Chartered e Globalfoundries a diventare un'unica realtà

Chartered e Globalfoundries a diventare un'unica realtà

Prevista per il quarto trimestre 2009 la chiusura dell'operazione di acquisizione di Chartered Semiconductor, che si unirà a Globalfoundries

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:19 nel canale Server e Workstation
 

Advanced Technology Investment Company LLC (ATIC), azienda che è proprietaria di maggioranza di Globalfoundries, ha annunciato un accordo che delinea i termini della futura acquisizione di Chartered Semiconductor Manufacturing, azienda di Singapore specializzata nella produzione di semiconduttori per conto terzi. L'accordo è al momento attuale oggetto di verifica da parte dell'autorità di Singapore nonché degli azionisti di Chartered, con aspettative di completamento per il quarto trimestre 2009.

L'acquisizione di Chartered rappresenta un importante passaggio di espansione per ATIC all'interno del settore della produzione di semiconduttori. Chartered è azienda da tempo presente sul mercato, con notevole esperienza nella produzione di wafer da 8 e 12 pollici di diametro anche con processi produttori non particolarmente innovativi, richiesti da un ricco parco di clienti.

I termini economici prevedono un investimento complessivo di 3,9 miliardi di dollari da parte di ATIC, divisi in circa 1,8 miliardi di dollari in contanti e la restante parte in debiti e azioni. Il controvalore rappresenta un premio di circa il 14,2% rispetto al valore di ogni singola azione Chartered Semiconductor Manufacturing registrato come media negli ultimi 30 giorni di contrattazione in borsa.

Chartered e Globalfundries verranno a regime unificate in un'unica azienda, con a capo Doug Grose, CEO di Globalfoundries; Chia Song Hwee, attuale CEO di Chartered, opererà invece come Chief Operating Officer (COO) della nuova azienda.

L'accordo è destinato in breve tempo ad accelerare la presenza di Globalfoundries all'interno delle grandi aziende produttrici di semiconduttori, con una struttura che veda da un lato il buon numero di clienti e contratti, assieme ad una fabbrica produttiva, che Chartered porta in dote e dall'altro la leadershp tecnologica che Globalfoundries sta sviluppando sia con l'attuale produzione a 45 nanometri con tecnologia SOI sia con le future tecnologie produttive in roadmap.

Ricordiamo come Chartered avesse in passato già stretto un importante accordo tecnologico con AMD. La produzione di alcuni processori era infatti stata ceduta da AMD a quest'azienda per aumentarne il volume complessivo, fornendo a Chartered la tecnologia alla base e in particolare il proprio tool di strumenti di produzione indicato con il nome di APM, Automated Precision Manufacturing, alla base proprio della tecnica di produzione di Globalfoundries.

Un comunicato stampa che delina tutti i dettagli dell'operazione è disponibile online a questo indirizzo.

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
g.luca86x07 Settembre 2009, 09:33 #1
Non sapevo si potesse comprare qualcosa coi debiti, invece che coi crediti!
angel11007 Settembre 2009, 09:42 #2
E' chiaro che l'acquisto lo fanno gli emiri, tanto per loro miliardo più miliardo meno non fa differenza.
Comunque ben venga questa transazione, perchè ovviamente è un vantaggio anche per AMD.
Sig. Stroboscopico07 Settembre 2009, 09:55 #3
Bè, basta dare fiducia e ti fanno credito.
Tipo come in Italia è stata venduta la Telecom... a gente abbastanza affidabile e capace da dargliela senza bisogno di contante.

Comunque la Globalfoundries pare stia venendo su proprio bene!
Catan07 Settembre 2009, 10:09 #4
sembra che gli arabi vogliano fare le cose in grande.
prima acquisiscono il 60% delle fabbriche amd e fondano la loro società in comune.
poi acquisiscoo chartered, che ha gia collaborato con amd, realizzando i processori di fascia bassa per conto di quest'ultima.

se global f vuole diventare leader o competitor di intel a livello di produzione sta sulla buona strada, o cmq da un amd con solo le fabriche di dresta, adesso la joint venture ha le fabriche di dresda, la fabrica di singapore, e in futuro quella negli stati uniti.

praticamente entro il 2012 data di messa a lavoro della fabrica degli usa, amd-global foudries avrà incrementato del 100% il numero di fabbriche in possesso.
Pier de Notrix07 Settembre 2009, 10:13 #5
Certo che con i petroldollari si va lontano (per non dire con la mafia del petrolio)... e hanno solide basi economiche per fare concorrenza sleale in perdita, aspettando il fallimento dei concorrenti. Chissà come andrà a finire.
LCol8407 Settembre 2009, 10:56 #6
Certo che GF sembra destinata a diventare la più grande fabbrica di semiconduttori per conto di terzi. Assurdo! Tutto a vantaggio di AMD (il che fa ben sperare per i prossimi processori)
capitan_crasy07 Settembre 2009, 10:56 #7
Originariamente inviato da: g.luca86x
Non sapevo si potesse comprare qualcosa coi debiti, invece che coi crediti!


Quali debiti?
AMD non tira fuori un dollaro per questa operazione....
The3DProgrammer07 Settembre 2009, 11:12 #8
Tipo come in Italia è stata venduta la Telecom... a gente abbastanza affidabile e capace da dargliela senza bisogno di contante.


e soprattutto rinomata nel saper spennare i polli (gli italiani nel caso specifico)
davyjones07 Settembre 2009, 11:35 #9
Originariamente inviato da: g.luca86x
Non sapevo si potesse comprare qualcosa coi debiti, invece che coi crediti!


Beh le cambiali esistono da un bel pezzo quindi è il caso che ti aggiorni
g.luca86x07 Settembre 2009, 11:40 #10
Originariamente inviato da: davyjones
Beh le cambiali esistono da un bel pezzo quindi è il caso che ti aggiorni


Ma quello sarebbe a credito! Io citavo solo l'articolo in cui si dice che sarà pagato una parte in contanti, una parte in azioni e un'altra parte in debiti! credevo si dicesse che si compra qualcosa a credito, non a debito! Cioè ti pago dandoti le mie rate del mutuo della casa da pagare?

ps: so che esistono le varie forme di pagherò

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^