Telecomunicazioni ottiche: record di 26 terabit al secondo con un singolo laser

Telecomunicazioni ottiche: record di 26 terabit al secondo con un singolo laser

Un gruppo di ricercatori è riuscito a dimostrare la possibilità di effettuare una trasmissione ottica alla velocità di 26 terabit al secondo utilizzando un solo laser

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:02 nel canale Scienza e tecnologia
 

Un gruppo di ricercatori ha condotto un esperimento nel campo delle comunicazioni ottiche dimostrando la possibilità di ottenere una velocità di trasferimento dati record pari a 26 terabit al secondo. A queste velocità sarebbe possibile trasferire una mole di informazione come quella dell'intera Biblioteca del Congresso USA in appena una decina di secondi.

Negli anni recenti le tecnologie di comunicazione ottica hanno assistito a notevoli passi avanti: laddove le prime tecnologie sviluppate in questi campi prevedevano la codifica di informazioni impiegando una singola lunghezza d'onda della luce, gli approcci più recenti prevedono la codifica delle informazioni su più lunghezze d'onda della luce basandosi sulla tecnica conosciuta con il nome di "orthogonal frequency division multiplexing". In questo caso al capo ricevente una serie di oscillatori laser viene impiegata per eseguire il processo inverso e recuperare le informazioni trasportate dalle singole lunghezze d'onda.

La velocità di trasferimento dati ottenibile utilizzando questi metodi dipende sostanzialmente dal numero di laser disponibili e, per questo, si tratta di tecniche che non sono in grado di scalare in maniera opportuna in termini economici. Il professor Wolfgang Freude, coautore del documento pubblicato su Nature Photonics, commenta: "E' già stato condotto un esperimento che ha dimostrato la possibilità di ottenere comunicazioni nell'ordine dei 100 terabit al secondo, con la differenza che non è stato impiegato un singolo laser ma qualcosa come 370, una cosa estremamente dispendiosa. 370 laser occupano un rack intero e consumano svariati kilowatt di potenza".

Il professor Freude ed i colleghi hanno invece lavorato per cercare di capire come ottenere una velocità di trasferimento confrontabile impiegando un singolo laser con pulsazioni estremamente brevi. Si tratta di un laser di tipo mode-locking che pertanto è in grado di produrre uno spettro di onde elettromagnetiche chiamato "pettine di frequenze". Si tratta di un numero finito di frequenze d'onda della luce, corrispondenti quindi ad altrettanti "colori".

Qundo le pulsazioni sono condotte attraverso una fibra ottica è possibile combinare in maniera opportuna le diverse frequenze d'onda del pettine, ottenendo così fino a 325 lunghezze d'onda (e colori) differenti. Ciascuna di queste lunghezze d'onda può essere codificata con l'informazione da trasmettere. Il gruppo di ricercatori ha condotto dapprima un esperimento preliminare che ha permesso di dimostrare una trasmissione ad oltre 10 terabit al secondo impiegando un numero inferiore di lunghezze d'onda.

Utilizzando questa tecnica, tuttavia, non è possibile impiegare al capo ricevente i metodi tradizionali per la separazione delle lunghezze d'onda. Al fine di poter ricostruire i flussi di dati i ricercatori hanno sfruttato l'algoritmo della trasformata di Fourier veloce (FFT - Fast Fourier Transform) che consente di recuperare le differenti lunghezze d'onda dal raggio in input basandosi sul ritardo di ricezione di parti differenti.

Il raggio in input viene infatti diviso ed instradato in differenti percorsi che giungono a destinazione con tempi diversi, ed in seguito ricombinati su un ricettore. La ricostruzione dell'informazione è pertanto riducibile alla riorganizzazione dei dati che giungono a destinazione in momenti diversi. Il professor Freude ha dichiarato che il progetto sperimentale ha mostrato prestazioni superiori rispetto agli approcci precedenti, semplicemente continuando ad incrementare i ritardi.

Freude riconosce che l'idea è complessa, ma è anche convinto che andrà incontro ad un naturale sviluppo con il crescere della domanda per velocità di trasferimento dati sempre maggiori a guidare l'innovazione. "Penso a tutto il tremendo progresso nel campo della silicon photonics. Nessuno avrebbe mai potuto immaginare 10 anni fa che oggi sarebbe stato comune integrare circuiti ottici relativamente complessi in un chip di silicio".

40 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gd350turbo24 Maggio 2011, 16:05 #1
Circa 3 TeraByte/sec...

Azz, più veloce della luce...
fax_modem_56k24 Maggio 2011, 16:07 #2
Il teletrasporto alla Stark Trek per quando è previsto?
fax_modem_56k24 Maggio 2011, 16:12 #3
Link ad immagine (click per visualizzarla)

Giusto per rendere l'idea della situazione reale e non ipotetica futura....poi è normale se girano un po le scatole a leggere ste notizie.
Paganetor24 Maggio 2011, 16:42 #4
mica è per l'utenza domestica!
iorfader24 Maggio 2011, 16:45 #5
Originariamente inviato da: fax_modem_56k
Link ad immagine (click per visualizzarla)

Giusto per rendere l'idea della situazione reale e non ipotetica futura....poi è normale se girano un po le scatole a leggere ste notizie.


ma sono reali? comunque hai un upload assurdo io non arrivo nemmeno alla metà
sbudellaman24 Maggio 2011, 16:57 #6
E nel frattempo da noi chi ha 2 mb pieni è fortunato
iorfader24 Maggio 2011, 17:02 #7
Originariamente inviato da: sbudellaman
E nel frattempo da noi chi ha 2 mb pieni è fortunato


io ho 7mb pieni ma l'upload è di appena 480kb
LeGiJa24 Maggio 2011, 17:02 #8
Originariamente inviato da: fax_modem_56k
Link ad immagine (click per visualizzarla)

Giusto per rendere l'idea della situazione reale e non ipotetica futura....poi è normale se girano un po le scatole a leggere ste notizie.



e la mia?
Link ad immagine (click per visualizzarla)
rb120524 Maggio 2011, 17:28 #9
ogni volta che si parla di nuove frontiere della telecomunicazione ottica e non, salta fuori qualcuno che si lamenta dell'ADSL di casa comparandone i bitrate. Ma, vi prego, mi volete spiegare che diamine c'entra?

Sarebbe come vedere una notizia di una nuova portacontainer da 500'000 tonnellate di portata e commentare maledicendo la fiat per il fatto che la mia punto può trasportare al massimo 200 kg.

Stiamo parlando di ricerca, perdipiù relativa alle telecomunicazioni da impiegarsi nei cavi sottomarini, nelle backbone e (al limite) nella comunicazione tra data center, soluzioni come questa non hanno NULLA a che vedere con l'utenza consumer.

Se poi ci si vuole lamentare come passatempo fate pure, ma risulta veramente ridicolo.
iorfader24 Maggio 2011, 17:40 #10
Originariamente inviato da: rb1205
ogni volta che si parla di nuove frontiere della telecomunicazione ottica e non, salta fuori qualcuno che si lamenta dell'ADSL di casa comparandone i bitrate. Ma, vi prego, mi volete spiegare che diamine c'entra?

Sarebbe come vedere una notizia di una nuova portacontainer da 500'000 tonnellate di portata e commentare maledicendo la fiat per il fatto che la mia punto può trasportare al massimo 200 kg.

Stiamo parlando di ricerca, perdipiù relativa alle telecomunicazioni da impiegarsi nei cavi sottomarini, nelle backbone e (al limite) nella comunicazione tra data center, soluzioni come questa non hanno NULLA a che vedere con l'utenza consumer.

Se poi ci si vuole lamentare come passatempo fate pure, ma risulta veramente ridicolo.

a parte che maledire ogni tipo di fiat è cosa buona e giusta comunque rode perchè siamo arrivati a livelli assurdi con le fibre ottiche, e ci si crede che ancora non si riesce a coprire l'italia di fibra...mah

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^