Contrazione inferiore al previsto per il mercato dei semiconduttori

Contrazione inferiore al previsto per il mercato dei semiconduttori

Segnali di ripresa per il mercato dei semiconduttori, in calo ma meno del previsto per il 2009; il ritorno ai valori del 2008 attesi per il prossimo anno

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 08:24 nel canale Server e Workstation
 

Le più recneti stime fornite dall'istituto di ricerca Gartner, incentrate sull'andamento del mercato dei semiconduttori, fanno ben sperare per una solida ripresa dell'industria nel corso del prossimo anno. Le stime prevedono infatti un ritorno allo stesso valore di fatturato cumulato registrato nel corso del 2008 per il prossimo anno.

Il 2009 si chiuderà, stando alle stime fornite, con una contrazione complessiva dell'11% rispetto al 2008, un risultato negativo ma meno di quel 17% che era stato inizialmente indicato come percentuale di contrazione complessiva. Il controvalore complessivo del mercato sarà pari a 226 miliardi di dollari, rispetto ai 255 miliardi dello scorso anno.

La domanda di semiconduttori è stata trainata in questo periodo dalle buone vendite complessive di soluzioni PC, che nel corso della crisi economica hanno registrato secondo Gartner una contrazione complessiva inferiore a quanto inizialmente previsto. Dinamica simile per e memorie DRAM, per le quali la domanda rimane interessante anche per le richieste da parte del settore dell'elettronica di consumo.

D'altro canto lo scenario complessivo del mercato sconta una contrazione generalizzata; alcuni segnali provenienti soprattutto dai produttori asiatici indicano una ripresa delle vendite, nei primi mesi del 2010, che potrebbe essere inizialmente inferiore a quanto preventivato.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito Gartner a questo indirizzo.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^