Microdroni con sistemi visivi ispirati all'occhio composto degli insetti

Microdroni con sistemi visivi ispirati all'occhio composto degli insetti

Ancora una volta la tecnologia si ispira al mondo della natura: due progetti di ricerca distinti stanno portando avanti la realizzazione di sistemi visivi composti, simili agli occhi degli insetti

di Andrea Bai pubblicata il , alle 08:01 nel canale Scienza e tecnologia
 

La realizzazione di un sistema di fotocamere in grado di comportarsi come gli occhi composti simili al sistema visivo degli insetti rappresenta un filone di ricerca e sviluppo attualmente molto vivace, soprattutto nel contesto della progettazione di micro-droni, prevalentemente con funzioni ed impieghi militari.

L'ultima attività in questo campo è del CURVACE, un gruppo di ricerca svizzero che ha presentato il prototipo CACE - Curved Artificial Compound Eye, un sistema composto da una striscia di piccole fotocamere che può essere collocata su di un substrato flessibile il quale, opportunamente sagomato, consente di realizzare un angolo di visione di 180 gradi. L'abbinamento di due prototipi affiancati permette quindi di ottenere un campo visivo di 360 gradi.


L'occhio composto artificiale dell'Università dell'Illinois

Il prototipo presentato dal CURVACE segue di qualche settimana quello realizzato dall'università dell'Illinois (ne abbiamo parlato in questa notizia), la quale ha messo a punto anch'essa un sistema di 180 microcamere che operano contemporaneamente e disposte su una calotta sferica, ispirandosi direttamente alla conformazione dell'occhio composto di un insetto. Questi sistemi di microcamere risultano essere particolarmente efficaci nelle applicazioni di rilevazione del movimento o, più nello specifico, quando è necessario rilevare cambiamenti dell'intensità luminosa, generati dal movimento di qualche oggetto.

Entrambe le invenzioni, come già accennato, saranno facilmente utilizzate in ambito militare come strumenti e risorse da impiegare in attività e missioni di ricognizione, ricerca e recupero. L'università dell'Illinois sta infatti finanziando il progetto con parte dei fondi provenienti dal DARPA (Defense Advance Research Project), che ha da tempo mostra interesse nelle potenzialità dei droni. CURVACE iceve una parte dei finanziamenti dall'European Commission Future and Emerging Technologies program.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
aled197422 Maggio 2013, 09:31 #1
interessante ma con la definizione attuale (vedi filmato) non propriamente usabile e sinceramente non capisco perchè

a momenti non si distinguono le piastrelle bianche da quelle nere e la distanza non è percepibile

dipenderà dai sensori o dal programma di gestione e interpolazione delle immagini?

ciao ciao
calabar22 Maggio 2013, 10:31 #2
Quello è il modo in cui vede il robot, non deve essere necessariamente comprensibile anche per noi.
Il sensore, per come viene mostrato per lo meno, non è inteso per essere una macchina fotografica a "grandangolo" ma un vero e proprio "occhio" artificiale per droni/robot.
aled197422 Maggio 2013, 11:02 #3
ok, ma il drone/robot a meno di non essere dotato di un'intelligenza artificiale sofisticatissima e autonoma dovrà essere guidato da un essere umano (es. scopi militari)

lui simulerà perfettamente un insetto ma se c'è un uomo dietro che lo pilota, diventerà ubriaco in 5 minuti senza nemmeno sapere cosa stia facendo fare al drone

sicuramente sarà perchè siamo solo all'inizio dello sviluppo

ciao ciao
Ilyich23 Maggio 2013, 00:57 #4
io credo che la risoluzione sia pessima perchè è chiaro che non è un progetto definito... credo che più che altro il video abbia voluto dimostrare come "l'occhio" sia operativo e funzionante al 100% sui robot, ora si passa alla fase due...

in ogni caso consideriamo sempre l'ipotesi dei droni senza pilota...
aled197423 Maggio 2013, 10:18 #5
intendevi questo? http://en.wikipedia.org/wiki/Phalanx_CIWS

ciao ciao

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^