Chiusura dell'anno con ottimismo per Intel

Chiusura dell'anno con ottimismo per Intel

Paul Otellini, CEO di Intel, vede con ottimismo gli ultimi mesi del 2009, spinti da una ripresa economica che inizia a manifestarsi

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:25 nel canale Server e Workstation
Intel
 

Paul Otellini, CEO di Intel, ha rilasciato alcune interessanti affermazioni nel corso di un'intervista con BBC, manifestando la propria personale convinzione che il mercato sia ormai giunto ad un punto di svolta nella crisi economica internazionale.

Otellini prevede che il 2009 verrà chiuso dai produttori con un volume complessivo di vendite allineato a quello dell'anno 2008. Considerando la portata della recessione economica si tratterebbe, se confermato, di un dato molto interessante per gli operatori di settore, evidenziando come l'aggiornamento del proprio sistema alle tecnologie più recenti sia diventato un processo di acquisto pressoché indispensabile per l'utente.

La visione di Otellini, con riferimento al rapporto tra innovazione tecnologia e capacità di spesa in una fase di crisi economica, è molto chiara: a dispetto della crisi economica la necessità per gli utenti di utilizzare strumenti tecnologicamente d'avanguardia, sia in ambito professionale sia in quello domestico, spinge verso l'acquisto di nuovi prodotti. A maggior ragione quando i segnali di fine della crisi economica iniziano a manifestarsi in modo netto gli utenti ricercano innovazione tecnologica, non prodotti disponibili ormai da tempo sul mercato e quindi tecnologicamente non più adeguati.

Non più tardi di 1 settimana fa Intel ha annunciato di attendersi, per il terzo trimestre 2009, un risultato economico superiore alle iniziali aspettative sia in termini di fatturato sia di margine operativo lordo. Quando, nel corso del mese di Ottobre, i dati trimestrali di Intel e di altri colossi del settore verranno resi pubblici potremo avere dirette conferme di quanto abbia allentato la presa della morsa la crisi economica nel corso dell'estate che ormai volge al termine.

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MaxVIXI04 Settembre 2009, 10:08 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
"l'aggiornamento del proprio sistema alle tecnologie più recenti sia diventato un processo di acquisto pressoché indispensabile per l'utente."


eh già... peccato che una buona parte degli utenti potrebbero tranquillamente evitare di cambiare sistemi che ancora non stanno sfruttando... capisco le aziende... capisco quelli che hanno l'informatica come hobby... ma il resto?... MAH....
19Dante8604 Settembre 2009, 10:50 #2
perchè invece di sfornare processori e 6 core con frequenze di clock sempre più alte e processi produttivi sempre più nuovi,non fanno i software come si devono e poi quando veramente l'hw non riesce a stare dietro,ne producono di nuovi?tanto vedremo sempre la solita cagata,gente col processore top,che crede sia più veloce per una questione psicologica,spendendo denaro.C'è gente che usa sistemi unix con pc datati di 4 anni fa e non sente la necessità di cambiare hw,io ho un e8400 e non sento la necessità.
Bisogna programmare bene i SW non andare avanti con l'HW,è inutile
VEKTOR04 Settembre 2009, 11:05 #3
Per questi signori non è conveniente: the technology must go on...
pabloski04 Settembre 2009, 12:17 #4
se ottimizzassero il software si troverebbero a non poter pagare il mutuo dello yacht

pabloski04 Settembre 2009, 12:18 #5
p.s. non vorrai mica fare come quei comunisti di haiku che stanno lavorando ad un sistema capace di far girare la teiera a 105 fps con i driver vesa su un atom?

questi sono programmatori che vanno eliminati, per il bene del mondo
supertigrotto04 Settembre 2009, 17:03 #6

dante86

Intel produce processori,non software!
Anzi per loro ottimizzare il software significa rallentare le vendite.
Intel campa sul buisiness di vendita,è una multinazionale!
Lamentati con le software house non con intel o amd,loro fanno i loro affari!
User11105 Settembre 2009, 07:45 #7
Originariamente inviato da: 19Dante86
perchè invece di sfornare processori e 6 core con frequenze di clock sempre più alte e processi produttivi sempre più nuovi,non fanno i software come si devono e poi quando veramente l'hw non riesce a stare dietro,ne producono di nuovi?tanto vedremo sempre la solita cagata,gente col processore top,che crede sia più veloce per una questione psicologica,spendendo denaro.C'è gente che usa sistemi unix con pc datati di 4 anni fa e non sente la necessità di cambiare hw,io ho un e8400 e non sento la necessità.
Bisogna programmare bene i SW non andare avanti con l'HW,è inutile


sono 6 anni che ci sono i dual adesso piano piano si passerà ad un quad
Persio05 Settembre 2009, 14:02 #8
Originariamente inviato da: User111
sono 6 anni che ci sono i dual adesso piano piano si passerà ad un quad


si ma il problema di intel è che sfornano potenza di calcolo inutile... vedi gli i7... sono un abuso di potenza di calcolo... e a che serve? mica devo far girare 4 sessioni di GTA4 insieme!
gabi.243705 Settembre 2009, 19:34 #9
Originariamente inviato da: Persio
si ma il problema di intel è che sfornano potenza di calcolo inutile... vedi gli i7... sono un abuso di potenza di calcolo... e a che serve? mica devo far girare 4 sessioni di GTA4 insieme!


BOINC

Qua stiamo aspettando i 12-core
netcrusher06 Settembre 2009, 03:03 #10

e che ci volete fare

Oramai si viaggia sulla scia del superfluo, la tecnologia quella vera è in stagnazione oramai da anni, se accade questo è perchè gli acquirenti continuano a comprare e a mandare avanti un mercato inutile,oramai con l'hardware ci si è allineati al mercato dei telefonini altra categoria tecnologica inutilissima............al momento le uniche tecnologie che stanno facendo veri progressi sono quelle biomediche......per il resto vedo solo specchietti per le allodole.....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^