Intel Itanium: 8 core per Poulson, la prossima evoluzione

Intel Itanium: 8 core per Poulson, la prossima evoluzione

Intel anticipa alcune delle principali caratteristiche tecniche della prossima generaizone di processori Itanium, noti con il nome di Poulson, destinati a sistemi mission critical

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 17:05 nel canale Server e Workstation
Intel
 

Intel ha fornito nuove informazioni sulla prossima generazione di processori della famiglia Itanium, nota con il nome in codice di Poulson. Le soluzioni Itanium, attualmente disponibili in commercio nella famiglia 9300 che rappresenta la nona generazione di processore, sono proposte da Intel per applicazioni mission critical in ambiente UNIX oltre che per soluzioni mainframe, lasciando le CPU Xeon 7500 nelle differenti declinazioni per utilizzi mission critical in ambienti Windows, Linux e Solaris.

Quali saranno gli elementi tecnici principali delle soluzioni Itanium della serie Poulson? Intel implementerà 8 core in queste CPU, in abbinamento a un quantitativo di cache che raggiungerà ben 54 Mbytes in alcune delle versioni; ruolo estremamente importante in questo verrà ovviamente svolto dalla tecnologia produttiva, che sarà quella a 32 nanometri.

Troveremo ovviamente ottimizzazioni in termini di bandwidth, sia interna ai core come tra core e memory controller, così da meglio sfruttare l'incremento nel numero di core. Da un punto di vista meccanico le soluzioni Poulson saranno compatibili con le piattaforme Itanium 9300 attualmente presenti in commercio, semplificando quindi l'upgrade ai possessori di sistemi oltre che agli OEM.

Tra le principali innovazioni segnaliamo varie migliorie che mirano a incrementare la continuità nel funzionamento del sistema, uno dei più importanti elementi in un sistema mission critical. Che il sistema continui ad operare correttamente anche a seguito di malfunzionamenti e rotture di alcuni dei componenti è del resto la principale prerogativa di processori adoperati in contesti mission critical: il costo di un down del sistema sarebbe infatti troppo elevato.

Al momento attuale non è chiaro quando Intel presenterà in commercio le prime soluzioni Itanium della famiglia Poulson. E' ipotizzabile che maggiori informazioni in questa direzione possano emergere in concomitanza con l'Intel Developer Forum Spring 2011, evento che si svolgerà a Pechino il 12 e 13 Aprile.

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
PhoEniX-VooDoo21 Febbraio 2011, 17:21 #1
fiko, volendo ci sta Windows 95 in cache
Freaxxx21 Febbraio 2011, 17:25 #2
assurdo pensare che 24 o poche ore di down possano rappresentare la rovina totale per alcune attività, eppure nel mondo IT capita anche questo, se hai problemi per qualche minuto di troppo rischi tutto, beati i sistemisti
Markk11721 Febbraio 2011, 17:34 #3
io ce lo metterei win95 in cache XDDDDDDD
SaggioFedeMantova21 Febbraio 2011, 18:50 #4
in quanto tempo si avvierebbe?
shynobi21 Febbraio 2011, 19:51 #5
Ancora con sti core alla n? poi vai a vedere e i tempi di avvio/spegnimento e le prestazioni sono quelli.
Il problema non è l' hardware ma il software.
marchigiano21 Febbraio 2011, 20:17 #6
Originariamente inviato da: shynobi
Ancora con sti core alla n? poi vai a vedere e i tempi di avvio/spegnimento e le prestazioni sono quelli.
Il problema non è l' hardware ma il software.


non sono cpu per notebook


sono basate su westmere vero?
Dimension721 Febbraio 2011, 20:26 #7
Non ho capito questa parte

Le soluzioni Itanium, attualmente disponibili in commercio nella famiglia 9300 che rappresenta la nona generazione di processore, sono proposte da Intel per applicazioni mission critical in ambiente UNIX oltre che per soluzioni mainframe, lasciando le CPU Xeon 7500 nelle differenti declinazioni per utilizzi mission critical in ambienti Windows, Linux e Solaris.


Ma linux non è sempre un sistema Unix? Per quali ambienti unix saranno usati questi processori?
Freaxxx21 Febbraio 2011, 21:40 #8
Originariamente inviato da: Dimension7
Non ho capito questa parte



Ma linux non è sempre un sistema Unix? Per quali ambienti unix saranno usati questi processori?


ad essere precisi linux è un sistema ( o per dire ancora meglio, kernel ) unix-like, non è unix, per fregiarsi della classe unix bisogna pagare e linux non lo fa, quindi può aspirare ad essere unix ma unix non lo sarà mai se non paga.

immagino poi che come sistemi Unix si intendano le varie BSD, Solaris, e i mille sistemi operativi creati ad hoc dalle varie compagnie come IBM, moltissimi sono unix.
Freaxxx21 Febbraio 2011, 21:41 #9
Originariamente inviato da: shynobi
Ancora con sti core alla n? poi vai a vedere e i tempi di avvio/spegnimento e le prestazioni sono quelli.
Il problema non è l' hardware ma il software.


Intel i compilatori ottimizzati li vende pure, il problema è che li vende e che hanno una licenza.
marakid22 Febbraio 2011, 12:38 #10
I tempi di avvio e di spegnimento non contano nulla per un server... l'importante è che sia sempre su, se devi riavviarlo vuol dire che hai un grosso problema (e ci dovrebbe sempre essere un'altra macchina che prende il suo posto)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^