parole semplici, sfruttando meccaniche quantistiche, può eseguire operazioni impossibili per un sistema elettronico.

Quindi? Finalmente saranno in grado di preparare il famigerato caffé?
In soldoni questo approccio cosa ci dovrebbe cambiare? Non avremo più a che fare con imput elettrici? Cambierà il tipo di trasmissione? I chip non saranno più di silicio ma di.. boh?

Mi è sempre sembrata troppo distante come tecnologia ma a quanto pare dovrò prima o poi interessarmi.


CIAWA
Bestio29 Settembre 2015, 18:40 #8
Originariamente inviato da: demon77
Mi spaventa di più il fatto che per funzionare l'attuale processore deve in pratica operare a temperature attaccate allo zero assoluto..

Mi chiedo quanti anni ancora ci vorranno prima che la tecnologia quantistica entri nelle case di tutti.. a braccio mi sa che una ventina ci vogliono. Dieci ad essere ottimisti..


Beh normale che i "supercomputer" lavorino a temperature prossime allo zero assoluto, dato che i particolari materiali usati hanno bisogno di lavorare in regime di superconduttibilità per raggiungere la massima efficenza.

Poi magari domani il nostro PC di casa avrà prestazioni superiori a questo supercomputer, ma chissà che potenza avrà il super computer "zero assoluto" di domani...
danieleg.dg29 Settembre 2015, 18:45 #9
Originariamente inviato da: demon77
Mi spaventa di più il fatto che per funzionare l'attuale processore deve in pratica operare a temperature attaccate allo zero assoluto..

Mi chiedo quanti anni ancora ci vorranno prima che la tecnologia quantistica entri nelle case di tutti.. a braccio mi sa che una ventina ci vogliono. Dieci ad essere ottimisti..


Il problema più grosso è il fatto che tutti i vari computer quantistici (o presunti tali) allo stato attuale sono pensati per risolvere un singolo problema e non sono general pourpose come i computer attuali. A meno di scoperte veramente rivoluzionare ci vorranno parecchi anni perché lo diventino e c'è il grosso dubbio se possano mai diventarlo (e almeno per ora si propende verso il fatto che non possano farlo).


Originariamente inviato da: Balthasar85
Quindi? Finalmente saranno in grado di preparare il famigerato caffé?
In soldoni questo approccio cosa ci dovrebbe cambiare? Non avremo più a che fare con imput elettrici? Cambierà il tipo di trasmissione? I chip non saranno più di silicio ma di.. boh?

Mi è sempre sembrata troppo distante come tecnologia ma a quanto pare dovrò prima o poi interessarmi.


No, non eseguono operazioni impossibili per i normali computer, attualmente servono solo per velocizzare enormemente singoli problemi. Il vantaggio, per ora solo a livello teorico per il pratico a meno di scoperte rivoluzionare ci vorranno decenni, è dovuto al fatto che con n qbit riesci a rappresentare 2^n bit normali di informazioni.
Bestio29 Settembre 2015, 18:48 #10
Originariamente inviato da: Balthasar85
Quindi? Finalmente saranno in grado di preparare il famigerato caffé?
In soldoni questo approccio cosa ci dovrebbe cambiare? Non avremo più a che fare con imput elettrici? Cambierà il tipo di trasmissione? I chip non saranno più di silicio ma di.. boh?

Mi è sempre sembrata troppo distante come tecnologia ma a quanto pare dovrò prima o poi interessarmi.


CIAWA


Quindi finalmente avremo la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l'universo e tutto quanto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^