Iomega, maggiore attenzione al mondo B2B

Iomega, maggiore attenzione al mondo B2B

L'azienda, forte dell'integrazione con EMC, propone una nuova strategia con particolare attenzione al segmento B2B offrendo all'utenza SMB e SoHo le stesse tecnologie di stampo enterprise

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:00 nel canale Server e Workstation
 

Iomega, la nota realtà impegnata nel mondo dello storage e acquisita nel corso del 2008 da EMC, ha presentato la nuova strategia per il 2012 che vede come elemento cardine la rifocalizzazione sul settore business-to-business, con particolare attenzione ad una proposta commerciale che pone al centro non solo il prodotto ma la soluzione nel suo complesso, ovvero l'ampio panorama di software e servizi che tramite il prodotto vengono veicolati.

La maggiore attenzione in direzione del mondo B2B deriva proprio dall'integrazone con EMC e dalle competenze che da essa sono state trasferite sulle soluzioni Iomega, permettendo così offrire soluzioni connotate dall'impiego di tecnologia di stampo corporate ed enterprise ma filtrata e declinata sulle specifiche esigenze delle realtà SOHO (Small Office, Home Office), SMB (small-medium business) e dell'utenza prosumer. La proposta commerciale di Iomega è quindi rivolta a tutte quelle realtà fino a 250 utenti, confine oltre il quale entra in gioco il catalogo di EMC.

La presenza di Iomega sul mercato italiano può attualmente contare su sei distributori (Computer Gross, Datamatic, Esprinet, Ingram Micro, Magirus e Tech Data), ma la strategia della compagnia prevede un'espansione nella distribuzione a valore aggiunto (VAD - Value Added Distribution) con una particolare attenzione a quelle realtà che sono in grado di veicolare soluzioni e servizi di videosorveglianza, un nuovo mercato sul quale l'azienda statunitense vuole iniziare a presidiare. A tal proposito Iomega ha predisposto una nuova iniziativa del programma ioclub (www.ioclub.net) destinato ai partner, che va sotto il nome di "ioclub Premier Partner Program Security & Surveillance Certification".

Su queste premesse Iomega ha presentato la famiglia Iomega StorCenter PX Server Class che si compone di soluzioni desktop e NAS rackmount per lo storage di rete. La nuova gamma StorCenter PX Server Class include le soluzioni desktop StorCenter px4-300d e px6-300d rispettivamente con quattro e sei alloggiamenti che vanno da modelli senza hard disk fino ad arrivare a modelli con storage di rete pari a 18TB e le soluzioni StorCenter px4-300r e StorCenter px12-350r con rispettivamente quattro e dodici alloggiamenti che vanno da modelli senza hard disk a modelli con storage di rete pari a 36TB.

All'interno delle soluzioni è possibile trovare, sul fronte hardware drive SATA di classe server da 1TB, 2TB e 3TB e, sul fronte software, la nuova versione di EMC Lifeline che mette a disposizione mediante interfaccia web strumenti di gestione software derivati da tecnologie enterprise e adattati per le esigenze delle SMB e dell'utenza prosumer/SOHO. Le soluzioni della famiglia StorCenter PX Server Class sono corredate di certificazione per VMware vSphere 5.0, Citrix XenServer e Windows Server 2003/2008/2008R2.

Le soluzioni presentate da Iomega sono inoltre molto attente al tema caldo del momento, il cloud computing, in particolare grazie alla tecnologia Personal Cloud di Iomega, che consente collegare in rete un dispositivo di storage Iomega ad altri utenti e/o unità via Internet. In questo modo l'intera infrastruttura è completamente di proprietà dell’utente che detiene il pieno controllo dei contenuti e degli accessi. A tal proposito osserva Giacomo Mosca, B2B Manager Iomega per l'Italia: "Si tratta di una caratteristica importante per il mercato italiano, dove le PMI sono restie, per vari motivi, ad affidarsi a servizi di public cloud. In questo modo le PMI hanno la possibilità di disporre dei benefici del cloud computing, della condivisione e dell'accesso dei dati, mantenendo all'interno del perimetro aziendale l'hardware ed i dati che su di esso risiedono". Sempre nel contesto cloud si segnala inoltre la disponibilità dell'applicazione Iomega Link per iOS, che consente di accedere ai contenuti nel Personal Cloud tramite il cellulare o il tablet. Presto l'applicazione sarà resa disponibile anche per Android.

Per quanto concerne invece l'ambito della videosorveglianza al quale, come detto, Iomega sta prestando particolare attenzione, tutte le soluzioni della famiglia StorCenter sono in grado di offrire sia le semplici funzionalità di storage di rete per l'archiviazione dei file audiovideo, sia sistemi integrati per la gestione video (con la collaborazione di Axis Communications e dei prodotti AXIS Video Hosting Systems) grazie anche agli strumenti messi a disposizione dal software EMC Lifeline.

I modelli desktop Iomega StorCenter px4-300d Network Storage Server Class e StorCenter px6-300d Network Storage Server Class sono offerti a partire da 699 Euro e 799 Euro per i modelli senza hard disk, mentre la soluzioni rackmount StorCenter px4-300r Network Storage Array Server Class viene proposta a 1599 Euro per il modello senza hard disk. Infine la soluzione StorCenter px12-350r Network Storage Array Server Class è offerta a partire da 3999 Euro per la versione a 4TB. La gamma StorCenter PX Server Class include una garanzia standard limitata di tre anni con supporto telefonico fino a 13 ore al giorno per cinque giorni alla settimana. È inoltre disponibile opzionalmente lo Iomega Enhanced Service Plan che include una garanzia limitata di cinque anni e supporto telefonico 24 ore su 24 per sette giorni su sette con sostituzione avanzata.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Baboo8523 Febbraio 2012, 12:47 #1
Ahahahahah sono troppo fuori oggi, quando ho letto il titolo ho tradotto B2B in "Beer To Beer"

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^