Memorie a tecnologia ottica, il RIKEN prova una nuova strada

Memorie a tecnologia ottica, il RIKEN prova una nuova strada

Un nuovo metodo di autoassemblaggio di particolari molecole fotocromiche potrebbe portare ad una più semplice produzione di memorie a tecnologia ottica

di Andrea Bai pubblicata il , alle 13:01 nel canale Scienza e tecnologia
 

Un gruppo di ricercatori dell'istituto giapponese RIKEN ha sviluppato un metoto di autoassemblaggio per la realizzazione di strutture molecolari ben ordinate che potrebbero portare alla produzione scalabile di dispositivi optoelettronici organici da usare per impieghi di storage, principalmente in forma di "memoria ottica".

Alcune ricerche antecedenti a questa hanno mostrato infatti come le molecole organiche siano in grado di mutare in maniera reversibile il loro stato in risposta a pulsazioni luminose, una qualità utile per conservare 0 e 1 digitali in forma differente rispetto a quanto avviene oggi con le cariche elettriche.

Affinché le molecole possano operare in un dispositivo optoelettronico è però necessario che siano organizzate in un solo strato, molto ordinato, vincolato ad una superficie metallica. Ed è proprio qui dove nascono i problemi: una volta unite, le proprietà ottiche delle molecole possono risultare alterate, così da rendere difficile la possibilità di disporre delle proprietà desiderate. I ricercatori del RIKEN hanno studiato quindi le interazioni tra dipoli elettrici di molecole e ioni di metalli alcalini per creare un monostrato omogeneo di molecole di diariletene su una superficie in rame.

Le molecole di diariletene utilizzate dai ricercatori sono fotocromiche, cioè possono cambiare colore in maniera reversibile quando irradiate dalla luce. Ciò che però distingue queste molecole è il fatto di avere dipoli elettrici che permette loro di autoassemblarsi sul substrato di rame mantenendo le loro proprietà fotocromiche.

"Con una collocazione omogenea e fitta di molecole su una superficie solida potremo essere in grado di sviluppare un dispositivo di memoria con una densità dalle centinaia alle migliaia di volte superiore rispetto alle tecnologie attuali. Ora vogliamo cercare di ottenere lo switching on-off in maniera controllata di singole molecole nella struttura" ha commentato Tomoko Shimizu, ricercatore che ha coordinato il progetto.

Si tratta di una ricerca ancora in fase iniziale, in uno scenario dove la competizione per lo sviluppo di tecnologie ottiche ad uso memorie è agguerritissima. Ma la promessa di una "produzione scalabile" fa sperare per un potenziale a lungo termine della tecnologia.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
CrapaDiLegno15 Dicembre 2014, 13:23 #1
Interessante.

Ma poi per scriverle si mette un fotodiodo grnde come una molecola davanti a ciascuna di esse o si usa un laser che le "mira"?

E per leggerle?

qboy15 Dicembre 2014, 15:59 #2
Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
Interessante.

Ma poi per scriverle si mette un fotodiodo grnde come una molecola davanti a ciascuna di esse o si usa un laser che le "mira"?

E per leggerle?


per questo c'è il grafene
LMCH15 Dicembre 2014, 16:03 #3
Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
Interessante.

Ma poi per scriverle si mette un fotodiodo grnde come una molecola davanti a ciascuna di esse o si usa un laser che le "mira"?

E per leggerle?


Su quello ci stanno ancora lavorando, infatti nell'articolo c'è scritto:
Ora vogliamo cercare di ottenere lo switching on-off in maniera controllata di singole molecole nella struttura" ha commentato Tomoko Shimizu, ricercatore che ha coordinato il progetto.


Ci sono vari metodi ed approcci al problema, ma molto dipende da cose in cui nell'articolo non si parla.
marco_18217 Dicembre 2014, 13:01 #4
Questi sono articoli che meritano e meriterebbero ancor più attenzione, sono molto curioso dei progressi che avrà questo sistema.

Solo la parola "ottici" fa venire la pelle d'oca, pensando a quanto veloci saranno memorie di questo genere, abbinate ad un'interfaccia anch' essa ottica si eliminano i colli di bottiglia esterni (memoria-interfaccia) per poi concentrarsi su un sistema hardware (macchina-interfaccia) in grado di stargli dietro in maniera abbastanza adeguata.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^