Su strade pubbliche il primo truck con guida autonoma

Su strade pubbliche il primo truck con guida autonoma

Daimler Trucks ha annunciato di aver portato per la prima volta su strade pubbliche un veicolo industriale pesante con guida autonoma.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 16:58 nel canale Scienza e tecnologia
 

L'esperimento è avvenuto in Nevada, con a bordo Brian Sandoval, Governatore del Nevada, e Wolfgang Bernhard, Membro del Board of Management di Daimler AG, Daimler Trucks and Buses. I due si sono lasciati trasportare da un veicolo pesante dotato di tecnologia Highway Pilot per la guida autonoma.

Nel corso della première Bernhard ha dichiarato: "Con l’immatricolazione per la guida su strada negli USA abbiamo posto una pietra miliare per quanto riguarda i truck con guida autonoma. Il nostro prossimo obiettivo di testare la tecnologia Highway Pilot anche sulle strade pubbliche tedesche".

Per tutti i dettagli vi rimandiamo al seguente video.

[HWUVIDEO="1806"]Daimler Trucks: primo truck con guida autonoma[/HWUVIDEO]
19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Avatar006 Maggio 2015, 17:17 #1
Anche il camionista diventerà un lavoro altamente specializzato.
Marci06 Maggio 2015, 17:38 #2
Molto bello, peccato che ci vogliano anche le infrastrutture adeguate.
Già mi immagino una roba del genere in Italia con strade piene di buche, segnaletica orizzontale mezza cancellata, inesistente o peggio che contraddice quella verticale (anch'essa spesso rotta, rovinata, sbagliata, provvisoria da 20 anni ecc...)
Oppure quando in autostrada si sovrappongono strisce vecchie e nuove con alcune che partono e vanno fuori carreggiata
nickfede06 Maggio 2015, 17:47 #3
Tutto molto bello......

Ma quando la tecnologia rimpiazzerà il 90% delle mansioni umane di oggi (perchè che ci arriveremo è SICURO, e non si parla di generazioni ma di poche decine di anni) hanno pensato a chi le industrie venderanno i prodotti e i servizi visto che in pochissimi riceveranno ancora un salario ????
Mparlav06 Maggio 2015, 18:02 #4
Hanno introdotto un'ulteriore step all'elevato grado di "automatismo" già esistente su molti veicoli industriali e non.

E dopo "Supercar" dobbiamo preoccuparci pure di "lui"

Link ad immagine (click per visualizzarla)
ugo7306 Maggio 2015, 18:43 #5
non è detto che ci vogliano infrastrutture adatte mi ricordo una puntata di top gear dove Hammond gareggiava con un camion autonomo il quale riconosceva gli ostacoli
aksh3706 Maggio 2015, 18:44 #6



Quoto. Davvero, chissà che fine faremo.

La cosa che, però, mi preoccupa sempre di più è che ormai il concetto di progresso significa sempre di più automazione.
Dinofly06 Maggio 2015, 19:15 #7
Originariamente inviato da: nickfede
Tutto molto bello......

Ma quando la tecnologia rimpiazzerà il 90% delle mansioni umane di oggi (perchè che ci arriveremo è SICURO, e non si parla di generazioni ma di poche decine di anni) hanno pensato a chi le industrie venderanno i prodotti e i servizi visto che in pochissimi riceveranno ancora un salario ????


Li compreranno le stesse persone che oggi possono comprarne di meno, le quali faranno lavori non automatizzabili, se in ultimo tutti i lavori saranno automatizzabili, la produttività sarà infinita, i costi marignali 0 e ognuno potrà avere ciò che vorrà, o quasi (le materie prime rimarranno, in parte, scarse).
In ogni caso storicamente il progresso tecnologico ha DIMINUITO la disoccupazione, se tutte le fasi produttive saranno automatizzabili paradossalmente chiunque abbia una idea, potrà, a costi irrisori, provare a realizzare la sua impresa.

http://www.economicshelp.org/blog/6...uddite-fallacy/
per maggior info.

In ogni caso, anche qualora la gente non abbia più voglai di lavorare, potrà vivere grazie ai trasferimenti sia da privati che dallo stato. È già così, in Italia ad esempio solo il 50% della popolazione lavora.
marchigiano06 Maggio 2015, 20:45 #8
Originariamente inviato da: Marci
Molto bello, peccato che ci vogliano anche le infrastrutture adeguate.
Già mi immagino una roba del genere in Italia con strade piene di buche, segnaletica orizzontale mezza cancellata, inesistente o peggio che contraddice quella verticale (anch'essa spesso rotta, rovinata, sbagliata, provvisoria da 20 anni ecc...)
Oppure quando in autostrada si sovrappongono strisce vecchie e nuove con alcune che partono e vanno fuori carreggiata


ok.... ma sono sicuro che questo camion comunque sia guida meglio del 40% dei patentati italiani, non ci vorrà molto di evoluzione per farlo guidare meglio del 80% e già sarebbe un gran bel passo avanti...

Originariamente inviato da: Dinofly
Li comrperanno le stesse persone che possono ggi comprarne di meno, le quali faranno lavori non automatizzabili, se in ultimo tutti i lavori saranno automatizzabili, la produttività sarà infinita, i costi marignali 0 e ognuno potrà avere ciò che vorrà, o quasi (le materie prime rimarranno, in parte, scarse).
In ogni caso storicamente il progresso tecnologico ha DIMINUITO la disoccupazione, se tutte le fasi produttive saranno automatizzabili paradossalmente chiunque abbia una idea, potrà, a costi irrisori, provare a realizzare la sua impresa.


quoto ma purtroppo è sempre di più la gente che non riesce a vedere oltre la prima mossa... posso capirlo in un vecchio ma i giovani.... ecco perchè la crisi durerà almeno altri 10 anni
LMCH07 Maggio 2015, 00:09 #9
Originariamente inviato da: Dinofly

In ogni caso, anche qualora la gente non abbia più voglai di lavorare, potrà vivere grazie ai trasferimenti sia da privati che dallo stato. È già così, in Italia ad esempio solo il 50% della popolazione lavora.


Ma qui avviene perche lo Stato accumula debito pubblico e "ruba soldi nel futuro"
(ponendo ostacoli alla nascita di nuove imprese e nuovi lavori e bruciando in mille modi i fondi che dovrebbere essere accantonati/investiti per pagare le pensioni degli attuali lavoratori).
LordShaitan07 Maggio 2015, 00:57 #10
Sono l'unico che ha pensato ad Optimus Prime?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^