FirePro R5000: la scheda video per remote destktop di AMD

FirePro R5000: la scheda video per remote destktop di AMD

L'azienda americana annuncia una nuova proposta nella propria gamma di soluzioni professionali FirePro: R5000 integra un chip Teradici con il quale gestire connessioni di remote desktop su client molto semplici, attraverso tecnologia PCoIP

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 16:52 nel canale Server e Workstation
AMD
 

AMD ha annunciato una nuova scheda video della famiglia FirePro, soluzione destinata al mercato video professionale che differisce dalle tradizionali proposte per workstation grafiche o per elaborazioni GPU Computing.

FirePro R5000, infatti, è una scheda destinata ad utilizzi di remote desktop, nei quali cioè ad un terminale di ridotta potenza di calcolo viene affiancata una scheda video installata in una sala dati, lontana quindi dal terminale stesso, e delegata a quest'ultima tutti i compiti di elaborazione video.

Il trasferimento dei dati tra scheda video integrata nel server e client remoto avviene over IP; il server può venir configurato con un qualsiasi sistema operativo tradizionale oppure virtualizzato con Vmware ESX Server oppure con Citrix XeonServer. La scheda permette di gestire sino ad un massimo di 2 display con risoluzione di 2560x1600 pixel, oppure 4 schermi ciascuno da 1920x1200 pixel; a seconda del tipo di risoluzione e di modello di utilizzo variano i requisiti di bandwidth sino ad un massimo di 200 Mbit al secondo per il massimo trasferimento con risoluzione di 1920x1200 pixel.

amd_firepro_r5000.jpg (32701 bytes)

La scheda FirePro R5000 è basata su GPU AMD della serie Pitcairn, la stessa adottata per le soluzioni della famiglia Radeon HD 7800. Onboard troviamo 2 Gbytes di memoria video, mentre il form factor prevede ingombro di 1 slot per il sistema di raffreddamento. La particolarità di questo prodotto è quella di integrare al proprio interno un processore sviluppato da Teradici, grazie al quale è fornito supporto alla tecnologia PCoIP. Questa opera collegando server e client tra di loro, facendo in modo che da lato utente sia presente un client senza alcun tipo di risorse dedicate che devono venir messe a disposizione.

Di fatto PCoIP opera riducendo pressoché a zero le necessità del client in termini di potenza di elaborazione, spostando nel server tutta la potenza di calcolo della GPU per le applicazioni video. La presenza di questo processore dedicato di Teradici, modello TERA2240, è il componente che, affiancato alla componente video sviluppata da AMD rende tutto questo possibile.

La risultante finale è quella di avere a disposizione client di notevole potenza di elaborazione dal versante grafico, spostando all'interno del datacenter o semplicemente in un sistema lontano dal client le schede video che pilotano il client. Pensando ad ambienti nei quali sia necessario avere a disposizione un elevato numero di display la possibilità di spostare le schede e le workstation in altro ambiente, attraverso un trasferimento dei dati via connessione di rete, rende possibile ridurre il rumore dell'ambiente al minimo e spostare le necessità legate al raffreddamento dei componenti lontano dal luogo di lavoro.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Karandas25 Febbraio 2013, 18:51 #1
Non mi è chiaro sul computer client come faccio ad inviare e a ricevere i pixel, installo un driver che va a cercare nella rete questa scheda video remota?
E' compatibile anche con OSX?
Vas.ko!25 Febbraio 2013, 21:16 #2
anche a me non è chiaro. Ma si potrà installare in casa nella propria rete e poi usarla da remoto (via internet, con una connessione adeguata) per esempio con il proprio portatile??
Tedturb025 Febbraio 2013, 21:37 #3
non me ne intendo, ma mi sembra che PCoIP sia soprattutto pensato per le reti locali, o comunque WAN molto veloci.
Credo che over internet protocolli come rdp, vnc e NX funzionino meglio, per via delle varie compressioni etc che effettuano
Willy_Pinguino25 Febbraio 2013, 21:41 #4
parlano di 200 megabit al secondo... dubito che gli standard adsl attuali ci arrivino, magari gli xdsl, e comunque lo vedo difficile per le connessioni 3 3,5 o 4g, quindi nulla in mobilità a meno di non essere sotto copertura wi-fi da almeno 300mbs
Karl Philip25 Febbraio 2013, 22:05 #5
Io ho una rete basata su client iMac e server centrale winzozz con tecnologia teradici. Avere i client collegati via wifi non è consigliabile perché il wifi non da continuità di banda e si creano lag e latenze che son fastidiose. Già su rete giga ethernet se lo switch non è di prima qualità si hanno problemi. Ideale sarebbe una rete basata su ethernet a 10 gb...ma ahimè avendo gli iMac ciò non mi è possibile. Avevo provato con un Mac Pro e tutto filava liscio. Il problema è che il costo di un'infrastruttura client basata su mac pro era troppo elevata.
Another26 Febbraio 2013, 09:29 #6
Originariamente inviato da: Willy_Pinguino
parlano di 200 megabit al secondo... dubito che gli standard adsl attuali ci arrivino, magari gli xdsl, e comunque lo vedo difficile per le connessioni 3 3,5 o 4g, quindi nulla in mobilità a meno di non essere sotto copertura wi-fi da almeno 300mbs


il wifi 300mbs non va più di 90-100 reali quindi nada

sarebbe interessante avere dei test per misurare prestazioni e fluidità

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^