iRobot e Texas Instruments insieme per lo sviluppo di soluzioni robotiche

iRobot e Texas Instruments insieme per lo sviluppo di soluzioni robotiche

Texas Instruments metterà a disposizione la piattaforma multicore OMAP per lo sviluppo di soluzioni robotiche da parte di iRobot

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:06 nel canale Scienza e tecnologia
 

Texas Instruments e iRobot Corporation, azienda di primo piano nella realizzazione di soluzioni robotizzate, hanno annunciato di aver stretto un accordo per lo sviluppo e la realizzazione di tecnologie robotiche utilizzando la piattaforma multicore OMAP di Texas Instruments.

Si legge nel comunicato ufficiale: "Il rapporto tra le due realtà deriva dalla visione condivisa di creare robot intelligenti in grado di migliorare la qualità della vita. Le due compagnie raggiungeranno questo obiettivo facendo leva sul progresso di iRobot nel campo della robotica e sulla forza di Texas Instruments nell'ambito dei processori e delle tecnologie correlate".

La piattaforma OMAP consiste di un system on chip in grado di coniugare elevata efficienza ed elevate prestazioni: nell'annuncio congiunto non è però specificato quale versione della piattaforma OMAP verrà impiegata, se OMAP 5 che integra due core ARM Cortex-A15 e due core ARM Cortex-M4 oppure se si tratta di una nuova piattaforma in via di sviluppo. In ogni caso le soluzioni tecnologiche di Texas Instruments consentiranno ad iRobot di disporre di una serie di soluzioni dedicate alla processazione dell'immagine ed in genere all'analisi dei dati raccolti tramite vari tipi di sensori, in maniera non dissimile da ciò che avviene nei più recenti dispositivi smartphone.

iRobot è un'azienda che ha alle spalle venti anni di attività nell'industria della robotica con lo sviluppo e la realizzazione di soluzioni di presenza remota e dispositivi per la manutenzione domestica. Ad oggi iRobot ha commercializzato oltre 75 milioni di robot domestici sparsi per il mondo e 4500 robot per impieghi governativi sono state fornite alle forze militari e civili attorno al mondo per eseguire missoni di ricerca in luoghi pericolosi e di rimozione e disinnesco bombe.

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
checo14 Marzo 2012, 10:20 #1
cioè il roomba col dual core? LOL
sbudellaman14 Marzo 2012, 10:24 #2
Finora le cose più innovative che ho visto sono state marionette radiocomandate, robot ballerini e aspirapolveri "intelligenti".
Chissà quand'è che vedremo un robot degno di tale nome... si parla tanto di innovazione ma apparte internet ed i cellulari mi sembra che tutto sia uguale a 40 anni fa...
Paganetor14 Marzo 2012, 10:43 #3
"robot" non è solo il roomba o roba antropomorfa... ci sono un sacco di soluzioni che sono veri e propri robot, li utilizziamo e nemmeno lo sappiamo
StyleB14 Marzo 2012, 11:08 #4
sono almeno 20anni che promettono domotica sviluppata e robotica consumer... e a tutt'oggi una soluzione di virtual presence costa migliaia di euro, nonostante l'hardware della soluzione stessa ne costi si e no qualche centinaio.. e nessuna di queste è almeno un filo curata esteticamente in modo di poterla integrare in un ambiente domestico.
il resto? giocattoli o robot aspirapolvere.
sarebbe ora che la robotica usasse le scoperte degli ultimi anni invece che per esibizioni di stil, per migliorare la vita della gente e per rendere la robotica realmente consumer... anche se per arrivare ai livelli di Io Robot ci vorrà un po
Utonto_n°114 Marzo 2012, 14:10 #5
Chissà quando anche Apple vorrà entrare nel business... di sicuro gli farà causa per il nome!
come si sono permessi di copiare il brevetto della i davanti al nome??
K4rn4K14 Marzo 2012, 14:12 #6
io credo sia voluto il non espandersi di robot che rendano il lavoro, domestico, umano più facile. La popolazione sta aumentando e non diminuendo il che causa grossi problemi a livello lavorativo e demografico. Se facciamo 2 conti e iniziamo ad usare i robot per fare cose che ora fanno persone, il problema della disoccupazione aumenta a dismisura.
SpyroTSK14 Marzo 2012, 16:07 #7
@k4rn4k:
si ma quei "robot", prima o poi si guastano, di conseguenza serve manodopera per la riparazione

La quantità di lavoro rimarrà uguale o poco di meno, si sposta solo il settore lavorativo.
SpyroTSK14 Marzo 2012, 16:23 #8
anzi, ti dirò di più...se ci sono 10000 robot che producono bottiglie di vetro o che assemblano vetture, ci saranno i controlli visivi, test e aggiustamenti finali che comunque verranno fatti da umani.
ma qui 10000 robot prima o poi avranno magagne, e non puoi affidarti ad altre macchine per ripararle, di conseguenza il lavoro pesante lo faranno le macchine, noi le ripareremo.

E cosa ci guadagneremmo noi "end users"? semplice: il costo sarà ridotto perchè non ci sarà un'omino ad assemblare la macchina, ma quell'omino andrà a riparare i robot danneggiati, controllare la qualità dei pezzi/assemblaggio oppure farà altro all'interno dell'azienda stessa.

Poi mettiamola così:
Immaginate che tutti i beni primari vengano fatti/assemblati da macchine al 100%:
Quanto costa al mese una macchina che ari il terrreno, semini, bagni e raccolga il prodotto finale (esempio: pomodori) al 100%? nulla! lei lavora gratis, costa solo la manuntenzione, i semi, il carburante/elettricità (se con pannelli solari è gratis) e FORSE l'acqua.
Quindi i 2€ di pomodori al kg passerà a 1,50€ perchè non ci sarà un'omino ad arare il campo, seminare, bagnare e raccogliere, ma ci sarà l'omino X che controlla la qualità dei pomodori (cosa che già c'è, che le macchine funzionino a dovere (cosa che già c'è, nel caso in cui qualcosa vada male c'è l'omino Y che le aggiusta (cosa che già accade), il trasportatore (cosa che già c'è, il tizio che scarica/carica il camion con il muletto/attrezzi vari (cosa che già c'è, quello che le lavora (ad esempio che fà la passata di pomodoro, cosa che già c'è e in parte è automatizzata), il reparto vendita (cosa che già c'è, un'altro trasportatore che riempia i mercati (cosa che già c'è, il venditore (cosa che già c'è.

quindi, a noi, se le macchine fanno i lavori più pesanti, ne gioveremmo solamente. anche perché ci sono MOLTISSIMI lavori che le macchine a priori non potrebbero fare, sia per logica che per difficoltà di maneggevolezza, ad esempio voglio vedere se le macchine sono in grado di estrarre i bulbi dello zafferano (infatti, viene fatta interamente a mano, per quello costa un botto).
sbudellaman14 Marzo 2012, 19:02 #9
Originariamente inviato da: K4rn4K
io credo sia voluto il non espandersi di robot che rendano il lavoro, domestico, umano più facile. La popolazione sta aumentando e non diminuendo il che causa grossi problemi a livello lavorativo e demografico. Se facciamo 2 conti e iniziamo ad usare i robot per fare cose che ora fanno persone, il problema della disoccupazione aumenta a dismisura.

Si vabbè.. se una cosa può far soldi viene fatta e basta. Un prodotto che aumenta la produttività abbassando il costo farebbe gola a chiunque, e non credo proprio che un azienda si preoccuperebbe del problema della disoccupazione...
Baboo8514 Marzo 2012, 19:31 #10
Se mi fanno Numero 5 in scala 1:1 che mi parla (e non con le frasi preregistrate ma una conversazione semplice ma reale) glielo compro subito

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^