Intel e AMD, una pace da 1,25 miliardi di Dollari

Intel e AMD, una pace da 1,25 miliardi di Dollari

Dispute legali fra AMD e Intel? Non più. Intel si accorda con AMD e paga 1,25 miliardi di Dollari per il ritiro delle cause

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 17:39 nel canale Server e Workstation
IntelAMD
 

Non abbiamo notizia di una stretta di mano più costosa di quella fra Intel e AMD. Una notizia quasi da primo di aprile, se non fosse che siamo a novembre e l'andamento delle borse in queste ore frenetiche non confermassero che siamo di fronte ad una notizia tremendamente vera. Intel si è accordata per pagare 1,25 Miliardi di Dollari USA ad AMD, in cambio del ritiro delle cause legali che il concorrente di sempre ha intentato contro Intel stessa nello stato del Delaware e in Giappone, non ancora giunte ad una sentenza.

Ricordiamo che la multa UE ai danni di Intel, da oltre 1 miliardo di Euro, si è trattata di una sanzione che in nessun modo aveva a che fare con un risarcimento nei confronti di AMD. Si trattava di una multa in senso stretto, che ha messo sicuramente basi molto solide ad AMD per vincere una causa differente. Con un precedente di colpevolezza importante come quello puntualizzato dalla UE, AMD aveva la strada spianata per un esito positivo nella causa in corso nello stato del Delaware, USA, avente come scopo quello di ottenere da Intel un risarcimento danni davvero importante.

Evidentemente al lavoro già da qualche tempo, le diplomazie Intel e AMD sono arrivate ad un accordo sotto forma di comunicato ufficiale che ha del sorprendente. Citiamo per poi tradurre: "While the relationship between the two companies has been difficult in the past, this agreement ends the legal disputes and enables the companies to focus all of our efforts on product innovation and development".

"Sebbene i rapporti fra le due aziende non sono stati dei più facili in passato, questo accordo pone fine alle dispute legali e permetterà alle aziende di concentrarsi sull'innovazione e lo sviluppo". Quale accordo? In primis un nuovo accordo di cross-licensing della durata di cinque anni per le tecnologie utilizzate nella realizzazione di processori x86. A margine, si fa per dire, Intel firmerà una "constatazione amichevole" da 1,25 Miliardi di Dollari da versare ad AMD, in cambio del ritiro di ogni disputa legale in corso.

Queste sono i comportamenti, definiti nell'accordo, che vengono proibiti ad Intel:

Offering inducements to customers in exchange for their agreement to buy all of their microprocessor needs from Intel, whether on a geographic, market segment, or any other basis (Section 2.1.1.a of the agreement which will be made publicly available via filings with the SEC later today)

Offering inducements to customers in exchange for their agreement to limit or delay their purchase of microprocessors from AMD, whether on a geographic, market segment, or any other basis (Section 2.1.1.b)

Offering inducements to customers in exchange for their agreement to limit their engagement with AMD or their promotion or distribution of products containing AMD microprocessors, whether on a geographic, channel, market segment, or any other basis (Section 2.1.2a-b)

Offering inducements to customers in exchange for their agreement to abstain from or delay their participation in AMD product launches, announcements, advertising, or other promotional activities (Section 2.1.2.b)

Offering inducements to customers or others to delay or forebear in the development or release of computer systems or platforms containing AMD microprocessors, whether on a geographic, market segment, or any other basis (Section 2.2.2 and 2.1.2)

Offering inducements to retailers or distributors to limit or delay their purchase or distribution of computer systems or platforms containing AMD microprocessors, whether on a geographic, market segment, or any other basis (Section 2.2.1)

Withholding any benefit or threatening retaliation against anyone for their refusal to enter into a prohibited arrangement such as the ones listed above.

Il primo riflesso diretto, a caldo, è legato a GlobalFoundries: l'accordo rinnovato infatti lascia carta bianca alla nuova azienda, nata dalla operazione di spin off dell'attività produttiva di AMD, alla produzione di processori x86 per conto dell'azienda americana, senza che Intel possa vantare la violazione di alcune delle proprie proprietà intellettuali legate alle architetture x86.

Non serve un analista per intuire che, se queste cause fossero giunte ad una conclusione sotto forma si sentenza, Intel avrebbe probabilmente speso molto di più, scegliendo quindi in tempo il minore dei mali pur con i tempi lunghi della giustizia, anche americana. Una cosa è certa: la notizia, riportata direttamente da AMD, sta causando movimenti in borsa e cambiamenti nelle prospettive future nel settore dei processori. Oltre, ovviamente, a qualche bottiglia di champagne stappata dalle parti di Sunnyvale e Austin, dove l'aplomb tipico degli ambienti lavorativi USA lascerà il posto ad una serata di follie, per una volta tollerate.

87 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Giullo12 Novembre 2009, 17:46 #1
direi che la borsa sta reagendo più che bene, +20%
@less@ndro12 Novembre 2009, 17:48 #2
quelli di amd saranno gia ubriachi di brutto.
Malek8612 Novembre 2009, 17:48 #3
Il cosiddetto "out of court settlement". Nulla di straordinario. E' il mezzo preferito di molte compagnie, visto che permette una risoluzione veloce senza affidarsi a udienze pluriennali e avvocati.

Ci guadagnao entrambi: AMD ottiene forse un po' meno soldi di quanti ne avrebbe presi se avesse fatto causa (e avesse vinto), ma intasca liquidità immediatamente, invece di attendere degli anni per i processi, il che gli farà comodo vista la situazione attuale. Intel invece se la cava tutto sommato con poco, e adesso non ha più dispute legali con AMD. Inoltre, una notizia del genere farà bene all'immagine per entrambe le compagnie.

Mi preoccuperei più del fatto che possano mettersi a fare cartello... ma tanto, se lo volevano fare, lo facevano comunque.
gianni187912 Novembre 2009, 17:48 #4
appleroof12 Novembre 2009, 17:50 #5
Ottimo, ovviamente mi riferisco ai riflessi indiretti su concorrenza/mercato e in ultima analisi quindi a noi consumatori

p.s.: chiamatemi guastafeste, ma seriamo che questa nuova pace nei prossimi mesi non sfoci in situazioni opposte tipo cartelli e cartellini vari come quelli che ci furono un tempo tra Ati ed Nvidia...
al13512 Novembre 2009, 17:51 #6
sono tanti soldi. anche per amd e gli faranno sicuramente comodo! bravi
Malek8612 Novembre 2009, 17:51 #7
Originariamente inviato da: appleroof
p.s.: chiamatemi guastafeste, ma seriamo che questa nuova pace nei prossimi mesi non sfoci in situazioni opposte tipo cartelli e cartellini vari come quelli che ci furono un tempo tra Ati ed Nvidia...


Probabile...
Spyto12 Novembre 2009, 17:52 #8
Dalla Borsa
AMD: +1.15‎ (21.62%&#8206 12 nov 11.50 ET

All'AMD saranno sicuramente tutti Ubriachi
Kayne12 Novembre 2009, 17:58 #9
certo che voi di HU potevate pubblicarla ieri questa notizia, che almeno mi compravo un pò di azioni AMD
Capozz12 Novembre 2009, 17:59 #10
Bene per entrambi.
Intel si para il sedere contro una causa che avrebbe sicuramente perso, Amd intasca un bel pò di dollaroni e finalmente respira.
La causa dell'antitrust americano per abuso di posizione dominante e per le tangenti versate a dell rimane, ed è quella la più pericolosa.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^