TSMC pronta per la fine dell'anno con tecnologia a 20 nanometri

TSMC pronta per la fine dell'anno con tecnologia a 20 nanometri

L'azienda taiwanese, principale produttore di semiconduttori per conto terzi, anticipa i tempi di alcuni mesi e si muove per essere pronta per la produzione in volumi di chip a 20 nanometri entro la fine del 2013

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 08:31 nel canale Scienza e tecnologia
 

Si prevede che per la fine dell'anno la taiwanese TSMC possa avviare la produzione di chip, per conto dei propri clienti basati su tecnologia produttiva a 20 nanometri. Nel corso del mese di Aprile, così riporta il sito xbitlabs, l'azienda inizierà l'installazione dei nuovi macchinari necessari per la produzione con questa nuova e più sofisticata tecnologia produttiva all'interno della propria fabbrica n°14, phase 6.

Rispetto alle tempistiche inizialmente indicate TSMC si sta muovendo con circa 2 mesi di anticipo, così da poter avviare la produzione in volumi con la nuova tecnologia per la fine dell'anno. Si tratta di un passaggio tecnologico molto importante per l'azienda taiwanese oltre che per tutti i propri partner nel mercato dei semiconduttori, in virtù dei benefici ottenibili con un affinamento della tecnologia produttiva.

Nella migrazione dal processo a 28 nanometri verso quello a 20 nanometri si avrà una riduzione della dimensione dei transistor e una conseguente riduzione dei consumi. Questo permette di integrare un maggior numero di transistor a parità di consumo complessivo, oltre che di aumentare la complessità del chip lasciandone invariata, o al limite riducendola anche, la superficie complessiva del componente di silicio.

Il processo a 20 nanometri sviluppato da TSMC non avrà differenti declinazioni, come avvenuto per quello a 28 nanometri e per i precedenti, che andranno a privilegiare uno la frequenza di clock l'altro il consumo. Proprio per questo motivo non è detto che tutti i clienti dell'azienda taiwanese opteranno da subito per un suo utilizzo quale alternativa ad altri processi. Le aspettative per questa particolare tecnologia produttiva di TSMC sono quelle di un bilanciamento tra frequenze di clock e consumi, una sorta di punto d'incontro tra i due differenti processi sviluppati in precedenza con processo a 28 nanometri.

E' pressoché certo che la prossima generazione di GPU, tanto AMD come NVIDIA, sarà basata proprio su questa tecnologia produttiva. Quello dei chip video è un ambito che storicamente vede sempre l'utilizzo di nuove e più sofisticate tecnologie produttive non appena queste sono rese disponibili sul mercato. Vedremo queste soluzioni in commercio nelle prime declinazioni forse già per la fine dell'anno, con disponibilità dell'intera gamma nel corso della prima metà del prossimo anno.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
HalphaZ08 Aprile 2013, 11:39 #1
20 nm corrisponde a circa 200 raggi di Si elementare: ovvero un transistor è fatto da 200 atomi di Si?
Oppure questo 20nm si riferisce ad altro?
righe9008 Aprile 2013, 12:33 #2
Si riferisce alla dimensione minima realizzabile di una struttura, che dovrebbe essere la larghezza delle sacche di drain e di source dell'NMOS.

Un PMOS invece è 3-5 volte più largo.. Poi conta che tra le due sacche ci deve stare il gate che si ruba un altro po' di spazio..

Aggiungo che un transistore da solo serve a poco, per realizzare porte logiche si utilizzano reti di transistori P ed N.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^