Quanto consuma Internet?

Quanto consuma Internet?

Due ricercatori conducono uno studio - approssimativo - sul consumo della rete. E sebbene elevato in termini assoluti, è una piccolissima parte del consumo dell'intera umanità

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:34 nel canale Scienza e tecnologia
 

Justin Ma e Barath Raghavan sono due ricercatori, rispettivamente dell'University of California, Berkeley e dell'International Computer Science Institute, che hanno lavorato ad uno studio per provare a dare una risposta ad una domanda tanto impossibile quanto ambiziosa: a quanto ammonta il consumo di Internet?

I due ricercatori sono partiti conducendo una sorta di "censimento" della rete, basandosi sui dati pubblicati di una ricerca precedente: è stato stimato che al mondo vi sono 750 milioni di sistemi pc tra desktop e notebook, 1 miliardo di smartphone, 50 milioni di server cloud e datastorage e altri 100 milioni di server non in cloud e per lo più dedicati a funzioni interne. Pesando in maniera differente l'incidenza di ciascuna categoria, conducendo anche una valutazione dell'energia usata per la produzione di questi dispositivi e valutando il periodo medio di utilizzo di ciascun dispositivo prima della sua sostituzione, Ma e Raghavan sono giunti alla conclusione che Internet consuma tra i 170 e i 307 gigawatt.

Considerando che un gigawatt equivale ad un miliardo di watt, la valutazione condotta dai due ricercatori può sembrare spaventosa. In realtà, mettendola a confronto con il valore di 16 terawatt di consumo mondiale complessivo che emerge da un'analisi della British Petroleum condotta nel mese di giugno, si evince che il funzionamento di Internet pesa meno del 2% sul consumo complessivo dell'umanità..

Chiaramente i ricercatori sono consapevoli che lo studio condotto sia frutto di grandi stime ed approssimazioni ed infatti nell'introduzione della relazione ammettono con molta onestà: "Siamo certi che la nostra risposta sia sbagliata, ma speriamo di sollevare una presa di coscienza sullo studio di questo importante argomento". E le conclusioni dello studio sono infatti di altra portata rispetto a quanto si potrebbe presumere: i due ricercatori sottolineano che sebbene sia importante continuare a lavorare per realizzare dispositivi che consumano meno e che siano meno dispendiosi da produrre, di maggiore importanza è la possibilità di utilizzare la rete come strumento alternativo ad altre attività ben più dispendiose. Un esempio su tutti: la possibilità di partecipare ad incontri di lavoro in videoconferenza ridurrebbe notevolmente il consumo necessario al sostentamento di un incontro di persona, che sottointende l'utilizzo di mezzi di trasporto pubblici o privati che siano.

La ricerca, che sarà presentata in occasione dell'HotNets Workshop del prossimo mese a Cambridge, è disponibile integralmente a questo indirizzo.

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Argasio28 Ottobre 2011, 16:37 #1

LOL

"siamo certi che la nostra risposta sia sbagliata"

No comment.
Paganetor28 Ottobre 2011, 16:45 #2
"la risposta è dentro di te... ma è sbagliata!"

Quelo
SaggioFedeMantova28 Ottobre 2011, 16:48 #3
pero è interessante.. anche se poi in realtà questa ricerca è fine a se stessa.
Gabriyzf28 Ottobre 2011, 16:49 #4
spero che per questi "studi" non prendano un centesimo: o magari sono anche pagati?
Raghnar-The coWolf-28 Ottobre 2011, 16:53 #5
si chiamano pilot calculation, perchè dovrebbero essere deplorevoli?
utentenonvalido28 Ottobre 2011, 17:13 #6
La cosa che a me invece fà pensare è che nonostante la crisi in USA trovano i fondi anche per questo tipo di ricerche assolutamente inutili, mentre da noi non si finanzia piu' neanche la ricerca sul cancro ...
niciz28 Ottobre 2011, 17:48 #7
esistono dei grafici che mostrano il consumo su scala europea e magari anche mondiale? In europa in questi ultimi anni (o forse dovrei dire ultimissimi) il consumo non ha cominciato a diminuire o perlomeno a stabilizzarsi?
LZar28 Ottobre 2011, 17:58 #8
" E le conclusioni dello studio sono infatti di altra portata rispetto a quanto si potrebbe presumere: i due ricercatori sottolineano che sebbene sia importante continuare a lavorare per realizzare dispositivi che consumano meno e che siano meno dispendiosi da produrre, di maggiore importanza è la possibilità di utilizzare la rete come strumento alternativo ad altre attività ben più dispendiose. Un esempio su tutti: la possibilità di partecipare ad incontri di lavoro in videoconferenza ridurrebbe notevolmente il consumo necessario al sostentamento di un incontro di persona, che sottointende l'utilizzo di mezzi di trasporto pubblici o privati che siano. "

E ci voleva uno studio per arrivare ad una conclusione del genere?
LASCO28 Ottobre 2011, 18:24 #9

la mia stima dice che il consumo è molto più elevato, ma è sicuramente sbagliata :)

Facendo una stima rozza per difetto, ovvero considerando solo il consumo dovuto all'invio di mail, mi viene un consumo di circa 2800GWh! Che sarebbe circa il 17,5% percento del totale

Infatti se si considera che vengono inviate circa 250 miliardi di mail al giorno, che una mail che "pesa" 1MB consuma circa 0.0285KWh, che una mail in genere pesa 0.39MB (almeno facendo una media delle 8256 mail inviate e ricevute sul mio account gmail), mi viene che il consumo è di circa 2800GWh.

I dati li ho presi in rete, un pò qua, un pò là.
Quindi o le mie mail "pesano" troppo, oppure c'è qualche dato sbagliato.
Il mio risultato è sicuramente sbagliato

Edit: OPS errore trovato, ho letto troppo di fretta. Non considerano GWh, ma GW per il periodo medio di utilizzo di un dispositivo!
birmarco28 Ottobre 2011, 18:25 #10
Originariamente inviato da: Argasio
"siamo certi che la nostra risposta sia sbagliata"

No comment.


E' una cosa giustissia da dire invece

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^