Un computer da un millimetro cubo

Un computer da un millimetro cubo

L'Università del Michigan realizza il primo sistema completo di processore, memoria e batteria nello spazio di appena un millimetro cubo. Sarà usato per applicazioni di monitoraggio sanitario

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:01 nel canale Scienza e tecnologia
 

Un prototipo di un dispositivo destinato al monitoraggio della pressione dell'occhio per gli individui affetti da glaucoma incorpora il primo sistema computing completo su scala millimetrica ed un trasmettitore radio che non necessita alcuna sintonia per individuare la corretta frequenza di trasmissione. Ad illustrare le due innovazioni sono i ricercatori dell'università del Michigan, che hanno presentato due i propri lavori in occasione dell'International Solid State Circuits Conference.

Il lavoro di ricerca è stato coordinato dai tre membri del Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Computer Science dell'Università del Michigan: i professori Dennis Sylvester e David Blaauw, e l'assistente professore David Wentzloff. Il lavoro presentato all'ISSCC illustra un sensore progettato per essere impiantato direttamente nell'occhio, in maniera tale che possa tenere traccia in maniera continuativa delle condizioni del glaucoma, una patologia che può portare alla cecità.

I ricercatori sono stati in grado di costruire un dispositivo dalle dimensoni di appena un millimetro cubo, completo di processore a basso consumo, sensore di pressione, unità di memoria, batteria di tipo thin-film, una cella fotovoltaica e un trasmettitore radio capace di comunicare con un dispositivo di lettura esterno. Il professor Sylvester dichiara: "E' il primo sistema completo per il computing realizzato su scala millimetrica. Il nostro lavoro è unico, abbiamo pensato ad un sistema completo dove tutti i componenti siano a basso consumo e possano stare su di un chip. Possiamo raccogliere dati, conservarli e trasmetterli. Le applicazioni per sistemi di queste dimensioni sono infinite".

I ricercatori hanno usato la terza generazione del processore Phoenix, da essi stessi sviluppato, che impiega una particolare architettura di power gating in abbinamento ad una modalità extreme sleep che consentono di contenere il consumo energetico: il sistema si riattiva ogni 15 minuti per effettuare le rilevazioni necessarie e consuma una media di 5,3 nanowatt. Per mantenere la carica la batteria necessita di 10 ore di esposizione alla luce artificiale oppure 1,5 ore di luce solare ogni giorno. La memoria è in grado di conservare informazioni per una settimana.

Per permettere al dispositivo di comunicare le proprie rilevazioni all'esterno del corpo umano, i ricercatori hanno realizzato una particolare antenna che può essere integrata direttamente nel sistema tramite un processo CMOS, che consente di definire in maniera precisa le dimensioni e la forma dell'antenna stessa che, in tal modo, avrà una ben precisa frequenza di risonanza e non necessiterà di un oscillatore esterno come avviene di norma nei sistemi di ricetrasmissione radio. I ricercatori stanno ora lavorando sul contenimento del consumo del minuscolo apparato radio, in maniera che sia compatibile con batterie di scala millimetrica.

Il professor Blauuw commenta: "Nel momento in cui si riesce a realizzare un dispositivo elettronico più piccolo di un dispositivo da tasca, lo si trasforma in una soluzione di monitoraggio. La prossima grande sfida è rappresentata dalla realizzazione di sistemi su scala millimetrica che possano monitorare il nostro organismo, l'ambiente in cui viviamo e le nostre abitazioni. Dal momento che sono così piccoli, se ne possono produrre centinaia di migliaia su un singolo wafer di silicio. Ve ne potrebbero essere decine o centinaia per persona ed è questo incremento pro-capite che alimenta la crescita nell'industria dei semiconduttori".

37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
fendermexico23 Febbraio 2011, 16:03 #1
...sanitario?
come no!! e io sono biancaneve

secondo me ai soldati americano impiantano computer sottopelle senza nemmeno dirglielo
devilred23 Febbraio 2011, 16:06 #2
Originariamente inviato da: fendermexico
...sanitario?
come no!! e io sono biancaneve

secondo me ai soldati americano impiantano computer sottopelle senza nemmeno dirglielo


e te lo ha detto murder o scully????
Paganetor23 Febbraio 2011, 16:08 #3
incredibile!
fendermexico23 Febbraio 2011, 16:08 #4
Originariamente inviato da: devilred
e te lo ha detto murder o scully????


beh credere agli alieni è discutibile...

..ma credere che in ambito militare si facciano le peggio schifezze/esperimenti lo sanno anche i bambini
piererentolo23 Febbraio 2011, 16:13 #5
Beh.. almeno tra qualche anno uno che voglia comperare un computer risparmierà sulle spese di spedizione... la vedo solo un po' dura cambiare i componenti
@yane23 Febbraio 2011, 16:15 #6
Originariamente inviato da: piererentolo
Beh.. almeno tra qualche anno uno che voglia comperare un computer risparmierà sulle spese di spedizione... la vedo solo un po' dura cambiare i componenti


p4ever23 Febbraio 2011, 16:18 #7
quindi c'è il concreto rischio in un futuro non molto remoto che mentre pulisco la camera con l'aspirapolvere il mio computer venga aspirato nella monezza
fendermexico23 Febbraio 2011, 16:24 #8
Originariamente inviato da: p4ever
quindi c'è il concreto rischio in un futuro non molto remoto che mentre pulisco la camera con l'aspirapolvere il mio computer venga aspirato nella monezza


ah ah ah

e pensa i ricchi "annoiati" invece di sniffare sostanze strane, potranno sniffare anche computer di fascia alta
hermanss23 Febbraio 2011, 16:25 #9
consuma una media di 5,3 nanowatt


Più o meno come una GTX480
th3o|dm4n23 Febbraio 2011, 16:28 #10
Originariamente inviato da: fendermexico
beh credere agli alieni è discutibile...

..ma credere che in ambito militare si facciano le peggio schifezze/esperimenti lo sanno anche i bambini
si si certo

e magari non ci sono fonti.
ah scusa.
è un complotto. non possono esserci prove...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^