Itanium e Xeon sullo stesso socket? Non così a breve

Itanium e Xeon sullo stesso socket? Non così a breve

Intel rivede i propri piani di integrazione di piattaforma tra Itanium e Xeon: le soluzioni Itanium Kittson non adotteranno un socket comune con le soluzioni Xeon

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 08:56 nel canale Server e Workstation
Intel
 

Il futuro delle piattaforme Intel Itanium, CPU utilizzate in sistemi server di classe enterprise in alternativa a tradizionali architetture x86 o ad altre concorrenti, avrebbe dovuto prevedere una unificazione a livello socket e piattaforma con le soluzioni Xeon. Una mossa di questo tipo, secondo la strategia Intel, avrebbe permesso di estendere la diffusione di soluzioni Itanium rendendone l'adozione economicamente più accessibile, grazie proprio ad un costo più contenuto della piattaforma.

I piani erano di avviare questa unificazione con le future soluzioni Itanium note con il nome in codice di Kittson, ma così non sarà. Intel ha infatti comunicato, con questo annuncio risalente allo scorso 31 Gennaio e ripreso dal sito The Register, che queste CPU adotteranno la stessa piattaforma utilizzata dai processori Itanium 9300 e 9500.

Intel Itanium Processors Update

January 31, 2013

Intel has updated the definition of the next generation Itanium processor, code name "Kittson". Kittson will be manufactured on Intel's 32-nm process technology and will be socket compatible with the existing Intel Itanium 9300/9500 platforms, providing customers with performance improvements, investment protection, and a seamless upgrade path for existing systems. The modular development model, which converges on a common Intel Xeon/Intel Itanium socket and motherboard, will be evaluated for future implementation opportunities.

Stando a quanto indicato da Intel questa scelta è stata presa sulla base delle necessità dei propri clienti di sistemi Itanium e su quelle specifiche del mercato Unix. Viene da pensare che una piattaforma unificata tra Itanium e Xeon, a disposizione con il debutto di Kittson previsto tra 2 anni, avrebbe sicuramente meglio soddisfatto le esigenze di flessibilità dei clienti Intel mettendoli nella condizione di poter configurare sistemi con un ben più elevato livello di flessibilità.

Segnaliamo come Intel abbia indicato per le soluzioni Kittson l'utilizzo di tecnologia produttiva a 32 nanometri, la stessa adottata per le proposte Itanium 9500 della famiglia Poulson. Le CPU Kittson, attese al debutto tra circa 2 anni, avrebbero dovuto utilizzare tecnologia produttiva a 22 nanometri così da meglio allinearsi alle soluzioni Xeon disponibili in quel periodo in quel momento.Questa informazione lascia intendere che Kittson, i cui dettagli tecnici sull'architettura sono pressoché assenti, possa concretizzarsi in un update delle soluzioni Poulson e che la mancata unificazione a livello socket presupponga la mancanza di novità radicali.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7711 Febbraio 2013, 09:01 #1
Ah..
ero rimasto che gli Itanium smettevano di produrli..

Ma piuttosto.. come è possibile avere lo stesso socket??
Lo xeon è un X86.. Itanium no. Dovrebbero essere cose totalmente diverse..
BulletHe@d11 Febbraio 2013, 12:56 #2
il socket non indica un architettura, è una questione strutturale di produzione probabilmente credo che allo stato attuale Itanium non permetta la riduzione (se non sbaglio attualmente ha più pin dei socket lga desktop) dei contatti vista il maggior numero di componenti interni da alimentare, cmq può anche darsi che sia dovuto come dice l'articolo al fatto che probabilmente la nuova serie Itanium sarà solo un update della attuale e quindi non cmabniava "fisicamente" come invece potrebbe essere un ritardo voluto per vedere fra 2 anni se Itanium avrà ancora mercato o se invece sarà ora di chiuderlo personalmente opto per la prima ipotesi
Lithios11 Febbraio 2013, 13:13 #3
Io son 10 ann iche no nriesco a capire quando usare un itanium e quando uno xeon :S
coschizza11 Febbraio 2013, 13:15 #4
Originariamente inviato da: demon77
Ah..
ero rimasto che gli Itanium smettevano di produrli..

Ma piuttosto.. come è possibile avere lo stesso socket??
Lo xeon è un X86.. Itanium no. Dovrebbero essere cose totalmente diverse..

lo sviluppo non si è mai arrestato anzi hanno fatt oda poico una nuva versione tsnn opraeparando quella successiva.

Un socket è un bus quello che ci pasa sopra è irrilevante se è x86 arm itanium sono sempre segnali, unificando il socket e il chipset delle soluzioni entherprise si dara piu margine di upgraed ai sistemi server e un costo della piattaforma inferiore visto che da soluzione di nicchia diventerebbe una soluzione con target piu ampio.
coschizza11 Febbraio 2013, 13:18 #5
Originariamente inviato da: Lithios
Io son 10 ann iche no nriesco a capire quando usare un itanium e quando uno xeon :S


vuo dire che non ne hai bisogno altrimenti non pensavi se usarlo o meno ma lo compravi e basta, parliamo del segmento Mission Critical che è molto ristretto come volumi ma è richiesto una affidabilità del 100% che non è ancora coperti dalle soluzioni xeon se non in parte dalla famiglia degli xeon E7.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^