Accordo stretegico tra TSMC e Intel per soluzioni SoC

Accordo stretegico tra TSMC e Intel per soluzioni SoC

E' incentrato sulla produzione di soluzioni SoC della famiglia Atom l'accordo sottoscritto da Intel e la taiwanese TSMC: non solo produzione ma anche proprietà intellettuali

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 13:26 nel canale Server e Workstation
IntelAtom
 

Abbiamo segnalato nella giornata di ieri, con questa notizia, l'annuncio di una partnership tra Intel e la taiwanese TSMC. Sono nel frattempo emerse conferme ufficiali da parte delle due aziende che hanno annunciato di aver delineato un accordo per la possibile futura costruzione, da parte di TSMC, di prodotti Intel della famiglia SoC nei quali vadano a confluire proprietà intellettuali e tecnologie di Intel e di TSMC.

Detto in altri termini, TSMC potrà in futuro costruire prodotti Intel della famiglia System On a Chip, quindi destinati ai segmenti maggiormente entry level del mercato, utilizzando sia proprie proprietà intellettuali che tecnologie e IP di Intel. I chip verranno venduti a brand Intele non vi saranno riferimenti diretti a TSMC, che opererà di fatto come un foundry partner.

I SoC, che adotteranno il processo produttivo Bulk sviluppato ed adottato da TSMC per la produzione dei propri chip, permetterà di estendere sia il numero di chip della famiglia Atom che Intel potrà immettere sul mercato sia la loro tipologia.

E' evidente come alla base di questo accordo vi sia la necessità di Intel di incrementare la propria capacità produttiva di processori Atom. Il produttore americano ha già evidenziato di voler raggiungere una produzione annua di circa 200 milioni di processori della famiglia Atom per il 2012, cifra che deve essere confrontata con i circa 200 milioni di processori che Intel produce attualmente ogni anno.

Alla luce di queste stime Intel deve rivolgersi a partner produttivi esterni, quale soluzione alternativa al costruire nuove fabbriche specificamente per la produzione di questa tipologia di SoC. In questo può emergere TSMC con vari punti di forza, tra i quali l'esperienza maturata in questi anni nella produzione di chip a basso consumo per i mercati mobile. Si apre uno scenario per il quale future soluzioni Atom di tipo SoC specifiche per l'utilizzo in sistemi mobile di ridottissime dimensioni, quali gli smartphone, potranno venir costruite proprio dall'azienda taiwanese.

Il primo chip Atom del tipo SoC che Intel immetterà sul mercato sarà quello noto con il nome in codice di Moorestown; questa architettura verrà costruita con tecnologia produttiva a 45 nanometri integrando al proprio interno sia CPU che memory controller e sottosistema video. E' presumibile che la partnership produttiva con TSMC possa riguardare future generazioni di processori della serie Atom, per i quali mancano del tutto specifiche tecniche dettagliate.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SwatMaster03 Marzo 2009, 13:35 #1
Cioè, Intel vuole arrivare a mettere sul mercato così tanti Atom? Prevedo magazzini stracolmi! Interessante la storia del SoC, ma non credo arriveranno a volumi di vendita così elevati... E poi hanno dei margini estremamente ridotti, non capisco davvero.
krogy8003 Marzo 2009, 13:38 #2
questa é una notizia bella grossa!
che io sappia é la prima volta che Intel delega la produzione di un suo processore.
d'altronde le esigenze di personalizzazzione del mondo embedded non potevano essere soddisfatte dalle sole fonderie Intel.

certo é che potenzialmente Atom puó finire per danneggiare il buisness Intel piú di quanto siano mai riuscite tutte le aziende concorrenti messe assieme!!!
ovvero trasformare la CPU da prodotto ad alti margini a commodity.
demon7703 Marzo 2009, 14:07 #3

X PAOLO

Err. Paolo guarda che hai scritto il titolo in pugliese! CORREGGI!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^