Un virus per ottimizzare l'efficienza delle celle solari

Un virus per ottimizzare l'efficienza delle celle solari

Un comune virus batteriofago è stato geneticamente modificato per migliorare l'efficienza di conversione energetica delle celle solari, grazie anche all'impiego di nanotubi di carbonio

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:15 nel canale Scienza e tecnologia
 

Un gruppo di ricercatori del MIT ha pubblicato questa settimana sulla rivista Nature Nanotechnology i risultati di un esperimento con il quale hanno dimostrato la possibilità di incrementare l'efficienza di conversione energetica delle celle solari impiegando nanotubi di carbonio ed un virus appositamente modificato in grado di assumere il ruolo di "agente di assemblaggio" a livello microscopico.

L'impiego dei nanotubi di carbonio permette di migliorare l'efficienza di una cella solare, tuttavia precedenti esperimenti in questa direzione hanno mostrato due sostanziali problemi nell'impiego dei nanotubi di carbonio. Innanzitutto la realizzazione dei nanotubi produce un miscuglio di due tipi, alcuni dei quali agiscono come semiconduttori mentre altri si comportano come fossero metalli. La ricerca ha mostrato che gli effetti sulle celle solari sono differenti, dal momento che i semiconduttori sono in grado di migliorare le prestazioni delle celle solari, mentre i metalli sortiscono l'effetto opposto. Il secondo problema è rappresentato dal fatto che i nanotubi di carbonio tendono ad ammassarsi insieme, andando a compromettere la loro efficacia.

E' a questo punto che i ricercatori hanno pensato di impiegare un comune virus, il Fago M13, opportunamente modificato a livello genetico che ha permesso loro di controllare la disposizione dei nanotubi di carbonio su una superficie, mantenendo i nanotubi separati ed evitando così che si ammassino tra loro. I ricercatori hanno messo alla prova queste scoperte impiegando una cella solare di tipo "dye-sensitized", dove lo stato attivo è composto da diossido di titanio.

I virus vengono impiegati per ottimizzare un particolare passaggio nel processo di conversione della luce in energia elettrica: in una cella solare investita da radiazione luminosa, i fotoni vanno a colpire gli elettroni del materiale fotosensibile, questi elettroni devono essere convogliati verso un collettore affinchè sia possibile generare corrente elettrica. L'impiego dei nanotubi consente di convogliare in maniera più efficiente gli elettroni verso il collettore.

I virus in particolare effettuano due differenti funzioni in questi processo. Innanzitutto i virus dispongono di proteine a catena corta chiamate peptidi che hanno la capacità di legarsi strettamente ai nanotubi di carbonio, mantenendoli nella loro posizione e separati gli uni dagli altri. Il virus è modificato per poter produrre (non è chiaro in quale modo) una copertura di diossido di titanio, un elemento chiave per le celle di tipo dye-sensitized, su ciascun nanotubo in maniera tale che essa sia a stretto contatto con i nanotubi che trasportano gli elettroni. Ed è proprio il contatto tra il diossido di titanio ed i nanotubi a migliorare il trasporto degli elettroni in direzione del collettore.

Entrambe le funzioni sono assolte dal medesimo virus, la cui attività viene variata da una funzione all'altra con il cambiamento dell'acidità dell'ambiente in cui si trova. La possibilità di variare la propria funzione è una importante nuova caratteristica dimostrata per la prima volta in questa ricerca. Le celle solari così realizzate hanno mostrato un'efficienza di conversione del 10.6%, un incremento di circa un terzo rispetto all'efficienza dell'8% delle tradizionali celle dye-sensitized.

Secondo i ricercatori la produzione di celle solari con questo nuovo metodo comporterebbe ridotte modifiche alle linee produttive esistenti, rendendo piuttosto facile adattare le attuali fabbriche di produzione. La produzione commerciale di celle solari con nanotubi e virus potrebbe non essere troppo distante nel tempo dal momento che celle solari dye-sensitized vengono infatti già commercializzate in Giappone, Corea e Taiwan.

82 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
fraussantin28 Aprile 2011, 15:27 #1
e cosi avremo i pannelli solari zombie!!!!


apparte tutto ma chi li campa i virus senza ospite??
PhoEniX-VooDoo28 Aprile 2011, 15:43 #2
e quando i virus schiattano?

..ma sopratutto chi glielo spiega alla Symantec che non devono farci un anti-virus?
Cooperdale28 Aprile 2011, 15:48 #3
Mentre i ricercatori più coraggiosi ci portano oltre la fantascienza, noi continuiamo a saturare l'atmosfera con idrocarburi, monossidi e anidridi.
china8728 Aprile 2011, 15:57 #4
Originariamente inviato da: Cooperdale
Mentre i ricercatori più coraggiosi ci portano oltre la fantascienza, noi continuiamo a saturare l'atmosfera con idrocarburi, monossidi e anidridi.


fino a quando si da per futuristica una tecnologia vecchia di 100anni come i pannelli solari dove il rendimento non supera mai il 20%.
poi il fatto che non voglio renderci autosufficenti è un'altro discorso
Ma7z028 Aprile 2011, 16:23 #5
Il limite del 20% vale per le tecnologie vecchie di 100 anni non per il fotovoltaico di terza generazione.
texfan74928 Aprile 2011, 16:30 #6
è interessante vedre le nuove tecnologie applicate ai pannelli solari, sopprattutto vedere che ogni anno tirano fuori un'accorgimento per renderli + efficenti, però tutte le volte che si parla di rinnovabile si parla per il 90% di solare.

Ma nn esiste solo quello anzi anche se un pannello rendesse al 100% cioè luce solare sulla superficie=1kw/m^2 ci vorrebbero ettari ed ettari .Va bene se uno dice contribuisco con un pannello o 2 e lo metto sul tetto ma nn di fare l'energia prevalentemente con quello.
Integriamo con l'eolico , o con il solare progetto Rubbia.
Relok28 Aprile 2011, 16:31 #7
Il miglioramento del fotovoltaico è sempre positivo, ma non capisco perchè se ne parla su Hardware Upgrade.

Cmq in Italia sarebbe più importante sfruttare il geotermico che al momento è sfruttato pochissimo, ma sarebbe molto meglio che investire nel nucleare e con costi ridicoli rispetto allo stesso.

Un esempio:
http://www.ilfattoquotidiano.it/201...e-eolie/107130/
china8728 Aprile 2011, 16:43 #8
Originariamente inviato da: Ma7z0
Il limite del 20% vale per le tecnologie vecchie di 100 anni non per il fotovoltaico di terza generazione.


ahahahah ma per favore informiamoci prima d'accordo?

il monocristallino (il più costoso e raffinato per i profani) arriva al massimo al 15% poi con altri marchingegni si arriva forse al 40% in condizioni perfettamente favorevoli comme l'irragiamento di specchi.
avvelenato28 Aprile 2011, 16:44 #9
Originariamente inviato da: Relok
Il miglioramento del fotovoltaico è sempre positivo, ma non capisco perchè se ne parla su Hardware Upgrade.

Cmq in Italia sarebbe più importante sfruttare il geotermico che al momento è sfruttato pochissimo, ma sarebbe molto meglio che investire nel nucleare e con costi ridicoli rispetto allo stesso.

Un esempio:
http://www.ilfattoquotidiano.it/201...e-eolie/107130/


io non capisco invece perché ci si rapporti alle tecnologie con un'approccio da tifo calcistico e non scientifico-razionale. Come se costruire una centrale nucleare presuppone l'impossibilità di costruirne anche una geotermica, una solare, una eolica e una a criceti che girano la ruota...
china8728 Aprile 2011, 16:47 #10
Originariamente inviato da: avvelenato
io non capisco invece perché ci si rapporti alle tecnologie con un'approccio da tifo calcistico e non scientifico-razionale. Come se costruire una centrale nucleare presuppone l'impossibilità di costruirne anche una geotermica, una solare, una eolica e una a criceti che girano la ruota...


perché a quanto pare i tifosi del nucleare sono molto pochi dopo l'incidente in Giappone.... anche giustamente

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^