Itanium 2 serie 9100 al debutto nel Q4

Itanium 2 serie 9100 al debutto nel Q4

Montvale è il nome in codice della nuova incarnazione del progetto Itanium 2: tecnologia a 90 nanometri e architettura dual core

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 12:48 nel canale Server e Workstation
 

I processori Intel della famiglia Itanium vedranno nei prossimi mesi il debutto di una nuova serie di versioni, che andranno a sostituire quelle in commercio attualmente e basate su Core noto con il nome in codice di Montecito. Parliamo dei processori della serie Itanium 2 9100, noti anche con il nome di Montvale.

Sono queste cpu con architettura dual core, basate su frequenza di bus che raggiunge un massimo di 667 MHz in alcuni modelli con cache L3 che può al massimo essere pari a 24 Mbytes. La tecnologia produttiva adottata resta quella a 90 nanometri utilizzata da Intel per i processori Montecito.

La tabella seguente sintetizza le caratteristiche tecniche di questi nuovi processori Intel, così come anticipate dal sito Dailytech:

Processore Frequenza di clock Bus Cache L3 Prezzo al debutto
9150M 1,66 GHz 667 MHz 24 Mbytes 3.692 USD
9150N 1,6 GHz 533/400 MHz 24 Mbytes 3.692 USD
9140M 1,66 GHz 667 MHz 18 Mbytes 1.980 USD
9140N 1,6 GHz 533/400 MHz 18 Mbytes 1.980 USD
9130M 1,66 GHz 667 MHz 8 Mbytes 1.552 USD
9120N 1,42 GHz 533/400 MHz 12 Mbytes 910 USD
9110N 1,6 GHz 533/400 MHz 12 Mbytes 696 USD

Tutti i processori hanno architettura dual core e TDP pari a 104 Watt, con l'eccezione rappresentata dal modello 9110N che ha architettura single core e TDP pari a 75 Watt. Le caratteristiche architetturali differiscono tra i vari modelli, con versioni identiche per clock e cache ma basate su differenti frequenze di bus.

Tra le caratteristiche tecniche implementate in queste nuove cpu della famiglia Itanium segnaliamo la tecnologia Demand Based Switching, grazie alla quale le cpu entrano in una fase di bassissimo consumo nel momento in cui si trovano in idle. Tale caratteristica è presente tutta via solo nei modelli 9140 e 9150 .

Intel continuerà ad abbinare questi processori al chipset E8870, dotato di controller memoria DDR-200 e di supporto alla frequenza di bus di 400 MHz; per poter beneficiare di frequenze di bus più elevate sarà quindi necessario utilizzare chipset sviluppati da altri produttori terzi, grazie ai quali beneficiare sia di memorie più veloci che della frequenza di bus di 667 MHz, per la prima volta abbinata a processori Itanium.

Nel corso del 2008 Intel presenterà la prima architettura Itanium 2 di tipo quad core: parliamo di Tukwila, cpu costruita con tecnologia a 65 nanometri e dotata di supporto a più threads per ciascun core. Alla base troviamo la stessa architettura già vista in Montecito e Montvale, con tuttavia l'integrazione del memory controller e il supporto alla tecnologia double device data correction, che gestisce in modo dinamico eventuali malfunzionamenti dei moduli memoria disabilitandone specifiche parti così da garantire il funzionamento del sistema.

Dopo il 2008 Intel presenterà la cpu nota con il nome in codice di Poulson: la tecnologia produttiva passerà a 32 nanometri integrando più di 4 core, mentre l'architettura di base della cpu sarà completamente nuova rappresentando quindi un nuovo importante step per la famiglia di prodotti Itanium. Sarà ovviamente garantita la piena compatibilità con le applicazioni sviluppate per le precedenti soluzioni Itanium in commercio.

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
NaKa23 Luglio 2007, 13:20 #1
Scusate ma non sono molto informato sulla famiglia Itanium, si rivolgono all'ambito server giusto? Ma per questi non c'è lo Xeon? Il bus che hanno è di tipo quad pumped come NetBurst/Conroe e derivati, e quindi sarebbe 667*4 oppure 166*4=667 o non c'entra niente?
Automator23 Luglio 2007, 13:31 #2
gli xeon sono per server di fascia bassa, questi sono high-end e non sono X86
djbill23 Luglio 2007, 13:32 #3
Ecco un po' di informazioni sulla famiglia itanium...

http://it.wikipedia.org/wiki/Itanium
demon7723 Luglio 2007, 13:34 #4

@ naka

No, gli iItanium non sono progettati per piattaforma x86!

Sono utilizzati in ambito server di livello molto alto e vanno a competere con i processori deidicati a quell'ambito come ad esempio gli Ultraspark della SUN!
NaKa23 Luglio 2007, 14:40 #5
Ah ok, quindi niente a che fare con Xeon ed Opteron. Grazie per le informazioni.
Rubberick23 Luglio 2007, 14:58 #6
win2k3 e' compatibile con itanium?
demon7723 Luglio 2007, 16:41 #7

@ rubberik

No, non credo proprio.. win 2k3 è sempre per architetture x86
fosk23 Luglio 2007, 17:25 #8

si

si la ee e la datacenter di win2003 esitono anche per Itanium
El Bombastico23 Luglio 2007, 17:30 #9
Toglietemi un dubbio : sti proci sono ottimi per processare grandi grandi volumi di dati,per compiere operazioni complicate(floating point o 3D spinto) o per fare tutti e due? non l'ho mai capito!
serassone23 Luglio 2007, 18:19 #10
Vorrei segnalare una news che ho letto su Dailytech e che nessuno ha ancora riportato: Intel ieri ha abbassato i prezzi delle CPU, portando i modelli con fsb 1066 ai livelli di prezzo di quelli con fsb 1333, e introducendo l'E4500 (2,2 Ghz/fsb 800/2MB L2); tanto per citare un prezzo, il Q6600 ora viene venduto a 266$ per lotti di 1000 pezzi.
http://www.dailytech.com/Intel+Pric...article8073.htm

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^