Intelligenza artificiale supera il test di Turing 'per la prima volta nella storia'

Intelligenza artificiale supera il test di Turing 'per la prima volta nella storia'

Presentandosi come un comune tredicenne, un software ha ingannato il 33% dei giudici partecipanti all'evento Turing Test 2014, per cui "Eugene Goostman" era un essere umano in carne ed ossa

di Nino Grasso pubblicata il , alle 12:31 nel canale Scienza e tecnologia
 

Dopo 64 anni dalla sua invenzione, un computer è riuscito a superare il test di Turing, portando un terzo dei giudici a pensare che il proprio interlocutore fosse un essere umano in carne ed ossa, nella fattispecie un tredicenne con la passione per gli hamburger e per le caramelle, e con il padre ginecologo.

Eugene Goostman supera il test di Turing

Eugene Goostman era in realtà un personaggio fittizio, un software sviluppato appositamente dal russo Vladimir Veselov e dall'ucraino Eugene Demchenko per ingannare eventuali "interlocutori", con l'obiettivo di sembrare il più possibile un essere umano.

Creato nel 1950, il test di Turing è un sistema nato per determinare se una macchina sia effettivamente in grado di pensare, ovvero riunire diverse idee ed esprimerle in maniera intelligente. Il test si basa su tre soggetti: una "macchina" e un esponente umano che devono essere identificati da un terzo individuo, anch'esso umano.

Goostman ha superato il test durante la competizione Turing Test 2014 avvenuta lo scorso sabato a Londra, e sono stati proprio gli stessi organizzatori della University of Reading ad annunciare l'esclusività dell'avvenimento. "Alcuni affermeranno che il test era già stato superato in passato", ha precisato Kevin Warwick in un comunicato.

"Ma questa volta sono stati utilizzati più test di comparazione che in passato, i risultati sono stati certificati da enti indipendenti e, soprattutto, le conversazioni non avevano restrizioni". Lo scorso sabato, Goostman è riuscito ad ingannare il 33% dei giudici, una cifra leggermente superiore al 30% necessario per poter considerare il test superato.

Lo stesso programma era quasi riuscito nell'intento nel 2012, riuscendo ad ingannare il 29% dei giudici in un'altra competizione. Nonostante il traguardo maturato, tuttavia, siamo ancora lontani dal poter dire che esista un software in grado di pareggiare le capacità di pensiero di un essere umano. Il test di Turing, infatti, non vaglia l'attendibilità delle risposte, ma esclusivamente il grado di "umanità".

L'essersi proposto come un tredicenne, ancora poco esperto su alcune tematiche, ha di certo aiutato Goostman a superare la prova, avvenuta esclusivamente sotto forma di chat testuale. Lo stesso Veselov, uno degli sviluppatori della piattaforma, ha osservato: "La nostra idea principale era realizzare un programma in grado di rispondere ad alcune domande, ma che non conoscesse tutte le risposte anche a causa della sua età".

42 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
fgpx7809 Giugno 2014, 13:06 #1
Non è il supercomputer ad essere diventato intelligente: sono i 13enni odierni a essere talmente **** da poter essere imitati da un qualsiasi generatore casuale di K
maxsy09 Giugno 2014, 13:47 #2
a me sembra una mezza puttanata: cioe', a quali domande avrebbe risposto?
e poi: come fa a sapere che gli piacciono le caramelle se non ne conosce nemmeno il gusto...il padre fa il ginecologo? ma di quale padre parliamo? dei suoi inventori o chi altro?

bah! roba da matti.
PaulGuru09 Giugno 2014, 14:12 #3
Originariamente inviato da: fgpx78
Non è il supercomputer ad essere diventato intelligente: sono i 13enni odierni a essere talmente **** da poter essere imitati da un qualsiasi generatore casuale di K

Non solo i 13enni
deggial09 Giugno 2014, 14:14 #4
Originariamente inviato da: maxsy
a me sembra una mezza puttanata: cioe', a quali domande avrebbe risposto?
e poi: come fa a sapere che gli piacciono le caramelle se non ne conosce nemmeno il gusto...il padre fa il ginecologo? ma di quale padre parliamo? dei suoi inventori o chi altro?

bah! roba da matti.


Umh... forse non hai capito a fondo il senso del programma...
Quel programma simula le risposte che darebbe un tredicenne a cui piacciono le caramelle e ha il padre ginecologo...
Questo l'hanno deciso i due programmatori.

La cosa sensazionale, è che dei giudici hanno ritenuto le sue risposte come "umane".
E' come se nelle chat di incontri, notoriamente invase da programmi simili messi lì per farti iscrivere e farti pagare l'iscrizione (emh... io non ci sono mai stato, me l'ha detto mio cuggggino!), tu avessi la sensazione che dall'altra parte ci sia davvero una donna in carne e ossa (e curve).
skadex09 Giugno 2014, 14:30 #5
Benchè il film sia bruttino è proprio la tematica centrale della prima parte di "the machine" curiosamente (ma immagino anche di svariati altri mille mila); certo occorre vedere quali capacità di raziocinio possa avere realmente ovvero se Goostman è studiata per essere efficiente nel test di turing e non essere in grado di fare 1+1. Però è sempre interessante, sarei curioso di leggere domande e test, nel link ci si arriva al test condotto?
gutti09 Giugno 2014, 14:58 #6
Un pò impressione lo fa... ma ci sarà da preoccuparsi quando per riconoscere le IA ci vorrà il Voight-Kampff
carlottoIIx609 Giugno 2014, 15:33 #7
oh! finalmente il computer riesce a farsi passare come un bimbominkia!!
ora aspettiamo al donna artificiale che passa il test di ideale dicendo sempre sì!!
palleggiatore09 Giugno 2014, 15:47 #8
Originariamente inviato da: gutti
Un pò impressione lo fa... ma ci sarà da preoccuparsi quando per riconoscere le IA ci vorrà il Voight-Kampff

non so se hai mai visto su National Geographic il programma Cosmos (l'ultima puntata della serie più recente tradotta in italiano in prima tv è andata in onda ieri sera, te lo consiglio assolutamente), ma se pensi all'universo e al ruolo dell'uomo in esso, veramente
... tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
senza aver visto da vicino i bastioni di Orione...[SPOILER]
http://setiitalia.altervista.org/palebluedot.html[/SPOILER]
homoinformatico09 Giugno 2014, 16:01 #9
Originariamente inviato da: fgpx78
Non è il supercomputer ad essere diventato intelligente: sono i 13enni odierni a essere talmente **** da poter essere imitati da un qualsiasi generatore casuale di K


se scriveva perché nel formato xke fregava anche me. Con xké mi sarei gia insospettito
zappy09 Giugno 2014, 17:03 #10
Originariamente inviato da: maxsy
a me sembra una mezza puttanata: cioe', a quali domande avrebbe risposto?
e poi: come fa a sapere che gli piacciono le caramelle se non ne conosce nemmeno il gusto...il padre fa il ginecologo? ma di quale padre parliamo? dei suoi inventori o chi altro?

bah! roba da matti.

secondo me tu sei una macchina...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^