L'Università di Yale dimostra l'anti-laser

L'Università di Yale dimostra l'anti-laser

Un gruppo di ricercatori ha dato la dimostrazione pratica di un dispositivo in grado di assorbire il 99,4% dei fotoni di un raggio laser

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:00 nel canale Scienza e tecnologia
 

Un team di fisici della Yale University ha costruito un dispositivo all'interno del quale due raggi di luce di lunghezza d'onda definita ed identica possono interferire, essere assoribiti dal dispositivo stesso e annullarsi a vicenda. I ricercatori chiamano questo dispositivo "coherent perfect absorber", ma a scopi divulgativi viene utilizzato il più suggestivo termine "anti-laser". A riportare la notizia è il sito web Nature News.

Laddove un laser (acronimo di Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation) è in grado di emettere raggi coerenti di fotoni identici, l'antilaser realizzato dai fisici della Yale University assorbe invece due radiazioni elettromagnetiche convertendole in un altra forma di energia, verosimilmente calore.

Si tratta della dimostrazione di una teoria già suggerita da qualche tempo: impiegando un banco ottico i ricercatori hanno "diviso" in due un raggio infrarosso emesso da un laser in titanio-zaffiro, direzionando opportunamente i due raggi risultanti in corrispondenza delle superfici opposte di un wafer in silicio contenuto in una particolare cavità.

Regolando opportunamente la lunghezza d'onda del raggio e la loro fase al momento dell'ingresso nel wafer di silicio, i loro fotoni restano intrappolati all'interno di esso, venendo quasi completamente assorbiti dallo stesso. I fisici hanno infatti documentato una percentuale di assorbimento del 99,4%, un risultato sperimentale mai registrato prima d'ora.

I fisici hanno comunque precisato che si tratta di un esperimento con il preciso scopo di dimostrare un principio già avanzato da qualche tempo, e che sarà necessario ancora molto lavoro per poter realizzare un dispositivo pratico basato su questo principio. Un dispositivo del genere potrebbe trovare impiego nel campo medico e nel campo delle comunicazioni ottiche.

47 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
fraussantin18 Febbraio 2011, 15:07 #1
INTERESSANTE , potrebbe venirne fuori un nuovo modo di trasportare energia.
MadMax of Nine18 Febbraio 2011, 15:14 #2
internet, tv, telefono e... riscaldamento a fibre ottiche...
piererentolo18 Febbraio 2011, 15:26 #3
Le astronavi spaziali verranno dotate tutte di questa tecnologia, i raggi laser sono molto pericolosi se sparati da una razza aliena.
Rocker Rabbit18 Febbraio 2011, 15:38 #4
Originariamente inviato da: piererentolo
Le astronavi spaziali verranno dotate tutte di questa tecnologia, i raggi laser sono molto pericolosi se sparati da una razza aliena.


ma solo se é aliena...se la razza é umana si rivela un antibiotico straordinario XD XD XD XD é già iniziato il razzismo interplanetario
ReDBlacKSkY18 Febbraio 2011, 15:42 #5
funziona anche coi laser della polizia stradale?
Alpha418 Febbraio 2011, 15:57 #6
osservazione semplicemente spettacolare
per la stradale sei... fermo LOL

matteo222218 Febbraio 2011, 16:02 #7
Con l'aumento dell'energia che assorbe, chissà quante cose ci possono fare.
ranma over18 Febbraio 2011, 16:29 #8
è il faser!
Rubberick18 Febbraio 2011, 16:38 #9
sara' ma l'articolo non e' chiarissimo... hanno realizzato un raggio in grado di modulare in fase un altro raggio allo scopo di farlo assorbire bene da un pezzo di semiconduttore o hanno realizzato un raggio a se stante che assorbe tutta la luce visibile scippandola alla sua originaria destinazione...
CheCk_OuTSidE18 Febbraio 2011, 16:38 #10
Originariamente inviato da: Alpha4
osservazione semplicemente spettacolare
per la stradale sei... fermo LOL


Veramente i laser della stradale funzionano per rifrazione... calcolano il tempo di ritorno dei fotoni del raggio laser sparato per calcolare la tua velocità...
Quindi tutt'al più risulti 'invisibile' non tornando indietro nulla!!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^