Toshiba: ecco la batteria per i veicoli elettrici da record. Solo 6 minuti di ricarica per 320km

Toshiba: ecco la batteria per i veicoli elettrici da record. Solo 6 minuti di ricarica per 320km

Direttamente da Toshiba arriva una nuova batteria per i veicoli elettrici che permetterà di ottenere nuovi record soprattutto nei tempi di ricarica. Rispetto alle normali batterie al litio le nuove ricaricheranno in soli 6 minuti.

di Bruno Mucciarelli pubblicata il , alle 09:01 nel canale Scienza e tecnologia
Toshiba
 

Toshiba annuncia ufficialmente la sua batteria per veicoli elettrici di nuova generazione SCiB capace di battere ogni record di ricarica grazie all'utilizzo di un nuovo componente pronto a raddoppiare la capacità dell'anodo e dunque riuscire a velocizzare la ricarica ottenendo comunque ottime performance. Sì, perché secondo quanto dichiarato dall'azienda, con le nuove batterie si riuscirà ad aumentare la densità energetica e dunque di conseguenza anche il tempo di utilizzo in termini di autonomie con un aumento dei chilometri percorsi dall'automobile. In questo caso i risultati sono quanto mai confortevoli visto che parliamo di addirittura 320km con una ricarica di soli 6 minuti.

Per quanto riguarda la batteria in questione la differenza con le classiche componenti riguarda essenzialmente l'anodo di cui è costituita. In questo caso parliamo di un dispositivo caratterizzato da un anodo realizzato in ossido di niobo con una capacità di accumulo di litio doppia per volume. Oltre a determinare una durata decisamente ampia ma soprattutto un caricamento quanto mai rapido non è in discussione la sicurezza per gli utenti e dunque il suo utilizzo su automobili di nuova generazione ma anche applicativi industriali.

Quello che in Toshiba è stato fatto di nuovo riguarda il procedimento che permette di organizzare l'ossido di titanio-niobo in una struttura cristallina capace di stoccare più efficientemente gli ioni di litio. In questo modo è stato possibile appunto raddoppiare la densità energetica della sua super batteria. Gli ingegneri giapponesi hanno testato una prima versione da 50 Ah, valutando sicurezza e cicli di vita.

La nuova SCiB è in grado di mantenere oltre il 90% della sua capacità dopo 5.000 cicli di carica e scarica. Non solo visto che se installata in un veicolo elettrico compatto questa consente un’autonomia di 320 km di percorrenza dopo solo sei minuti di carica ultra rapida. In soldoni significa circa tre volte il range offerto da una batteria al litio standard.

“Non è solo un miglioramento incrementale, bensì un progresso rivoluzionario che farà una differenza significativa per quanto riguarda la distanza di guida e le prestazioni dei veicoli elettrici. Continueremo a migliorare le prestazioni della batteria e siamo pronti a lanciare la batteria SCiB di prossima generazione per applicazioni pratiche nel prossimo 2019” questo è quanto affermato dal direttore della divisione Ricerca aziendale e Centro di sviluppo di Toshiba.

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Notturnia10 Ottobre 2017, 09:10 #1
finalmente una notizia interessante.. quindi in 12 minuti potremo avere 600 km di autonomia ?.. questo vorrebbe dire il tempo di un caffè e la macchina è pronta per ripartire senza problemi.. e un caffè ogni 500 km ci sta :-D
AdolfoG10 Ottobre 2017, 09:42 #2

Niobolo?

Forse ossido di niobio? Non sono un chimico, intendiamoci, ma "niobolo" suona proprio strano, e infatti non sono riuscito a trovarne neanche una descrizione...
nudge10 Ottobre 2017, 09:44 #3
Sì ma prima di vedere queste batterie installate su auto per il volgo, dovranno svendere quelle che già hanno prodotto: quindi per 2-3 anni non acquistate auto elettriche (con batterie vecchio stile)
djfix1310 Ottobre 2017, 09:50 #4
il concetto sembra interessante in parallelo, se il pack di 320Km di autonomia in 6 minuti è di 32kWh basterebbe metterne 2 in parallelo per avere il doppio (600Km) sempre in 6 minuti...poi bisogna veder COME pompare in 6 minuti 320KW di energia!
s12a10 Ottobre 2017, 09:52 #5
Suppongo che serva una stazione da 200 kW di potenza o giù di lì per caricare le batterie in dieci minuti...?

Mi chiedo se la rete nazionale sarà in grado di assorbire questi picchi quando queste auto si diffonderanno in maniera capillare.
s-y10 Ottobre 2017, 09:55 #6
musk in futuro si offrirà di rifare la rete elettrica nazionale, problema eventuale risolto
ing.leo10 Ottobre 2017, 10:06 #7
Originariamente inviato da: Notturnia
finalmente una notizia interessante.. quindi in 12 minuti potremo avere 600 km di autonomia?


No, se vedi il grafico parla di 320km in 6 minuti, 340 in 12 e 350 in 30... quindi il boost è solo all'inizio (come è giusto che sia)

piuttosto non capisco questa moda di dichiarare i km e non la capacità...come se la stessa batteria la metto su un go-kart farebbe 600km, su un tir 50!

Avrebbe più senso:
batteria da 32kWh che si carica al 90% in 6 minuti (e quindi ha bisogno di almeno 300kWp per la ricarica), ovvero carica a C0,1
se montassi 2 di queste batterie con 2 circuiti di carica avrei 640km in 6 minuti...ma in realtà sarebbe sempre il 90% della capacità!
metrino10 Ottobre 2017, 10:15 #8
Originariamente inviato da: s-y
musk in futuro si offrirà di rifare la rete elettrica nazionale, problema eventuale risolto


In parte l'ha già fatto
Presente l'installazione di pannelli solari in quell'isola dove l'energia elettrica sarà interamente proveniente da questi? L'impianto prevede anche dei grossi accumulatori per erogare energia anche di notte.
Potrebbe essere quindi lo stesso concetto: grossi accumulatori in grado di immagazzinare l'energia necessaria a supportare i picchi, che si ricaricano nei momenti in cui non c'è nessuno a rifornirsi.
s-y10 Ottobre 2017, 10:18 #9
ero sarcastico
prima che una possibilità del genere (ricariche rapide diffuse) si concretizzi da noi la proposta la farà musk junior

ps: le vicende 'muschiate' hanno di fatto sostituito i nanotubi di carbonio, quanto a 'futurismo' nelle news
polkaris10 Ottobre 2017, 10:42 #10
Sarebbe interessante vederle sulle e bike queste batterie. In assenza di gambe allenate una MTB elettrica, soprattutto quando i dislivelli sono importanti, avrebbe bisogno di più autonomia. Comunque per le auto elettriche sento tanti discorsi, ma in Italia di colonnine di ricarica ne vedo poche, nemmeno in prossimità di uffici e centri commerciali, dove dovrebbero esserci!....ora come ora una auto elettrica la comprerei solo se avessi 40k da buttare

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^