Pi Charger, ricarica wireless multi-device anche a distanza

Pi Charger, ricarica wireless multi-device anche a distanza

Pi è una start-up americana che punta a ridurre i limiti della ricarica wireless, consentendo la ricarica dei dispositivi anche a breve distanza

di Nino Grasso pubblicata il , alle 08:21 nel canale Scienza e tecnologia
 

Da alcuni anni il mercato mobile ha abbracciato le tecnologie di ricarica wireless con diversi standard ormai consolidati. Fra questi anche lo standard Qi, che anche Apple ha utilizzato per introdurre il supporto alla ricarica wireless sui nuovi iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X. In realtà si è trattato di una piccola delusione, visto che diversi rumor puntavano sulla presenza di una tecnologia di ricarica wireless capace di ricaricare il dispositivo anche a distanza.

Ma è davvero possibile farlo? Secondo una start-up con sede in California, Pi, la risposta a questa domanda è affermativa. Pi Charger è un dispositivo da tavolo dalla forma conica senza punta che combina la tecnologia a induzione di Qi con un algoritmo beam-forming proprietario che consente di ricaricare anche più dispositivi se posti ad una distanza di massimo 30 centimetri. In passato altre società avevano ipotizzato la ricarica senza fili a distanza, come ad esempio Energous WattUp.

Il Pi Charger è una soluzione meno efficace, ma anche meno invasiva e più pratica. Certamente un passo in aventi rispetto agli attuali pad che richiedono che gli smartphone vengano appoggiati su di essi per essere ricaricati. La tecnologia è stata inoltre mostrata dal vivo all'evento Disrupt di TechCrunch, in cui quattro dispositivi sono stati posizionati a circa 30 centimetri dal Pi Charger iniziando così il processo di ricarica grazie al sapiente sfruttamento dei campi magnetici.

I dispositivi possono essere posizionati entro un raggio d'azione di circa 30 centimetri dal caricabatterie wireless, tuttavia la ricarica sarà più rapida man mano che vengono avvicinati: "I campi magnetici rappresentano il miglior metodo per inviare l'energia a smartphone, tablet ed altri dispositivi elettronici mobile", ha detto Lixin Shi, CTO e co-fondatore di Pi. "La parte più difficile è stata capire come rendere la ricarica magnetica più flessibile estendendo il range utile di ricarica".

Il team sta ancora pensando ad un giusto prezzo al pubblico per il caricabatterie, che potrebbe essere inferiore a 200 dollari con disponibilità prevista già nel 2018. Apple potrebbe integrare una tecnologia simile con i prossimi modelli in arrivo, tuttavia ci sono diverse prove che quella scelta dalla società di Cupertino sarà sviluppata in collaborazione con Energous. La ricarica wireless sta quindi affrontando un nuovo step evolutivo, con i primi frutti ravvisabili a partire dall'anno prossimo.

 

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s-y21 Settembre 2017, 09:01 #1
uhm, l'idea del campo elettromagnetico che cambia forma e va _solo_ verso i device in carica, è certamente affascinante, ma non so. da capire se/cosa/come per bene, che ad ora abbastanza fumosa
ShinyDiscoBoy21 Settembre 2017, 09:06 #2
avrei un paio di domande..
"I campi magnetici rappresentano il miglior metodo per inviare l'energia a smartphone, tablet ed altri dispositivi";
sì? perchè?

"Apple potrebbe integrare una tecnologia simile con i prossimi modelli in arrivo"
Che standard usa Apple? non Qi?
jepessen21 Settembre 2017, 09:37 #3
Ah buon per loro che sono riusciti a separare il campo magnetico variabile da quello elettrico, Maxwell da lassu' si stara' mangiando le unghie pensando a quanti soldi poteva farli se ci pensava lui...
s-y21 Settembre 2017, 09:49 #4
spero sia una sorta di typo... (anzi mi pare che nell'articolo linkato si parli di elettromagnetici)
altrimenti il ceo dell'azienda è un x-men
An.tani21 Settembre 2017, 11:56 #5
Dalla foto si capisce che serve anche a tenere caldo il caffè nella tazza...

Non saprei, credo che per caricare un dispositivo servano onde elttromagnetiche di una certa potenza.. un caricabatterie normale usb da fuori 10W io una roba del genre in casa non me la metterei

E poi la gente si lamenta del wifi da 1mw
s-y21 Settembre 2017, 12:20 #6
dice il consumo massimo è 20W (alla presa, anche se non è chiaro come molto altro...)
ma di questa versione, che pare che ne sia prevista una più potente

ripeto, molto fumoso come l'ice coffe dopo un pò che sta nelle vicinanze
djfix1321 Settembre 2017, 14:01 #7
scusate ma se il consumo massimo è 20W e contando anche una benevola gestione dell'energia con resa dell'80% in invio e metto vicino 4 dispositivi, ogni dispositivo riceve 4W; quindi si ricaricano con un tasso inferiore del 60% (con ovvie ripercussioni sul tempo di ricarica). al momento il mio vecchio Note4 usa fast charge da 15W (9V x 1,67A) quindi sarebbe un acquisto senza senso di 200 euro che carica a rallenty con una vicinanza pari a qualsiasi cavo usb!
biffuz21 Settembre 2017, 14:04 #8
Per me "a distanza" vuol dire un bel po' di più di 30 cm. Un pad mi risulta molto più comodo di questo coso qui.
s-y21 Settembre 2017, 14:09 #9
nelle idee, per quanto appunto 'fumose', quindi suppongo, è proposto più come 'per gruppi', più che per uso personale, e ovviamente le prestazioni non possono essere pari al cavo, altrimenti diventerebbe inutile il forno per cucinare (iperbole ovviamente)

il tutto appunto a prescindere (e non è poco) da quanto scritto sopra, non solo da me, che alla fine ne so il giusto
floc21 Settembre 2017, 15:39 #10
avendo idea di come funziona un wireless charger, quello che scrivono non è una supercazzola ma ha un senso, ed è già qualcosa.

Avranno elaborato una tecnologia o un sensore più sensibile per creare il "ponte" tra le due spirali usate, quello che mi è francamente oscuro non essendo un esperto è come avere un flusso così circoscritto, indirizzamento via beamforming a parte. Nella mia idea ok i 30 cm ma in quei 30cm non ci metterei la testa.

Già altre startup ci avevano provato per poi abbandonare la cosa dopo aver scoperto i rischi per la salute che ne derivavano, alla fine è come avere un piccolo microonde aperto e funzionante.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^