Intel collabora con le università per la ricerca su cloud ed embedded computing

Intel collabora con le università per la ricerca su cloud ed embedded computing

L'azienda di Santa Clara annuncia l'apertura di due centri di ricerca presso la Carneige Mellon University per la ricerca sul mondo cloud computing e sui dispositivi embedded

di Andrea Bai pubblicata il , alle 08:55 nel canale Scienza e tecnologia
Intel
 

Nel corso della giornata di ieri Intel Labs ha annunciato l'apertura di due nuovi Intel Science and Technology Center (ISTC), entrambi presso la Carneige Mellon University. I due nuovi centri si concentreranno sulle attività di ricerca attorno al cloud computing e ai dispositivi embedded.

I due centri rappresentano un impegno di 30 milioni di dollari che fanno parte del programma di finanziamento di 100 milioni, su un arco di cinque anni, recentemente annunciato da Intel per il supporto agli ISTC e alla ricerca accademica. Come già annunciato nel caso dell'apertura dei precedenti ISTC per il visual computing ed il secure computing, i nuovi centri permetteranno una più stretta collaborazione tra i cervelli dell'università ed Intel. Gli ISTC fanno uso di modelli di proprietà intellettuale aperta, con i risultati che sono pubblicamente disponibili per mezzo di pubblicazioni tecniche e software open-source.

Justin Rattner, Chief Technology Officer per Intel, ha commentato: "Questi nuovi ISTC apriranno straordinarie possibilità. Immaginiamo, per esempio, le auto del futuro provviste di sensori e microprocessori per raccogliere ed analizzare costantemente informazioni sul traffico e sulle condizioni meteo. Queste informazioni potrebbero essere condivise e analizzate nel cloud in maniera tale che sia possibile fornire ai guidatori suggerimenti per itinerari più rapidi e più sicuri".

Uno dei due centri aperti da Intel formerà una nuova comunità di ricerca sul cloud computing che permetterà di apportare nuova linfa vitale all'iniziativa "Cloud 2015" di Intel, grazie alle idee dei ricercatori accademici, oltre ad includere nuovi progetti di ricerca per migliorare ed ampliare le esistenti iniziative cloud computing di Intel. Il centro riunisce ricercatori provenienti dalla Carneige Mellon University, dal Georgia Institute of Technology, dalla University of California Berkeley, dalla Princeton University e dalla stessa Intel. Ad occuparsi della ricerca per il mondo Embedded Computing vi saranno inoltre anche ricercatori provenienti dalla Cornell University, dall'University of Illinois at Urbana Champaign, dall'University of Pennsylvania e dalla Pennsylvania State University.

Nel primo caso le attività di ricerca verteranno su tecnologie che potranno avere importanti implicazioni future per il cloud computing, in particolare in direzione di una maggiore capacità di analisi di enormi moli di dati e di una maggiore distribuzione delle capacità di cloud computing facendo leva sulle tecnologie di comunicazione e sui dispositivi client. Nel secondo caso la ricerca sarà invece maggiormente focalizzata sulla progettazione di nuovi dispositivi embedded, in particolar modo sensori in grado di raccogliere ed analizzare informazioni in maniera costante.

Parallelamente all'apertura dei due nuovi centri, Intel porta il programma ISTC in una nuova fase invitando apertamente i ricercatori della comunità accademica statunitense ad inviare informazioni che possano essere utili alla definizione di nuovi ISTC. Gli interessati potranno inviare la documentazione ad Intel Labs che mira a riconoscere almeno un nuovo centro entro la fine dell'anno e la conseguente apertura nel corso del 2012.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^