IBM aiuta le aziende che vogliono abbandonare Oracle

IBM aiuta le aziende che vogliono abbandonare Oracle

Big Blue offre consulenze tecniche e finanziarie, corsi di aggiornamento e finanziamenti a tasso zero per quelle realtà che vogliono migrare da Oracle a IBM

di Andrea Bai pubblicata il , alle 08:56 nel canale Server e Workstation
IBM
 

La decisione di Oracle di terminare lo sviluppo del software per le piattaforme Intel Itanium e la presunta e ancor non confermata intenzione di non supportare alcuna distribuzione Linux al di fuori della proprietaria Oracle Linux, hanno causato malumori ed incertezze in quelle realtà dove le piattaforme Itanium-based vengono impiegate per attività cosiddette mission-critical.

Non sorprende che da una situazione del genere i concorrenti di Oracle cerchino di cogliere qualche opportunità. Ecco che IBM ha recentemente annunciato un'iniziativa di supporto dedicata ai clienti di software Oracle che vogliono migrare verso soluzioni software IBM.

Le nuove risorse includono programmi di consulenza gratuti sia per l'aspetto finanziario sia per l'aspetto economico, una serie di corsi di aggiornamento ed un insieme di proof of concept che permettano ai clienti di facilitare le conversioni degli investimenti in Oracle verso IBM.

IBM potrà fornire una dettagliata analisi finanziaria che mostra la misura del risparmio che è possibile ottenere passando da Oracle Database e da Oracle WebLogic verso IBM DB2 e WebSphere. Parallelamente una valutazione tecnica personalizzata ed un piano di conversione dettagliato mostrerà ai clienti in che maniera è possibile effettuare, a livello pratico, la migrazione da soluzioni software Oracle a soluzioni software IBM. Entrambe le consulenze sono fornite da IBM in forma gratuita.

Sempre in forma gratuita saranno offerti oltre 100 corsi online e di persona per l'aggiornamento e la certificazione IBM DB2 e IBM WebSphere per gli sviluppatori e gli amministratori Oracle Database e per i team che si occupano della gestione software Oracle. Big Blue ha inoltre annunciato che la sua divisione finanziaria, IBM Global Financing, offrirà un finanziamento a tasso zero per aiutare i clienti Oracle nel passaggio verso software IBM.

Secondo le dichiarazioni di IBM nel 2010 oltre un migliaio di clienti Oracle Database hanno già scelto di passare a DB2, e più di 400 clienti Oracle WebLogic hanno scelto WebSphere. Negli anni recenti alcune grosse realtà, come Guangdong Rural Credit Cooperatives, la divisione londinese di Deutsche Postbank AG e Gazprom Neft hanno scelto soluzioni IBM al posto di soluzioni Oracle.

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SpyroTSK19 Maggio 2011, 11:06 #1
Stiamo assistendo al suicidio di Oracle...
argent8819 Maggio 2011, 18:55 #2
..E nessuno di noi può farci nulla.

Ma i capoccia non se ne accorgono di 'ste cose?
maumau13819 Maggio 2011, 21:08 #3
Originariamente inviato da: argent88
..E nessuno di noi può farci nulla.

Ma i capoccia non se ne accorgono di 'ste cose?


No, stanno tutti a pensare a come è bravo Larry Ellison e il suo coppa america.
mixmax9919 Maggio 2011, 21:56 #4
.
mixmax9919 Maggio 2011, 21:56 #5
ahahaha si certo, talmente suicida che i conti sono continuamente in crescita. Ah se solo Larry vi desse retta ogni tanto
Davis520 Maggio 2011, 09:29 #6
se una azienda vuole risparmiare, e pesantemente, passa a mysql,
di certo non a ibm db2...
shinya20 Maggio 2011, 09:42 #7
Certo che passare da Oracle a IBM è un po' come passare dalla padella alla brace... fanno entrambe prodotti di merda (a parte il database di Oracle, che è valido ma ovviamente costosissimo).
DonFrignolo20 Maggio 2011, 11:31 #8
Originariamente inviato da: Davis5
se una azienda vuole risparmiare, e pesantemente, passa a mysql,
di certo non a ibm db2...

Soluzioni db2 vs mysql non sono propriamente la stessa cosa......
Le aziende che usano queste soluzioni non hanno db di 4 tabelle in croce con 2 pc attaccati.....
Per una soluzione Oracle o IBM clusterizzata ci vogliono dai 100000 euri in su, non si parla solo di db ma di strutture e software che supportino il carico di lavoro di una multinazionale o grande azienda con migliaia di dipendenti e sedi sparsi per il mondo. Con MySql non ci fanno neanche il sito dell'intranet.........
shinya20 Maggio 2011, 14:34 #9
Originariamente inviato da: DonFrignolo
Per una soluzione Oracle o IBM clusterizzata ci vogliono dai 100000 euri in su, non si parla solo di db ma di strutture e software che supportino il carico di lavoro di una multinazionale o grande azienda con migliaia di dipendenti e sedi sparsi per il mondo. Con MySql non ci fanno neanche il sito dell'intranet.........


Questa favola della scalabilità automatica con IBM/Oracle/salcazzo non muore mai.
Ottimizzare è sempre un problema: non basta installare websphere/oracle/ecc per avere un sistema scalabile.
E poi voglio dire... un sito come reddit fa milioni di visite al giorno e gira su postgresql ed è scritto in python.
DonFrignolo24 Maggio 2011, 14:13 #10
Originariamente inviato da: shinya
Questa favola della scalabilità automatica con IBM/Oracle/salcazzo non muore mai.
Ottimizzare è sempre un problema: non basta installare websphere/oracle/ecc per avere un sistema scalabile.
E poi voglio dire... un sito come reddit fa milioni di visite al giorno e gira su postgresql ed è scritto in python.


Sono d'accordo. Ma infatti nell'articolo c'è scritto che offrono consulenze gratis per lo studio di fattibilità della migrazione, in termini di costi e risorse necessarie per farla. Nessuno pensa di spengere uno e accendere l'altro e sperare che funzioni tutto.
E comunque ripeto che non si parla di scalare un sito internet o un sistema di servizzi web....... Non a caso sono state citate nell'articolo delle societa finanziarie.
Queste società c'hanno dei data center che ricoprono centinaia di metri quadri, centinaia di database interconnessi e distribuiti. Migliaia di processi schedulati a tutte le ore del giorno e della notte(rendiconti,chiusure,calcoli, forecast finanziari di tutte le specie e colori ecc.) il tutto sincronizzato e mirrorato. Una volta sono stato in uno dei data center del'MPS e mi sono cagato addosso...... per comprendere la complessità dei sistemi che usano quando fanno una nuova precedura,anche piccolissima, hanno dei team sparsi per il mondo (india in primis) che 24/24h fanno test di affidabilità e carico che alla fine devono rilasciare un attestato di conformità della procedura stessa e solo dopo passa in produzione. Se gli si trita un processo o qualcosa per 2 minuti, perdono milioni.....
E' anche un discorso di sicurezza e di scarico dei rischi, se hanno Oracle o IBM che gli certifica tutto se succede qualcosa si rifanno su loro.
Non sono minimamente paragonabili alle problematiche di un portale di contenuti anche se grande come reddit.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^