Sodio, possibile sostituto del litio per le batterie

Sodio, possibile sostituto del litio per le batterie

Il sodio ha delle similitudini chimiche con il litio e può essere usato per la realizzazione di batterie: i risultati iniziali sembrano promettenti, ma la maturità commerciale è lontana

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:21 nel canale Scienza e tecnologia
 

Tra le problematiche legate alle batterie agli ioni di litio, oltre alle preoccupazioni circa la loro affidabilità, vi è anche quella dell'approvvigonamento del materiale: la maggior parte delle riserve di litio disponibili sul pianeta e sfruttabili dal punto di vista commerciale si trovano nell'America Latina (Bolivia, Cile, Argentina) rendendo quindi la disponibilità del materiale suscettibile alle instabilità politiche.

Fin da quando le batterie al litio sono arrivate sul mercato, il mondo della ricerca si è interrogato sulla possibilità di individuare un sostituto al litio, vedendo nel sodio un candidato promettente. Disponibile in abbondanza sul pianeta (2,6% nella crosta terrestre, rispetto allo 0,06% del litio), ha la caratteristica di avere delle similitudini chimiche con il litio. L'ostacolo più grosso per l'impiego del sodio nella costruzione di batterie è però rappresentato dallo sviluppo di elettrodi adatti.

Alla fine di novembre un gruppo di ricercatori francesi del CNRS - Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica e del CEA - Commissione per l'energia atomica e alternativa ha annunciato di aver prodotto, in collaborazione con la Research Netwrok on Electrochemical Energy Storate, un prototipo di batteria agli ioni di sodio che può conservare un quantitativo accettabile di carica, in un formato simile a quella di una pila stilo AA.


Sodium, the future of battery development! di CNRS-en

I ricercatori non hanno spiegato come abbiano realizzato l'elettrodo negativo, proteggendosi con un generico "segreto commerciale", ma nel mese di ottobre gli stessi ricercatori hanno richiesto un brevetto per un elettrodo caratterizzato da una struttura stratificata che prevede l'impiego di un composto di ossido di titanio.

Laurence Croguennec, scienziato dei materiali presso il CNRS, ha spiegato: "La chimica è molto simile a quella delle batterie al litio e da questo punto di vista non ci sono particolari difficoltà. I meccanismi sono gli stessi e tutto il processo industriale per la loro produzione è il medesimo". Il sodio è però un portatore di carica meno efficiente rispetto al litio, caratteristica che va a condizionare la tensione erogata dalla batteria e che impone quindi l'individuzione di materiali adeguati in grado di compensare il problema.

Se le batterie agli ioni di sodio riusciranno a raggiungere lo stesso livello delle batterie al lito rappresenta ancora un interrogativo aperto. "Lo sviluppo dell'elettrodo ha richiesto sei mesi, quindi questo ci offre una speranza di miglioramento. Le performance rilevate sono abbastanza buone come punto di partenza e i materiali possono essere ulteriormente ottimizzati" ha spiegato Croguennec.

Per il momento le batterie al sodio hanno una capacità di stoccaggio di 90Wh/kg, comparabile a quella delle prime batterie al litio, e una vita utile di 2000 cicli di carica/scarica: "Non siamo ancora vicini ai livelli di energia che è possibile riscontrare, per esempio, nelle automobili Tesla". Lo stoccaggio di energia da fonti rinnovabili è l'applicazione attualmente più interessante per le batterie al sodio, dato che possono essere più economiche per unità di energia stoccata e sono dimensionalmente scalabili come le batterie al litio. Anche se i prototipi realizzati sono ancora lontani dalla maturità commerciale, i ricercatori hanno affermato di essere in trattativa con possibili partner.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cronos0007 Dicembre 2015, 10:27 #1
Quindi seppur più economiche, al momento le più efficienti rimangono quelle al litio...
AleLinuxBSD07 Dicembre 2015, 10:34 #2
Nel corso degli anni ho letto diverse notizie sull'argomento che però, concretamente, non sono mai arrivate a compimento.
Meno discorsi e più realizzazioni effettive, che nel campo delle batterie siamo all'età della pietra.
Nethir09 Dicembre 2015, 09:27 #3
Onestamente il sodio pesa di più, è molto più grosso e quindi porta peggio la carica, ha una reazione con l'acqua molto più violenta del litio; motivo per cui credo avrebbe una durata di utilizzo minore.
Non la vedo una buona scelta tecnica; politica forse si.
zappy10 Dicembre 2015, 10:10 #4
Visto chi le sta sviluppando, probabilmente si tratta di sodio altamente radioattivo che gli avanza dal megaflop di Superphenix e che non sanno dove smaltire...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^