Da TDK nuovi SSD per applicazioni industrial

Da TDK nuovi SSD per applicazioni industrial

TDK annuncia nuovi SSD provvisti di controller porprietario con un avanzato algoritmo di wear leveling per estendere la durata nel corso del tempo dei chip di memoria

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:04 nel canale Server e Workstation
 

Il sito web Xbit Labs riporta il debutto della nuova linea di SSD TDK SDG4A destinata ad applicazioni industriali e basata su controller proprietario GBDRiver RS4. L'obiettivo principale che TDK cerca di perseguire con questa linea di soluzioni di storage è quello di offrire un'elevata affidabilità grazie ad una serie di accorgimenti.

I nuovi SSD, equipaggiati con memorie eMLC NAND, saranno disponibili in form factor da 2,5 pollici e in capacità da 64GB a 512GB. Secondo i dati rilasciati dalla compagnia, le nuove soluzioni SSD SDG4A offriranno una velocità in lettura di 130MB/s e di 180MB/s in scrittura. Le unità sono conformi alle specifiche Serial ATA 2.6, con supporto alle tecnologie NCQ e TRIM.

I dischi SDG4A sono inoltre basati su migliorati algoritmi di wear leveling che distribuiscono la scrittura delle informazioni su tutti i blocchi di memoria allo scopo di estendere la durata nel tempo dei chip di memoria flash. Anche i blocchi "statici" come quelli per il sistema operativo, subiscono periodicamente un'operazione di wear leveling. Secondo quanto afferma TDK, assumendo un volume di scrittura quotidiano di 10GB di dati, un SSD dalla capienza di 16GB è in grado di supportare oltre 200 anni di operazioni di riscrittura. L'impostazione del wear leveling statico può essere decisa liberamente.

Il controller GBDriver supporta inoltre una funzionalità per la tolleranza a cali di tensione ed è provvisto di varie funzionalità avanzate, come ad esempio funzioni ECC che fanno uso di 71 bit per 512 byte, meccanismi di correzione automatica dell'errore e cifratura AES a 128-bit.

Gli SSD SGD4A saranno disponibili a breve, ad un prezzo non ancora comunicato.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
DooM110 Maggio 2013, 15:45 #1
Ancora non ho fatto il passo agli SSD, visto che ho un set di dischi meccanici decenti preferisco aspettare.
Quindi mi fa piacere vedere che la ricerca non si sia fermata.
Ma comunque non sono un po' lentini?
Cioè io con il mio RAID penso quasi di eguagliarli, tempo di accesso escluso; poi comunque bisogna vedere tutto in relazione al prezzo.

Comunque non capisco come faccia ad essere più veloce in scrittura che in lettura

Ma che differenza farebbe che sono per il campo industriale?
Pess11 Maggio 2013, 20:41 #2
Qualsiasi SSD risulta nell'utilizzo daily molto più veloce di Hard disk o raid di Hard Disk... Non è il sequenziale che devi guardare ma soprattutto i 4K...
scottial13 Maggio 2013, 10:39 #3
çDoom1
Certo che fa differenza.
Nel campo industriale non contano la velocità e l'ultima tecnologia disponibile, conta l'affidabilità e la reperibilità; infatti i ricambi devono essere garantiti almeno 10 anni dalla fine della produzione.
Ti dico che nei PC industriali i touch screen sono ancora a tecnologia resistiva, perché gli operatori li premono con i guanti (e non quelli bianchi) o con quello che hanno in mano (anche i giraviti...), si usano ancora i celeron e vedrai raramente un i5, si usano anche gli HD da 80GB IDE, gli SSD sono per lo più da 8 e 16GB, si trovano ancora le MMC industriali da 1 e 2 GB con cicli di 100.000 scitture, contro i 10.000 di quelle da 64GB domestiche, e i clienti VOGLIONO Windows XP Pro, che si usa embedded, ma non Seven.
Vorrei vedere quanto dura il tuo raid in un ambiente come una fonderia a 50°C e polveri sottili a go-go o in un'industria alimentare in una cella frigorifera a -20°C, o all'esterno con la temperatura e l'umidità che fanno come gli pare.
E se da tuo raid dipendesse la gestione della qualità della tua industria non potresti permetterti di cambiarlo ogni due mesi e stare con l'ansia che possa rompersi da un momento all'altro.
Io ha visto pannelli operatore e PC industriali vecchi di 15/20 anni e PLC di 30 anni che funzionano ancora e con ricambi ancora disponibili.
Nel campo industriale vale il detto: una volta montato non devo preoccuparmi più che esiste.

Infine le velocità di lettura e scrittura sono invertite, come si vede dall'articolo originale, è un errore di digitazione.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^