Processo produttivo a 14 nanometri nel 2014 per GlobalFoundries

Processo produttivo a 14 nanometri nel 2014 per GlobalFoundries

L'azienda americana produttrice per conto di varie aziende impegnate nel mercato dei semiconduttori annuncia la disponibilità di tecnologia a 14 nanometri di tipo XM, Extreme Mobility, per il 2014. Si tratta di un risultato che la pone allo stesso livello atteso da Intel

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 17:21 nel canale Scienza e tecnologia
Intel
 

A partire dal 2014 GlobalFoundries punta ad avere a disposizione per i propri clienti la tecnologia produttiva a 14 nanometri di tipo XM, Extreme Mobility, basata sull'utilizzo di transistor tridimensionali di tipo FinFET. Si tratta di un risultato di notevole rilievo per l'azienda americana che la pone a livello di sviluppo di nuove tecnologie produttive di fatto in modo allineato a Intel.

Ricordiamo come GlobalFoundries sia nata dall'unione degli investimenti di Mubadala, fondo d'investimento degli Emirati Arabi, con le fabbriche produttive di AMD, rilevate nel corso del 2010 e diventate prime sedi produttive dell'azienda. In seguito GlobalFoundries ha rilevato Chartered, azienda di Singapore impegnata nella produzione di semiconduttori per conto terzi, oltre a iniziare la costruzione di una nuova sede produttiva nello stato di New York.

glofo_14nm.jpg (102461 bytes)

Dallo schema di evidenzia come il passaggio tra la tecnologia produttiva a 20 nanometri, atteso per il prossimo anno, e lo step successivo con processo a 14 nanometri XM  avverrà in solo 1 anno contro i cicli di 2 anni che tipicamente si incontrano nel passaggio da un full node all'altro. Intel prevede, stando alla propria roadmap, di presentare il proprio processo produttivo a 14 nanometri proprio nel corso del 2014, utilizzando tale tecnologia con le architetture Broadwell che prenderanno il posto di quelle Haswell attese nel 2013.

L'adozione di questa tecnologia produttiva dovrebbe permettere di ottenere un miglioramento delle prestazioni variabile tra il 20% e il 55% rispetto a quanto ottenibile con il processo a 20 nanometri di tipo LPM, previsto al debutto nel corso del 2013. Stando a quanto anticipato da GlobalFoundries questa nuova tecnologia dovrebbe permettere ai propri partner produttori di semiconduttori di poter rivaleggiare direttamente con Intel in termini sia di densità di transistor nei propri chip sia di prestazioni, tanto velocistiche quanto di contenimento dei consumi.

Con questo annuncio, i cui frutti concreti arriveranno solo nel 2013 con i primi sample di test destinati ai partner, GloablFoundries mette sotto pressione le altre aziende impegnate nel settore, la taiwanese TSMC in testa, mettendo anche Intel in una condizione di non poter più vantare la propria storica supremazia nell'implementazione di nuove tecnologie produttive all'avanguardia nell'industria.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
calabar21 Settembre 2012, 17:57 #1
Sarebbe una svolta inaspettata, visti i ritardi che GlobalFoundries aveva accumulato ultimamente, e forse l'occasione per i processori AMD di recuperare competitività.
PacK821 Settembre 2012, 18:17 #2
Originariamente inviato da: calabar
Sarebbe una svolta inaspettata, visti i ritardi che GlobalFoundries aveva accumulato ultimamente, e forse l'occasione per i processori AMD di recuperare competitività.
Per AMD è veramente poco probabile: questa produzione a 14nm è espressamente dedicata a quella mobile(silicio e tecniche di produzione diverse).

Molto più fattibile che per AMD sia riservata quella a 20nm (ma se GF cambiasse i piani buon per loro).
sniperspa21 Settembre 2012, 18:29 #3
Speriamo bene, se non fosse che tra il dire e il fare c'è di mezzo "e il"......
shodan21 Settembre 2012, 19:13 #4
Ma GF quali chip produce attualmente a 28nm? Perchè la slide dice che i 28nm erano pronti già dall'anno scorso, e infatti cercando nelle press releases di GF qeusto corrisponde al vero, ma se non sbaglio non si sono visti prodotti basati su questa tecnologia.

Se anche i 14nm sono conteggiati allo stesso modo (cioè introduzione "sulla carta" allora Intel conserverà un notevole vantaggio (1 anno circa), in quanto nel 2014 questa dovrebbe avere già processori basati su tale nodo (che dovrebbe essere presentato nel 2013, almeno stando a wikipedia).

Bha... vedremo. Certo che se GF riesce davvero a mettersi al passo di Intel conseguirebbe un risultato davvero notevole, per la gioia di tutti i consumatori

Ciao.
Ago7221 Settembre 2012, 20:21 #5
Edit
LCol8422 Settembre 2012, 11:44 #6
Invece il processo a 14nm sarà compatibile con SOI proprio per permettere ai partner che basano i loro prodotti su SOI di sfruttarlo...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^