Niente x86-64 per Intel

Niente x86-64 per Intel

Il colosso americano non sembra intenzionato a percorrere la direzione lanciata da AMD con il prossimo processore Hammer

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 10:04 nel canale Server e Workstation
IntelAMD
 
Stando alle dichiarazioni di Paul Ottellini, Intel non è intenzionata a sviluppare e produrre un processore a 64bit capace, al pari della cpu AMD Hammer, di utilizzare codice a 32bit. Intel sostiene, infatti, che lo sviluppo vada fatto nella sola direzione dei 64bit per sistemi di fascia molto alta, mercato nel quale è presente con i processori Itanium e, tra breve, con quelli della famiglia Itanium 2.

Negli scorsi mesi si è molto vociferata di una tecnologia, chiamata Yamhill, che integrata nelle future cpu Intel avrebbe permesso di avere una retrocompatibilità con il software a 32bit a architetture pensate per i 64bit, al pari di quanto sviluppato da AMD con Hammer.

Fonte: The Inquirer
47 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Flashing20 Giugno 2002, 10:10 #1
Prevedo che intel con questa mossa cederà molto terreno
ad AMD!
Scezzy20 Giugno 2002, 10:20 #2
Le cose sono 2: o intel si mangera' la quota di mercato entry-level o costringera' (e non sarebbe la prima volta) tutto il sistema a migrare di brutto verso i 64bit scatenando le ire di tutti. Anche perche' io non sono un esperto ma non penso che sia una cazxxta far sparire i 32bit di colpo e allo stesso modo passare di botto a 64bit.
Second Reality20 Giugno 2002, 10:25 #3
Non conta solo in numero dei bit utilizzati.. si sta' parlando di una tecnologia completamente differente.
Personalmente ritengo che questo passaggio sia un bene per tutti oltre che necessario (x86 e' ora che vada in pensione).
Jashugan20 Giugno 2002, 10:34 #4
Beh, sinceramente parlando, nei sistemi desktop non si nutre certo il bisogno di passare a 64 bit. Qualcuno di voi ha 4 GB di Ram? Deve elaborare dati con numeri superiori a 3,4*10^38 o più piccoli di 7*10^-46? Se c'è tra voi (noi) qualcuno che ha bisogno di questa potenza di calcolo, accidenti, si faccia avanti.

Sennò i 32 bit ci bastano e avanzano. I 64 bit, se vengono, tranquillamente li accetto. Ma non li vado certo a cercare.
ilsensine20 Giugno 2002, 10:36 #5
Mi dispiace ma questa volta sono d'accordo con Intel. La tecnologia x86 è troppo "incancrenita", i pentium 3/4 e gli Athlon hanno delle architetture contorte perchè è richiesto che facciano girare ancora Arkanoid per DOS o le appplicazioni a 16 bit per Windows 3.1, oltre a possedere un set di istruzioni assembler ormai obsolete per "compatibilità" con programmi da museo. L'architettura ia64 è un punto di svolta necessario, mi dispiace che l'amd non abbia seguito questa strada.
Dreadnought20 Giugno 2002, 10:42 #6
X second reality, vero, ma se per mandare in pensione l'x86 devo spendere 20000euro di workstation intel con IA-64, preferisco tenermi l'x86-64
SonicGuru20 Giugno 2002, 10:42 #7
Originariamente inviato da Jashugan
[B]Beh, sinceramente parlando, nei sistemi desktop non si nutre certo il bisogno di passare a 64 bit. Qualcuno di voi ha 4 GB di Ram? Deve elaborare dati con numeri superiori a 3,4*10^38 o più piccoli di 7*10^-46? Se c'è tra voi (noi) qualcuno che ha bisogno di questa potenza di calcolo, accidenti, si faccia avanti.


Che significa sto discorso, scusa? Allora se la metti così a nessuno serve nemmeno un Intel a 2.5Ghz o un qualsiasi AMD, non serve Windows XP, potevamo tranquillamente (per quello che la maggior parte di noi ci fa col PC) restare col nostro bel 486 e Win 3.1... ma daaaaaaaaiiiii...

E poi mi spiace ma, non è che AMD non voglia passare ai 64bit puri, solo che ha pensato di fare un passaggio graduale e proprio nella fascia home, mentre Intel pensa di passare subito ai 64bit, ma solo nella fascia server. Però le persone che usano il PC a casa non hanno le esigenze di chi gestisce un server, nè la possibilità di aggiornarsi così di frequente, quindi AMD li aiuterà a traghettare un po alla volta verso i 64bit, senza traumi.
Secondo me questa è una scelta vincente, probabilmente Intel tra un annetto dovrà tornare di fretta sulle proprie scelte, oppure semplicemente Intel sta decidendo di fare quello che anni fa ha fatto Matrox nei confronti di nVidia e Ati: lasciare la fascia home user e spostarsi su quella high end.
Ciao
AlienGuardian20 Giugno 2002, 10:50 #8
<osserva Intel migrare verso l'orizzonte oltre le colonne d'ercole...solo che non ci Ulisse alla guida della nave>

>Fa ciao ciao con la mano alla nave che sprofonda nel nulla>

AMD RULEZZA
Billabong20 Giugno 2002, 11:00 #9
Scusate, ma stà scritto "Intel sostiene, infatti, che lo sviluppo vada fatto nella sola direzione dei 64bit per sistemi di fascia molto alta". Fascia molto alta mi sa nn vuol dire desktop high-end, ma macchine ben più complesse. Penso che ne passerà di tempo prima che l'Ia-64 arrivi su desktop, però se intento iniziano a collaudarla sui server...
ilsensine20 Giugno 2002, 11:06 #10
Originariamente inviato da Dreadnought
[B]X second reality, vero, ma se per mandare in pensione l'x86 devo spendere 20000euro di workstation intel con IA-64, preferisco tenermi l'x86-64

Bè ovviamente l'ia64 si diffonderà quando (e se) avrà dei prezzi "abbordabili" per il mercato desktop, è normale.

Originariamente inviato da SonicGuru
[B]non è che AMD non voglia passare ai 64bit puri, solo che ha pensato di fare un passaggio graduale e proprio nella fascia home

Come ha puntualizzato Second Reality, non è questione di bit (anche i prossimi processori amd saranno a 64 bit), ma di architettura. L'Hammer sarà basato in tutto e per tutto su architettura x86, con qualche registro in più, l'estensione dei registri a 64 bit e una modalità di indirizzamento aggiuntiva a 64 bit, oltre a mantenere le modalità (contorte) già presenti nelle architetture x86 (reale, vm86, protetta 16 bit, protetta 32 bit). Non è pensabile un passaggio graduale tra queste due architetture fondamentalmente diverse.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^