iRobot: Roomba 980 costruirà la mappa per la smart home del futuro

iRobot: Roomba 980 costruirà la mappa per la smart home del futuro

Sarà possibile per il sistema di gestione della smart home non solo sapere che ci sono oggetti connessi, ma anche la loro posizione all'interno della casa, grazie alla mappa con landmark creata da Roomba 980: è la mappa la porta di ingresso nel futuro per iRobot

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 13:31 nel canale Scienza e tecnologia
iRobot
 

Lo confesso, ero abastanza scettico avvicinandomi ieri alla conferenza stampa iRobot per il lancio del nuovo Roomba 980. Era ormai noto a tutti che avrebbe rappresentato l'ingresso di iRobot nel mondo dell'Internet of Things, ma mi aspettavo poco più di un modulo Wi-Fi a bordo e un'app di controllo. Invece, come spesso accade, quando ha preso la parola il CEO e co-fondatore della compagnia Colin Angle il panorama è completamente cambiato. Avevo avuto l'occasione di scambiare qualche parola con Colin qualche anno fa durante un'intervista e avevo avuto la conferma della sua ottima reputazione: Mr. Angle va inserito a pieno diritto nella schiera dei visionari dell'industria statunitense. Stiamo parlando un personaggio che già 25 anni fa aveva una chiara visione di come i robot sarebbero entrati nelle case della gente comune.

Un personaggio che già 25 anni fa aveva una chiara visione di come i robot sarebbero entrati nelle case della gente comune

Internet of Things è certamente una delle parole del momento e nessun prodotto dedicato alla casa può fare a meno di confrontarsi con questo mondo. Proprio qui arrivano il nuovo Roomba 980 e la visione di Mr. Angle. Nel presentare il nuovo robot aspirapolvere Colin è partito da lontano, fino ai primi passi mossi dagli Stati Uniti. In particolare è stata la conquista del West al centro del discorso di Angle. Così come Lewis e Clark nella loro spedizione alla scoperta dei territori orientali si sono mossi seguendo delle regole e poi creando delle mappe, il nuovo Roomba 980 va alla scoperta della nostra casa basandosi su alcune regole, ma grazie a una serie di sensori è anche in grado di creare una mappa molto precisa dell'abitazione. Un sensore ottico (simile a quello dei mouse) analizza il pavimento mentre una telecamera - posta nella parte superiore - osserva l'ambiente circostante alla ricerca di punti di riferimento. Mettendo insieme i dati di navigazione, quelli sulle superfici attraversate e i punti di riferimento ripresi dalla videocamera, Roomba 980 è in grado di creare una mappa molto precisa.

La mappa al momento è ad uso e consumo del solo robot e risiede nella sua memoria interna, ma è la vera porta con cui iRobot entra nell'Internet delle Cose. Attualmente serve al robot aspirapolvere per ottimizzare i percorsi all'interno della casa, per tornare in modo veloce e diretto alla base di ricarica e per riprendere un lavoro lasciato a metà per l'esaurimento delle batterie. In questo modo Roomba 980 è più efficiente, può pulire con una sola carica un'area maggiore, ma soprattutto non ha limiti di area pulibile, visto che ogni volta può tornare a caricarsi e riprendere il lavoro esattamente da dove lo aveva lasciato. La mappa che il robot si costruisce è però alla base della nuova visione del futuro di Colin Angle. Un giorno potrà essere inviata - dietro autorizzazione dell'utente - al cloud, dove potrà essere condivisa con altri oggetti connessi. Naturalmente i primi della lista saranno gli altri prodotti iRobot, ad esempio Braava, il robot che passa lo straccio bagnato, ma anche altri oggetti potranno beneficiare della mappa, anzi essa potrà diventare la base per la gestione della smart home.

Nel futuro, secondo il CEO di iRobot c'è una smart home connessa, ma anche geolocalizzata

Sarà possibile per il sistema di gestione non solo sapere che ci sono oggetti connessi (la TV, il frigorifero, la lavatrice), ma sarà possibile conoscere anche la loro posizione all'interno della casa, grazie alla mappa con landmark creata dal robot. Sulla base della mappa, ad esempio, il televisore sarà collocato spazialmente e potrà accendersi nel momento in cui l'utente, rientrato in casa dopo il lavoro, si reca in salotto per un momento di relax. Nel contempo potrebbe partire la lavatrice, sapendo che il rumore non disturba, visto che l'utente è in un'altra stanza, e le luci potranno seguire le persone, accendendosi e spegnendosi in base alla loro posizione. Nel futuro, secondo il CEO di iRobot c'è una smart home connessa, ma anche geolocalizzata in cui l'intelligenza della casa starà, come avviene per i suoi abitanti, non solo nel poter interagire con gli oggetti connessi, ma anche sapendo esattamente dove essi si trovano. Con Roomba 980, iRobot ha confermato di essere un'azienda con una chiara visione del futuro, la domanda di molti potrà però essere quanto costa al momento entrare in questo futuro. Roomba 980 rappresenterà il top di gamma dell'offerta iRobot e avrà un posizionamento di 1.200€: Nital, il distributore italiano dei prodotti iRobot, crede molto in ogni caso nel nuovo prodotto, con un ampio mercato di fronte e una base di già mezzo milione di robot venduti in Italia.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
randorama05 Novembre 2015, 14:35 #1
quindi è lecito aspettarsi un ulteriore calo di prezzo delle serie precendenti?
ottimo!
Cappej05 Novembre 2015, 15:13 #2
se poi le mappe di casa le inviate a Rape&furti.com, sarà possibile farvi ripulire casa senza perdere troppo tempo e senza cercare inutilmente! sarà Roomba a dirvi dove è la cassaforte!
"Basta cacche su divano! casa ripulita, a fondo, in modo pulito!"
jepessen05 Novembre 2015, 15:35 #3
La tecnologia sembra promettente (tralasciando per adesso potenziali problemi di sicurezza) ma ancora mi sembra un po' immatura. Il mio iRoomba 780 svolge tutto egregiamente ed hanno gia' ottimi algoritmi bottom-top per la copertura della casa. Non so a quali miglioramenti tangibili possa portare cio', a parte forse la sincronizzazione fra due dispositivi, tipo che uno lava per terra dove il primo ha gia' aspirato, senza aspettare che il primo finisca.

Cmq il prezzo per quello che attualmente offre a mio avviso e' esagerato. Il valore aggiunto lato domotica non mi sembra cosi' elevato da giustificare un tale aumento di prezzo. Sarei curioso piu' che altro di capire quali miglioramento abbiano fatto lato aspirazione e pulizia, che dovrebbe essere prioritario in un robot di questo tipo.

Se poi uno vuole divertisi puo' anche moddare il roomba. Ci sono gia' progetti che permettono di mappare una casa, ad esempio http://www.ai.sri.com/~gerkey/roomba/index.html#links
Utonto_n°106 Novembre 2015, 09:02 #4
"il televisore sarà collocato spazialmente e potrà accendersi nel momento in cui l'utente, rientrato in casa dopo il lavoro, si reca in salotto per un momento di relax. Nel contempo potrebbe partire la lavatrice, sapendo che il rumore non disturba, visto che l'utente è in un'altra stanza, e le luci potranno seguire le persone, accendendosi e spegnendosi in base alla loro posizione."

Per le luci sono molto più efficienti dei sensori di presenza, costano meno e sono più precisi (anche se poi rimane il fattore: se voglio camminare al buio perchè è notte e gli altri dormono?), per quanto riguarda la TV: ma a che cavolo serve?? e se invece voglio leggere un libro? e poi, tutto sto casino per non prendere in mano un telecomando?
insomma, spero che il futuro non porti tanta assurdità...
Compresa la lavatrice che parte e si ferma di continuo se cambio di continuo stanza...
jepessen06 Novembre 2015, 11:24 #5
Originariamente inviato da: Utonto_n°
insomma, spero che il futuro non porti tanta assurdità...
Compresa la lavatrice che parte e si ferma di continuo se cambio di continuo stanza...


Future...

Link ad immagine (click per visualizzarla)
azetaelle06 Novembre 2015, 14:48 #6
se mi aiuta anche a ritrovare prima tutte le cose che perdo regolarmente in casa (le chiavi, il portafoglio, il cellulare ecc...) lo compro subito!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^