Il computer del futuro? Per IBM è cognitivo

Il computer del futuro? Per IBM è cognitivo

I ricercatori di Big Blue realizzano due prototipi di chip cognitivi, destinati a rivoluzionare il futuro delle architetture di computazione

di Andrea Bai pubblicata il , alle 08:25 nel canale Scienza e tecnologia
IBM
 

I ricercatori di IBM stanno lavorando ad un importante progetto che prevede lo sviluppo di nuove architetture di computazione sostanzialmente differenti dalla tradizionale architettura di von Neumann, sulla quale sono basati di fatto tutti i computer che vengono usati nella vita di tutti i giorni. In particolare l'attenzione dei ricercatori è orientata verso i cosiddetti computer cognitivi, che siano in grado, cioè, di imitare i processi di funzionamento del cervello umano mediante dei chip "neurosinaptici".

"Si tratta di un'iniziativa per superare il paradigma di von Neumann che ha governato l'architettura dei computer per oltre mezzo secolo. Le future applicazioni computing richiederanno funzionalità via via maggiori che non è possibile fornire in maniera efficiente mediante le architetture tradizionali. Questi chip rappresentano un passo avanti significativo nell'evoluzione dei computer da calcolatori a sistemi in grado di apprendere e segnano l'inizio di una nuova generazione di computer e delle loro applicazioni nel mondo del business, della scienza e dell'amministrazione" ha commentato Dharamendra Modha, project leader per IBM Research.

Il "cognitive computing" aprirà la strada a nuove tecnologie: si tratta infatti di sistemi che invece di essere programmati come i computer tradizionali, possono apprendere elementi mediante l'esperienza, proprio come gli esseri umani. I sistemi che sottostanno a questi principi saranno - almeno sulla carta - in grado di formulare ipotesi, individuare correlazioni, ricordare ed imparare dall'ambiente in cui si trovano, consumando meno energia e con ingombri ridotti.

Le attività di ricerca di IBM hanno permesso di realizzare due prototipi di chip cognitivi, che impiegano normale circuiteria in silicio e sono ispirati dalla neurobiologia, senza però contenere elementi biologici al proprio interno. Si tratta di dispositivi che contengono un "nucelo neurosinaptico" che consta di una memoria integrata, di elementi di comunicazione ed elementi di computazione. Tramite avanzati algoritmi basati sui principi della neuroscienza, della nanoscienza e del supercomputing, questi chip cognitivi sono capaci di imitare i processi biologici che avvengono nel cervello umano.

I due prototipi sono operativi e attualmente in fase di test. Entrambi sono caratterizzati da 256 neuroni e realizzati tramite processo SOI-CMOS a 45 nanometri. Uno dei due core è provvisto di oltre 262 mila sinapsi programmabili, mentre l'altro ne contiene oltre 65 mila con capacità di apprendimento. I ricercatori sono stati capaci di ottenere applicazioni di machine vision, di memoria associativa, di classificazione, di navigazione e di riconoscimento di pattern.

La ricerca portata avanti da IBM rientra nel contesto del progetto SyNAPSE (System of Neuromorphic Adaptive Plastic Scalable Electronics) che ha l'obiettivo di creare un sistema in grado di ricombinarsi e di interagire con l'ambiente, analizzando le informazioni raccolte da diversi sensori. Il sistema dovrà inoltre essere capace di competere con il cervello umano in termini di dimensioni e consumi energetici.

Attualmente IBM, con la prototipazione dei chip cognitivi, ha completato la fase 0 e la fase 1 del progetto SyNAPSE mentre per quanto riguarda la fase 2 ha ottenuto un finanziamento di 21 milioni di dollari da parte del DARPA, il Defense Advanced Research Projects Agency. Per l'avanzamento della fase 2, IBM collaborerà con i ricercatori della Columbia University, Cornell University, University of California - Merced e Universiyy of Wisconsin - Madison. Scopo della collaborazione è la realizzazione di un'architettura computing cognitiva con elementi hardware e software integrati. Tra le possibilità di sviluppo è stato citato un SoC da 10 miliardi di neuroni e 100.000 miliardi di sinapsi, in grado di occupare meno di due litri di volume e di consumare un kilowatt di potenza.

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
iorfader23 Agosto 2011, 09:00 #1
cara redazione, ben tornati dalle vacanze (credevo non tornaste più a dire il vero )ora vi voglio belli pimpanti e vi perdono questa notizia old, ma mettetevi sotto e fate tornare sto sito al top!!!
Asterion23 Agosto 2011, 09:06 #2
Un computer in grado di formulare ipotesi? Non credo sarà mai possibile.
iorfader23 Agosto 2011, 09:13 #3
Originariamente inviato da: Asterion
Un computer in grado di formulare ipotesi? Non credo sarà mai possibile.


certo, tu sei fermo alle leggi dell'informatica...se il tuo cervello è in grado di formulare ipotesi, perchè un cervello robotico non dovrebbe? magari questo prototipo ibm ancora non lo fa, ma da qui a 20 o anche meno, stai pur certo che succederà
Abufinzio23 Agosto 2011, 09:22 #4
iorfader23 Agosto 2011, 09:27 #5
Originariamente inviato da: Abufinzio
http://goo.gl/hBGWb


appunto cvd...
polkaris23 Agosto 2011, 10:25 #6
Su queste cose si lavora da anni in vari laboratori sparsi per i mondo. La notizia significativa che che IBM ci sta investendo dei soldi e che si intravedono possibili applicazioni...anche se su questo punto l'articolo è un po' generico. Comunque se ci sarà un ritorno economico nel progettare chip neuronali prevedo una grande crescita. Devo dire però che fino ad ora i robot "intelligenti" sono solo su youtube e non ne vedo troppi in giro Se ce ne fosse uno ce mi può sostituire in ufficio lo comprerei volentieri....so che in Giappone i robot lavorano nei supermercati, ma rispetto agli umani sono parecchio limitati.
Quantum Element23 Agosto 2011, 14:04 #7
Originariamente inviato da: Asterion
Un computer in grado di formulare ipotesi? Non credo sarà mai possibile.


Peccato tu non sappia nulla di fisica e meccanica quantistica... Tante limitazioni fisiche dettate da teorie di scienziati già sono andate a farsi benedire...e quante altre verranno. Provate a essere meno banali e scontati...
sbudellaman23 Agosto 2011, 14:43 #8
Originariamente inviato da: Asterion
Un computer in grado di formulare ipotesi? Non credo sarà mai possibile.


Arrivare sulla luna ? Fandonie...
Sferica la terra ? Bah...
deckard9023 Agosto 2011, 17:14 #9
che figata...
certo bisogna stare attenti, non vorrei mai che andasse a finire come terminator o i geth di mass effect xD
fano23 Agosto 2011, 18:18 #10
Sì sarà ben il caso di limitarli con le 3 Leggi della Robotica sti "cosi cognitivi"

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^