Questo è il primo microchip della storia, e vale oltre 1 milione di dollari

Questo è il primo microchip della storia, e vale oltre 1 milione di dollari

Il primo microchip della storia stato messo all'asta con un prezzo di riserva pari a 1 milione di dollari. La cifra, tuttavia, non stata raggiunta

di Nino Grasso pubblicata il , alle 12:31 nel canale Scienza e tecnologia
 

Realizzato nel 1958 da Jack Kilby negli stabilimenti di Texas Instruments, il primo microchip della storia non era altro che un piccolo groviglio di fili elettrici e saldature, oltre che l'intuizione che ha contribuito attivamente allo sviluppo dell'elettronica e dell'informatica, e che ha garantito allo stesso Kilby un Premio Nobel.

Kilby Microchip, primo microchip

Un wafer in germanio con fili in oro, montato su una lastra di vetro e incorporato in un blocco di plastica trasparente. Sembra un insetto preistorico conservato nell'ambra: un'analogia in effetti proprio azzeccata. Il chip stato proposto in un'asta da Christie's, insieme ad un secondo prototipo ed una lettera che descrive i vari processi dell'invenzione.

Dato il suo valore storico, Christie's aveva stimato il valore dell'oggetto a cifre superiori a 1 milione di dollari, proponendo tale soglia come prezzo di riserva. Le offerte, tuttavia, hanno raggiunto quota 850.000$ ed al momento non noto se e quando Christie's proporr nuovamente l'asta.

Kilby, l'inventore di quello che la NBC battezza come il "fossile elettronico", deceduto nel 2005. Il Premio Nobel in Fisica arrivato pochi anni prima, nel 2000, quando era ormai evidente l'enorme contributo offerto dall'intuizione di Kilby al settore elettronico in tutto il mondo.

Primo microchip della storia

Il circuito integrato in un chip, chiamato in seguito microchip, combinava parecchie delle caratteristiche - con le dovute proporzioni - delle componenti elettroniche integrate nei pi moderni computer (e in tutti i dispositivi elettronici), un'invenzione che ha permesso la costruzione di macchine sempre pi piccole ed efficienti.

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7723 Giugno 2014, 12:51 #1
Quel brutto accrocchio di metalli è il punto di partenza del capitolo probabilmente più importante della storia dell'uomo.
Unrealizer23 Giugno 2014, 12:57 #2
Originariamente inviato da: demon77
Quel brutto accrocchio di metalli è il punto di partenza del capitolo probabilmente più importante della storia dell'uomo.


Ed è stato valutato meno di Yo


Rubberick23 Giugno 2014, 13:15 #3
Originariamente inviato da: Unrealizer
Ed è stato valutato meno di Yo




vero xDD

meeeeeeeeh

quell'altro che cosa è? il primo bug della storia?
Cappej23 Giugno 2014, 13:30 #4
Originariamente inviato da: Unrealizer
Ed è stato valutato meno di Yo




FANTASTICO PARAGONE !!!!

ah... dimenticavo...

YO!
Doraneko23 Giugno 2014, 16:09 #5
Ci gira Crysis?
Pegamugh23 Giugno 2014, 19:26 #6
Originariamente inviato da: Doraneko
Ci gira Crysis?


mi hai battuto sul tempo
fano23 Giugno 2014, 21:06 #7
La domanda vera guardando quel "coso" è "ci gira MS-DOS?"

Seriamente, ma cos'è quella roba giallognola? Dalla foto sembra sputo... fa anche un pochino schifo... io non lo toccherei... magari faceva come Mac Giver? Uno stuzzicadenti (masticato), una gomma da masticare (sputacchiata), e...

Certo che di strada ne abbiamo fatta... eh... e tutta sta potenza per far andare, a scatti, Windows 8 !
Tasslehoff23 Giugno 2014, 21:43 #8
Originariamente inviato da: demon77
Quel brutto accrocchio di metalli è il punto di partenza del capitolo probabilmente più importante della storia dell'uomo.
Determinismo tecnologico?
demon7723 Giugno 2014, 22:43 #9
Originariamente inviato da: Tasslehoff
Determinismo tecnologico?


Beh ho detto "probabilmente"
Ma se ci pensi bene è grazie all'elettronica che l'uomo ha fatto più progressi in qualsiasi campo in questi ultimi cinquanta anni che in secoli di progresso tecnologico.
Pensa a qualsiasi cosa un secolo fa: medicina, industria, comunicazione, industria.. e pensala oggi.
Diresti davvero che sono passati solo cento anni?
Cappej30 Giugno 2014, 12:09 #10
Originariamente inviato da: demon77
Beh ho detto "probabilmente"
Ma se ci pensi bene è grazie all'elettronica che l'uomo ha fatto più progressi in qualsiasi campo in questi ultimi cinquanta anni che in secoli di progresso tecnologico.
Pensa a qualsiasi cosa un secolo fa: medicina, industria, comunicazione, industria.. e pensala oggi.
Diresti davvero che sono passati solo cento anni?


credo che basti guardare dal dopoguerra ad oggi cosa è riuscito a fare l'uomo con quel fossile di Texas Instrument... ed Internet è stato il vero propulsore.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^