Smartphone: ricarica in soli 30 secondi con le batterie di StoreDot, a partire dal 2017

Smartphone: ricarica in soli 30 secondi con le batterie di StoreDot, a partire dal 2017

StoreDot ha mostrato in una conferenza a Tel Aviv un prototipo di batteria capace di essere ricaricata in circa 30 secondi. La tecnologia basata su Nanobots finanziata da un grosso produttore di smartphone, ma non sembra prevista prima del 2017

di Nino Grasso pubblicata il , alle 08:01 nel canale Scienza e tecnologia
 

StoreDot una compagnia israeliana che sta sviluppando un prototipo di batteria - con relativo caricabatterie - in grado di essere ricaricata in circa 30 secondi. Progettato al momento solo su Samsung Galaxy S4, il primo sample del caricabatterie stato mostrato alla conferenza di Microsoft Think Next a Tel Aviv.

Ma di certo la batteria la parte pi innovativa. Oltre alla capacit di essere ricaricate pi rapidamente (e probabilmente anche pi frequenti, aggiungiamo), le batterie di StoreDot saranno in grado di resistere a "migliaia di cicli di carica e scarica, prolungando considerevolmente la durata della batteria".

L'arrivo sul mercato di massa non tuttavia previsto prima del 2016, tempistica specificata a TNW dal CEO di StoreDot, Doron Myersdorf.

"Quello che abbiamo sviluppato una nuova generazione di elettrodi con nuovi materiali che chiamiamo MFE, Multi Function Electrode.", ha dichiarato il dirigente alla pubblicazione americana. "Da una parte agisce come un supercondensatore (quindi si ricarica molto velocemente), mentre dall'altro come un elettrodo a litio (scarica lenta). L'elettrolita viene modificato con i nostri nanodot, al fine di consentire una buona efficacia al nostro MFE".

L'obiettivo di StoreDot quello di realizzare batterie con capacit equivalente ad una batteria agli ioni di litio da 2.000mAh, con un processo di scarica previsto in tempistiche simili. L'obiettivo potrebbe essere gi raggiunto entro un anno, ma come dicevamo poco sopra la produzione in massa prevista non prima degli ultimi mesi del 2016. Il progetto finanziato, a detta del CEO di StoreDot, da un grosso produttore di smartphone asiatico non meglio specificato, anche se il video che vi mostriamo in questa pagina lascia pochi dubbi in merito.

StoreDot ha ricevuto lo scorso anno un grosso finanziamento di 6 milioni di dollari, in modo da sviluppare ulteriormente la propria tecnologia. Nanodots, caratterizzata dall'uso di "cristalli di scala nanometrica prodotti con una sintesi chimica di molecole peptidiche bio-organiche", potrebbe essere utilizzata non solo nelle batterie dei dispositivi del futuro, ma anche su altri prodotti elettronici.

StoreDot cita ad esempio dispositivi di storage flash o una nuova generazione di tecnologie per i display. Tuttavia, "Nanodots" potrebbe rimanere solo su carta e non svilupparsi mai come desiderato, come successo a molti progetti che abbiamo segnalato nel corso degli anni.

43 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ferro7509 Aprile 2014, 08:14 #1
Speriamo che prima o poi una di queste mille tecnologie per l'evoluzione delle batterie arrivi effettivamente al mercato di massa...
Io punto sui supercondensatori al silicio
Mparlav09 Aprile 2014, 09:30 #2
Magari puntano soprattutto ad essere acquisiti da qualche grossa Società che possa accelerare lo sviluppo di quel genere di tecnologia.
street09 Aprile 2014, 09:41 #3
oltre e più che per gli smartphone, sarebbe un grosso aiuto per le auto elettriche... fare il "pieno" di energia nello stesso tempo (o in un tempo confrontabile) che fai un pieno di carburante
LucaZPF09 Aprile 2014, 09:43 #4
6 milioni di dollari? Ma perchè Whatsapp e Instagram vengono acquistati dai vari colossi per mille mila miliardi e queste tecnologie non se le schifa nessuno?
Investite in queste tecnologie, la voglio oggi! non nel 2017
devilred09 Aprile 2014, 10:00 #5
Originariamente inviato da: LucaZPF
6 milioni di dollari? Ma perchè Whatsapp e Instagram vengono acquistati dai vari colossi per mille mila miliardi e queste tecnologie non se le schifa nessuno?
Investite in queste tecnologie, la voglio oggi! non nel 2017


Whatsapp e Instagram generano utili ed esistono oggi. sono anni che sento dire di queste super mega batterie, fino ad oggi solo chiacchiere.
LucaZPF09 Aprile 2014, 11:43 #6
Originariamente inviato da: devilred
Whatsapp e Instagram generano utili ed esistono oggi. sono anni che sento dire di queste super mega batterie, fino ad oggi solo chiacchiere.


Ma infatti la cosa scandalosa è che applicazioni come Instagram generino utili
san80d09 Aprile 2014, 11:44 #7
va bene la ricarica ultraveloce, ma quello che serve sono batterie più durature
Cloud7609 Aprile 2014, 11:47 #8
Speriamo che il comparto batterie non prenda la direzione opposta come quella pseudoverità assoluta di qualche articolo fa in cui gli utenti vogliono tutti smartphone enormi.
Qui si corre un altro rischio, che tutti vogliono ricaricare in fretta lo smartphone... NO.
Tutti vogliono che la batteria duri di più perchè se sei in giro non ti puoi attaccare alle radici dell'albero mentre sei in mezzo ad un parco...(tanto per fare un esempio). Che poi si riducano i tempi ben venga ma che non si vada verso batterie che durano meno per essere ricaricate 3 volte al giorno!
qboy09 Aprile 2014, 13:25 #9
beh dai di questo passo, almeno nella mia fantasia, vedo dei diffusori di energia wireless, e con queste batterie andando per strada si può ricaricare constantemente, anzi ancora più in la vorrei vedere 0 batteria fisica e come le antenne degli operatori emettono il campo per chiamare, cosi voglio vedere le antenne bluetooth che ti ricaricano poi se sei fuori campo, non ti rimane altro che morire
*tony*09 Aprile 2014, 13:28 #10
Originariamente inviato da: san80d
va bene la ricarica ultraveloce, ma quello che serve sono batterie più durature


??
A me francamente interesserebbe poco una batteria che dura 4 oppure 12 ore se bastano 30 secondi per ricaricarla.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^