Adapteva e Globalfoundries, 28nm per un coprocessore con 64 core

Adapteva e Globalfoundries, 28nm per un coprocessore con 64 core

Il processo SLP a 28 nanometri sarà utilizzato per realizzare un nuovo chip di co-processing, Epiphany IV, provvisto di 64 core RISC

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:29 nel canale Server e Workstation
 

Adapteva, una piccola realtà fabless (ne abbiamo parlato qui) con sede a Lexington, nel Massachusetts, ha annunciato l'avvio della fase di prototipazione della quarta generazione di chip multi-core Epiphany destinate ad applicazioni di co-processing nel mondo del parallel computing. Il nuovo chip è caratterizzato dalla presenza di ben 64 core RISC ed è realizzato grazie all'impiego del processo Super Low-Power a 28 nanometri sviluppato da Globalfoundries.

Andreas Olofsson, CEO di Adapteva, ha commentato: "Si tratta di un momento cruciale per il parallel computing a basso consumo, che spinge la computazione many-core molto più avanti di ciò che il mercato pensava possibile in questo decennio. Con il nostro ultimo chip programmabile OpenCL a 28 nanometri abbiamo creato una soluzione di processore multicore facile da usare che innalza di un ordine di grandezza l'efficienza energetica per applicazioni critiche in una vasta gamma di mercati".

Epiphany IV include su di un singolo chip, come accennato, 64 core RISC indipendenti ad elevate prestazioni che operano alla frequenza di 800MHz, offrendo nel complesso 50GHz di prestazioni programmabili e consumando meno di 2W nel peggiore dei casi possibili. Le prestazioni di picco di Epiphany IV giungono fino a 100GFLOPS, laddove l'efficienza energetica di picco arriva a 72GFLOP per Watt alla frequenza di 500MHz.

Globalfoundries produce il chip utilizzando la tecnologia di processo SLP a 28 nanometri che, grazie all'impiego dela tecnologia gate-first high-k metal gate, è attualmente riconosciuto come uno dei processi produttivi più efficienti in termini di energia e costi disponibile oggi. Per definire il progetto le due realtà si sono incontrate a partire dal 2010, delineando in maniera rigorosa i requisiti necessari per la realizzazione del chip. Il processo SLP a 28 nanometri è risultato essere particolarmente idoneo alle esigenze di Adapteva che ha potuto trasferire alcuni elementi chiave di proprietà intellettuale dalla precedente generazione di chip al nuovo Epiphany IV.

Olofsson ha aggiunto: "L'efficienza di Epiphany permetterà significativi risparmi nel TCO (total cost of ownership) per l'high performance computing e consentirà di disporre di prestazioni server-level nei dispositivi mobile come smartphone e tablet".

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
supertigrotto06 Settembre 2012, 10:36 #1

in pratica

È simile al tilera
roccia123406 Settembre 2012, 10:52 #2
64 core RISC indipendenti ad elevate prestazioni che operano alla frequenza di 800MHz, offrendo nel complesso 50GHz di prestazioni programmabili


Avatar006 Settembre 2012, 12:16 #3
WTF !?
Cosa ci fa' un co-processore dedicato al calco parallelo ... in un TaBLet !?
Tedturb006 Settembre 2012, 14:20 #4
Originariamente inviato da: Avatar0
WTF !?
Cosa ci fa' un co-processore dedicato al calco parallelo ... in un TaBLet !?


Video encoding/decoding, image processing, stabilizzazione, crittografia, e molto altro (visto che e' programmabile), a quasi il consumo dei vari chippetti dedicati

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^