NVIDIA completa la gamma di schede Quadro con il modello K6000

NVIDIA completa la gamma di schede Quadro con il modello K6000

Nuova arrivata nel segmento delle schede video di fascia più alta per workstation grafiche, Quadro K6000 è basata su GPU GK110 e integra ben 12 Gbytes di memoria video

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 17:01 nel canale Server e Workstation
NVIDIAQuadro
 

NVIDIA ha annunciato Quadro K6000, la nuova proposta top di gamma tra le schede video del produttore americano destinate all'utilizzo in workstation grafiche professionali. Basata su GPU GK110 e appartenente alla famiglia Kepler, la scheda Quadro K6000 è la prima proposta di NVIDIA ad utilizzare la declinazione di GPU GK110 dotata al proprio interno di tutti i 15 SMX attivi: ne consegue un numero di CUDA cores pari a 2.880, con 240 texture units e 48 ROPs.

nvidia_quadro_k6000.jpg (40861 bytes)

Il sottosistema memoria prevede un quantitativo di ben 12 Gbytes, con chip GDDR5 da 6 GHz di clock effettivo abbinati a bus da 384bit di ampiezza. NVIDIA non fornisce indicazioni sulla frequenza di clock di questa scheda video ma alla luce della potenza di calcolo massima teorica fornita, pari a 5,2 TFLOPS/s, se ne ricava una frequenza di clock che è attorno ai 900 MHz. In considerazione della presenza di ben 2880 CUDA cores se ne ricava che questa declinazione di GPU GK110 adottata da NVIDIA per Quadro K6000 è quella più potente sino ad ora utilizzata tra tutte le soluzioni NVIDIA della famiglia Kepler, comprendendo le soluzioni Quadro, Tesla e GeForce.

Segnaliamo come NVIDIA riporti per questa scheda un TDP contenuto in soli 225 Watt, valore allineato a quello della scheda GeForce GTX Titan che è basata sulla stessa GPU ma dotata di un quantitativo di memoria di 6 Gbytes. Questo si accompagna alla presenza di due connettori di alimentazione PCI Express a 6 pin ciascuno, scelta che del resto coincide con il TDP massimo dichiarato in 225 Watt (75 Watt per ognuno dei due connettori ai quali si sommano i 75 Watt forniti dallo slot PCI Express 16x).

La scheda è stata annunciata quest'oggi ma verrà commercializzata solo nel corso dell'autunno, attraverso i produttori di workstation tra i quali NVIDIA segnala Boxx, Dell, HP, Lenovo e Supermicro. La scheda verrà inoltra proposta anche individualmente dai partner impegnati nella commercializzazione di soluzioni Quadro nelle varie regioni mondiali: Elsa, PNY e Leadtek. Il prezzo ufficiale non è stato al momento comunicato ma in considerazione del posizionamento di mercato e delle caratteristiche tecniche è facile prevedere una cifra non inferiore a 5.000 dollari USA.

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
illidan200023 Luglio 2013, 17:32 #1
si potrebbe prefigurare per fine anno anche una Titan Ultra, con tutti gli SMX sbloccati a sto punto
calabar23 Luglio 2013, 19:24 #2
Dovrebbero avere rese produttive sufficienti, e con un chip di quelle dimensioni non è affatto facile.
tuttodigitale23 Luglio 2013, 19:29 #3
Originariamente inviato da: illidan2000
si potrebbe prefigurare per fine anno anche una Titan Ultra, con tutti gli SMX sbloccati a sto punto

Credo proprio di si.
bastava disabilitare le unità FP64 da Tahiti per abbattere i consumi e permettere un aumento di clock tale da competere con disinvoltura con la GTX780.
Ma ho la sensazione che AMD voglia preparare il gk110-killer. La HD9970, imho batterà la TITAN, seppur di pochi punti percentuali
La GK110, deve essere necessariamente essere completo per essere competitivo.
shodan23 Luglio 2013, 19:37 #4
Originariamente inviato da: tuttodigitale
Credo proprio di si.
bastava disabilitare le unità FP64 da Tahiti per abbattere i consumi e permettere un aumento di clock tale da competere con disinvoltura con la GTX780.
Ma ho la sensazione che AMD voglia preparare il gk110-killer. La HD9970, imho batterà la TITAN, seppur di pochi punti percentuali
La GK110, deve essere necessariamente essere completo per essere competitivo.


Ciao,
Tahiti (o GCN) non ha unità FP64 dedicate, ma riusa le stesse unità FP32 (perdendo, se non ricordo male, la capacità di fare MAD in un unico ciclo e quindi portando le prestazioni a 1/4 di quanto disponibile in FP32). Non c'è quindi nulla da disabilitare.

Al contrario, GK110 ha delle unità FP64 dedicate e disabilitandole è possibile salire di clock, in quanto il chip ha letteralmente meno hardware da alimentare.

Ciao.
tuttodigitale23 Luglio 2013, 19:38 #5
Originariamente inviato da: calabar
Dovrebbero avere rese produttive sufficienti, e con un chip di quelle dimensioni non è affatto facile.

"sufficienti" relativo al mercato che copre.
Se non sbaglio parliamo di schede da 8-10.000 euro.
Anche il gk104 ha avuto problemi di produzioni mica da ridere (le GTX680 sono state schede fantasme per almeno 30 giorni dopo il debutto).
E comunque se anche adesso nvidia ha problemi, con un PP che è pronto al pensionamento, forse la strategia debuttata con kepler la vedremo anche con i 20nm. Forse vedremmo ancora chip top di gamma con dimensioni non superiori ai 400mmq.
tuttodigitale23 Luglio 2013, 19:41 #6
Originariamente inviato da: shodan
Ciao,
Tahiti (o GCN) non ha unità FP64 dedicate, ma riusa le stesse unità FP32 (perdendo, se non ricordo male, la capacità di fare MAD in un unico ciclo e quindi portando le prestazioni a 1/4 di quanto disponibile in FP32). Non c'è quindi nulla da disabilitare.

Ciao...Allora mi potresti spiegare il motivo per cui da Pit-Cairn a scendere le prestazioni in DP sono molto, ma molto più basse rispetto a Tahiti?
shodan23 Luglio 2013, 19:47 #7
Originariamente inviato da: tuttodigitale
Ciao...Allora mi potresti spiegare il motivo per cui da Pit-Cairn a scendere le prestazioni in DP sono molto, ma molto più basse rispetto a Tahiti?


Certo: è un blocco software/firmware.

AMD non ha schede dedicate alla sola fascia computing, ma propone le FireGL e, in parte, le Radeon 7900. Questi sono tutti prodotti da buon margine, mentre le varie 7800/7700 ecc. sono prodotti con margini molto più bassi che, se lasciati col supporto FP64 standard (1/4), potrebbero cannibalizzare i prodotti di fascia più alta.

Insomma, si tratta di segmentazione del mercato.

Ciao.
tuttodigitale23 Luglio 2013, 20:13 #8
Originariamente inviato da: shodan
Certo: è un blocco software/firmware.

AMD non ha schede dedicate alla sola fascia computing, ma propone le FireGL e, in parte, le Radeon 7900. Questi sono tutti prodotti da buon margine, mentre le varie 7800/7700 ecc. sono prodotti con margini molto più bassi che, se lasciati col supporto FP64 standard (1/4), potrebbero cannibalizzare i prodotti di fascia più alta.

Insomma, si tratta di segmentazione del mercato.

Ciao.

Ma sei proprio certo di quello che dici? Anche le FirePro W7000 basate su Pit-Cairn hanno prestazioni in DP molto basse.
E la HD7870XL, basata su tahiti LE, non ha limitazioni con i calcoli in DP.
Rubberick23 Luglio 2013, 20:23 #9
bella bestia
tuttodigitale23 Luglio 2013, 20:37 #10
Originariamente inviato da: shodan
Certo: è un blocco software/firmware.

AMD non ha schede dedicate alla sola fascia computing, ma propone le FireGL e, in parte, le Radeon 7900.

Non è così.
Link ad immagine (click per visualizzarla)
questa scheda è chiaramente indirizzata al mercato HPC

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^