Google non tapperà le buche delle strade, ma ci permetterà di evitarle

Google non tapperà le buche delle strade, ma ci permetterà di evitarle

La compagnia di Mountain View si addentra ancor più nei meandri del mercato automotive. L'ultimo brevetto si rivolge alla sicurezza stradale, nel tentativo di consentire ai guidatori di evitare strade troppo malmesse

di Nino Grasso pubblicata il , alle 11:01 nel canale Scienza e tecnologia
Google
 

Google ha depositato un nuovo brevetto per una tecnologia che permette di individuare la presenza di buche nelle strade. Le informazioni, raccolte utilizzando un sistema di navigazione GPS ed altri sensori specifici per la rilevazione di parti danneggiate nel manto stradale, saranno inserite all'interno di un database che permetterà ad un eventuale navigatore satellitare collegato di evitare un determinato percorso troppo sconnesso.

Una tecnologia di questo tipo fa indubbiamente l'occhiolino alla flotta di auto a guida autonoma che Google potrebbe iniziare a vendere direttamente o indirettamente nei prossimi anni. Google può monitorare le vibrazioni di una macchina quando questa impatta con una buca del manto stradale e accorpare i dati con le coordinate GPS della determinata posizione. Integrando il sistema su molte auto, questo diventerà naturalmente sempre più accurato.

La mancata cura dei manti stradali provoca parecchi incidenti o danneggiamenti alle vetture di anno in anno e Google non è di certo la prima società che cerca di trovare una soluzione. La città di Boston, ad esempio, ha sviluppato un progetto (Street Bump) con finalità simili. La gestione locale utilizzava dei dati raccolti in crowdsourcing per individuare eventuali tratti di strada che necessitavano di manutenzione, per poi inviare un team specializzato per effettuare la riparazione.

Differentemente dall'approccio di Google, Street Bump è un'applicazione mobile che raccoglie i dati necessari sfruttando i sensori degli smartphone dei cittadini aderenti all'iniziativa. L'idea di Google sembra essere più strutturata e capillare, e capace di estendersi ben oltre i confini di una singola città. Dal brevetto alla realtà potrebbero però passare alcuni anni, ma non è impossibile che Google ci stupisca mentre siamo in attesa dei primi veicoli a guida autonoma.

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
latilou8528 Agosto 2015, 11:11 #1
Le informazioni, raccolte utilizzando un sistema di navigazione GPS ed altri sensori specifici per la rilevazione di parti danneggiate nel manto stradale, saranno inserite all'interno di un database che permetterà ad un eventuale navigatore satellitare collegato di evitare un determinato percorso troppo sconnesso.


E allora mi sa che la provincia di Roma sarà radiata dalla mappa.
bagy28 Agosto 2015, 11:12 #2
Programma molto utile. Sto partecipando alla beta in Italia, ma è ancora affetta da numerosi bug ... qualsiasi percorso imposto mi consiglia di vendere l'auto e prendere un hovercraft per muovermi agilmente sulle strade dissestate
Rubberick28 Agosto 2015, 11:23 #3
Haha penso che il grosso delle città italiane non avranno molte strade praticabili dopo questa modifica ^^
theboy28 Agosto 2015, 11:33 #4
mezza Italia con deviazioni insomma
nickmot28 Agosto 2015, 11:43 #5
Non funziona!
Per fare casa-lavoro ho dovuto attivare le strade sterrate nelle ozioni percorso!
corgiov28 Agosto 2015, 12:08 #6
Originariamente inviato da: latilou85
E allora mi sa che la provincia di Roma sarà radiata dalla mappa.

Le farà compagnia anche la città di Alghero (http://notizie.alguer.it/n?id=94780#.VeAcUt7l4sc.facebook).
joe7928 Agosto 2015, 12:10 #7
ci staranno più a ridefinire il database che riguarda l'italia... che degli interi stati uniti d'america
pero e una gran bella idea
Balthasar8528 Agosto 2015, 12:20 #8
Mi hanno anticipato.. mannaggia a me che non ho l'ufficio brevetti sotto casa!


CIAWA
No Life King28 Agosto 2015, 13:05 #9
Originariamente inviato da: latilou85
E allora mi sa che la provincia di Roma sarà radiata dalla mappa.


Sono abbastanza convinto che buona parte dell'Italia verrà radiata dalla mappa
Zifnab28 Agosto 2015, 13:26 #10
Se poi inviassero i dati anche alle società di manutenzione delle strade, e le stesse intervenissero e ad intervento effettuato, aggiornassero il db di Google, sarebbe perfetto.... sì lo so, mi piace sognare

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^