Fujitsu ritorna nel mercato globale dei supercomputer?

Fujitsu ritorna nel mercato globale dei supercomputer?

Il supersistema K Computer, presentato da Fujitsu a settembre, pare interessare anche alcune realtà al di fuori del paese del Sol Levante

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:33 nel canale Server e Workstation
Fujitsu
 

A dieci anni di distanza Fujitsu Limited sembra intenzionata a fare il proprio ritorno nel mercato globale dei supercomputer: l'azienda giapponese ha infatti già avviato una serie di trattative con partner europei focalizzate sul supersistema K computer annunciato qualche mese fa.

Secondo quanto riportato dal quotidiano giapponese Yomiuri pare infatti che Fujitsu abbia incontrato l'organizzazione amministrativa dell'International Thermonuclear Experimental Reactor (ITER) che, attraverso un accordo internazionale che unisce Cina, Europa (tramite l'Euratom), l'India, il Giappone, la Corea del Sud, la Federazione Russa e gli USA, si occupa di portare avanti progetti di ricerca e sviluppo attorno alla tecnologia della fusione nucleare come fonte di energia. L'ITER avrebbe infatti mostrato un particolare interesse nei confronti delle potenzialità prestazionali del sistema K Computer, che Fujitsu ha presentato alla fine del mese di settembre.

Si tratta, lo ricordiamo, di un supersistema costituito da oltre 800 rack, ciascuno provvisto di CPU Fujitsu SPARC64 VIIIfx. Si tratta di processori a otto core, con una potenza computazionale computazionale di 128 gigaFLOP. Dal punto di vista dell'efficienza energetica si tratta di soluzioni capaci di un rapporto di 2,2 gigaFLOP per watt. Il sistema sarà in grado di raggiungere prestazioni di 10 PetaFLOP, distaccando notevolmente i sistemi al vertice dell'ultima Top500 Supercomputer List.

Il supersistema K Computer è stato realizzato come elemento principale nell'iniziativa High Performance Computing Infrastructure, guidata dal MEXT, il ministero dell'educazione, cultura, sport, scienza e tecnologia giapponese, e sviluppata congiuntamente con il RIKEN, importante istituto di ricerca del paese del Sol Levante.

Quello di Fujitsu rappresenterebbe un importante ritorno delle realtà giapponesi nel mercato globale dei sistemi supercomputer: se nel passato, infatti, i supersistemi giapponesi hanno rappresentato una minaccia alle soluzioni supercomputer progettate e sviluppate da realtà statunitensi, a partire dall'anno 2000 i produttori di supercomputer hanno via via iniziato a rivolgersi a soluzioni x86-based, costringendo i produttori giapponesi a chiamarsi fuori dal mercato e a concentrarsi sulla produzione di soluzioni HPC per le istituzioni locali.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
coschizza30 Dicembre 2010, 11:19 #1
per chi volesse dettagli specifici sulla cpu che verrà usata:

http://www.hotchips.org/archives/hc...Core-VIIIfx.pdf
Paganetor30 Dicembre 2010, 11:33 #2
secondo me la parte complicata non è "assemblare" un computer con X processori, Y dischi e Z rack, ma mettere in piedi la giusta architettura software e riuscire a sfruttarla come si deve...
coschizza30 Dicembre 2010, 11:59 #3
Originariamente inviato da: Paganetor
secondo me la parte complicata non è "assemblare" un computer con X processori, Y dischi e Z rack, ma mettere in piedi la giusta architettura software e riuscire a sfruttarla come si deve...


esatto, ma la giusta architettura software deve essere legata alla giusta architettura hardware, i supercomputer non sono un insieme di hardware ma un insieme di hardware che viene progettato anche 1-2 anni prima di assemblarlo perche viene studiato su misura.
supertigrotto30 Dicembre 2010, 12:22 #4

spark!

Che bello sapere che puntano ancora su diverse architetture che non siano x86!
X86 va benissimo ma per certi versi,altre architetture sono più efficienti in certi tipi di calcoli.
supertigrotto30 Dicembre 2010, 12:23 #5

scusate!

era sparc non spark!
Altrimenti l'alfa romeo mi fa causa!
Gualmiro03 Gennaio 2011, 14:37 #6
Originariamente inviato da: Paganetor
secondo me la parte complicata non è "assemblare" un computer con X processori, Y dischi e Z rack, ma mettere in piedi la giusta architettura software e riuscire a sfruttarla come si deve...


Codesto è ancora un aspetto profondamente vero, ma secondo me non nei termini in cui lo era in passato.

I progressi sulle architetture lato software sono tali che è sempre più difficile giustificare processori fatti ad hoc per supercomputer di questo tipo, a maggior ragione se i processori in questione non sono nemmeno x86 e che quindi hanno bisogno di non poco lavoro aggiuntivo per beneficiare delle ultime evoluzioni lato software di cui invece gode chi si affida all'architettura intel.

In soldoni, devono essere realmente buoni sti nuovi cosi

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^