IBM eServer p650 : Power4+ in azione

IBM eServer p650 : Power4+ in azione

IBM presenta un nuovo modello della famiglia di server UNIX eServer pSeries con processore Power4+, costruito con processo produttivo a 0.13 micron.

di Moreno Carullo pubblicata il , alle 12:24 nel canale Server e Workstation
IBM
 

IBM ha introdotto un nuovo modello nella serie dei server UNIX : l'eServer pSeries 650. La caratteristica peculiare di questo "piccolo mostro" a 8 vie è quella di utilizzare per la prima volta la cpu IBM Power4+, costruita con processo produttivo a 0.13 micron e caratterizzata da tagli di clock da 1.2 e 1.45 Ghz. Secondo IBM, questa cpu consuma il 33% in meno per cpu rispetto all'ultimo step disponibile della cpu Sun UltraSPARC III, diretta concorrente (riguardo questa cpu Sun, ricordiamo che sarà disponibile per la fine dell'anno la versione con taglio di clock da 1.2 Ghz).

L'eServer p650 offre una notevole flessibilità, e consente di utilizzare il sistema operativo AIX 5L (la versione 5.2 è la più recente) oppure Linux, su due partizioni distinte. L'utilizzo di Linux su questo particolare tipo di processore è possibile grazie al porting PPC64, operativo sin dall'inizio del 2001.

Sempre secondo IBM, l'eServer pSeries 650 (in versione 2 cpu però) è comparabile, in quanto a dotazione e target d'utilizzo, alla Sun Fire 3800 : il costo del prodotto IBM è pari a 34.095$, mentre la Sun Fire 3800 viene venduta a 98.445$.

Fonte: x-bit labs

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
piffe12 Novembre 2002, 17:45 #1

Una POTENZA!!!

Consiglio a tutti di andare a leggere le pagine di IBM al riguardo... Vi assicuro che rimarrete a bocca aperta davanti a cotanta potenza, scalabilità, intelligenza...
L'unica cosa che hanno omesso è se faccia girare bene UT2K3.
LuPellox8512 Novembre 2002, 18:36 #2
non credo sia quello il target

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^