Membrane in grafene per migliorare i sensori MEMS

Membrane in grafene per migliorare i sensori MEMS

I sensori di pressione MEMS possono essere ulteriormente miniaturizzati e resi più sensibili grazie all'impiego di apposite membrane in grafene rispetto alle attuali configurazioni in silicio

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:21 nel canale Scienza e tecnologia
 

Un gruppo di ricercatori dello Swedish KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma ha scoperto che l'impiego del grafene può incrementare la sensibilità dei sensori MEMS (Micro Electro Mechanical System) di circa 100 volte rispetto alle strutture attualmente impiegate.

Frank Niklaus, professore presso il KTH, ha commentato: "Il vantaggio dell'impiego di membrane di grafene per sensori piezoresistivi sta nella loro estrema sottigliezza. La sensibilità di un sensore a membrana piezoresistiva cresce con un ridoddo spessore della membrana".

I sensori piezoresistivi vengono utilizzati per rilevare differenze di pressione e sono di norma realizzati con l'impiego di piezoresistenze in silicio in maniera tale che il valore della resistenza possa consentire di risalire al valore della pressione. Declinati in forma MEMS questo tipo di sensori sono costituiti da una membrana sospesa su di una cavità, realizzata "scavando" il diossido di silicio sullo strato sottostante la membrana.

La versione realizzata dai ricercatori del KTH sospende un sottile strato di grafene su una cavità ricavata in una pellicola di diossido di silicio su un substrato in silicio. Lo spessore della membrana in grafene, al di sotto del nanomero per il monostrato, incrementa di conseguenza la sensibilità dell'effetto elettromeccanico che sta alla base del funzionamento del sensore. Questo tipo di struttura consente di realizzare sensori di qualche micron di lunghezza, rispetto ai centinaia di micron dei sensori piezoresistivi in silicio realizzati attualmente.

"Qualunque sensore MEMS che si basa sull'effetto piezoresistivo con una configurazione di membrana può beneficiare di questo concetto" ha commentato Niklaus. Al progetto hanno collaborato anche alcuni ricercatori dell'Università di Udine e dell'Università di Seigen (Germania). Il progetto è stato finanziato dall'European Research Council, dal Deutsche Forschungsgemeinschaft e dal MIUR.

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7711 Luglio 2013, 14:26 #1

Formula:
"QUALSIASI COSA" + Grafene = QUALSIASI COSA CENTO VOLTE PIU' POTENTE

Ragazzi ormai mi chiedo se sia un materiale mitologico.. migliora tutto di cento volte ma non se ne vede in giro una sola fibrilla..

Ma tecnologicamente parlando.. siamo in grado di produrre grafene in volumi?? E ovviamente a costo ragionevole??
Bivvoz11 Luglio 2013, 14:29 #2
Originariamente inviato da: demon77

Formula:
"QUALSIASI COSA" + Grafene = QUALSIASI COSA CENTO VOLTE PIU' POTENTE

Ragazzi ormai mi chiedo se sia un materiale mitologico.. migliora tutto di cento volte ma non se ne vede in giro una sola fibrilla..

Ma tecnologicamente parlando.. siamo in grado di produrre grafene in volumi?? E ovviamente a costo ragionevole??


Credo di no.
Originariamente inviato da: wikipedia]Il grafene è
Non credo si produca facilmente in grandi quantità e a prezzi ragionevoli

Un articolo su urbanpost.it (trovato per caso) conclude con:
[QUOTE]L’unico problema del grafene riguarda la sua produzione, dato che ancora si produce con la tecnica del nastro adesivo. Ci sono delle aziende che lo producono, come la Directa Plus di Como, ma per avere delle applicazioni concrete di questo materiale si dovrà aspettare almeno mezzo secolo.
Raven11 Luglio 2013, 15:30 #3
oooh... per fortuna una news sul grafene!... era quasi una settimana che non se ne parlava, cominciavo a preoccuparmi!






e qua mi quoto

Originariamente inviato da: Raven
L'unico materiale con cui si può fare DI TUTTOOOO!!! (ma di cui, agli atti pratici, nessuno ha ancora visto NIENTEEEE!!! )
benderchetioffender11 Luglio 2013, 15:54 #4
unicorni al grafene
Cappej11 Luglio 2013, 15:56 #5
eccolo! mi mancava questa settimana

... ma la PIZZA AL GRAFENE!? no...?
demon7711 Luglio 2013, 16:21 #6
Oh cavolo... fermi tutti!

..EUREKA!!!!!
Facciamo il GRAFENE AL GRAFENE!!!

Un grafene chè cento volte più potente del grafene normale!!!!
Rubberick11 Luglio 2013, 19:22 #7
Originariamente inviato da: demon77
Oh cavolo... fermi tutti!

..EUREKA!!!!!
Facciamo il GRAFENE AL GRAFENE!!!

Un grafene chè cento volte più potente del grafene normale!!!!


muoio... sul serio a sto giro senza sprecarsi a fare architetture assurde... ci basta un chip vecchio come il cucco...

fate un pentium 2 o anche un vecchio 486... ma fatelo al grafene (e giro' a 300Ghz... ad aria :asd
Rubberick11 Luglio 2013, 19:26 #8
Originariamente inviato da: demon77

Formula:
"QUALSIASI COSA" + Grafene = QUALSIASI COSA CENTO VOLTE PIU' POTENTE

Ragazzi ormai mi chiedo se sia un materiale mitologico.. migliora tutto di cento volte ma non se ne vede in giro una sola fibrilla..

Ma tecnologicamente parlando.. siamo in grado di produrre grafene in volumi?? E ovviamente a costo ragionevole??


quoto un mio amico su skype che seguendo il tuo ragionamento:

"ho letto qualche commento"

"ci mancano solo i condom al grafene"

WarSide11 Luglio 2013, 19:27 #9
Imho la redazione di hwu tira fuori una news sul grafene ogni settimana per leggerne poi i commenti

Io sinceramente sto aspettando i condom al grafene... così passiamo, chessò, da 30Hz a 300Hz

EDIT: ero il tipo menzionato più su
omerook11 Luglio 2013, 20:40 #10
Originariamente inviato da: demon77
Oh cavolo... fermi tutti!

..EUREKA!!!!!
Facciamo il GRAFENE AL GRAFENE!!!

Un grafene chè cento volte più potente del grafene normale!!!!


semplicemente geniale..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^