NVIDIA virtualizza il mondo delle GPU con le soluzioni della gamma VGX

NVIDIA virtualizza il mondo delle GPU con le soluzioni della gamma VGX

Nuove tecnologie dalla GPU Technology Conference: grazie ad un nuovo abbinamento tra hardware e software NVIDIA permette la creazione di ambienti virtualizzati basati su GPU, così che la potenza di calcolo possa venir ridistribuita via cloud computing ad un elevato numero di utenti

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 11:11 nel canale Server e Workstation
NVIDIA
 

Accanto alle nuove schede Tesla K10 e K20, la prima pronta per la commercializzazione e la seconda attesa sul mercato per il quarto trimestre 2012, NVIDIA ha annunciato altre importanti novità in occasione del proprio GPU Technology Conferenza di San Jose.

La più significativa è sicuramente quella delle schede NVIDIA VGX, proposte che permettono di creare ambienti virtualizzati per la GPU in modo molto simile a quanto accade in ambienti di virtualizzazione con le tradizionali architetture di CPU. La conseguenza diretta è quella di poter accelerare l'utilizzo di un client anche dal punto di vista della GPU, fornendo un ambiente virtualizzato al server in cloud al quale sono delegate le operazioni di elaborazione.

Queste schede permettono quindi di accedere, con qualsiasi tipo di device sia a disposizione, ad un ambiente desktop accelerato da una GPU così come se fosse direttamente connesso a livello locale, sfruttando un contesto  di cloud computing.

nvidia_vgx_board.jpg (38039 bytes)

La prima scheda che è stata annunciata da NVIDIA integra 4 GPU, per un totale di 798 CUDA Cores (192 per ogni GPU), mantenendo un ingombro di 2 slot con una lunghezza complessiva comparabile, stando all'immagine, a quella delle proposte della famiglia GeForce di fascia enthusiast. La scheda abbina un totale di 16 Gbytes di memoria video, 4 GB per ogni GPU, riuscendo a gestire sino ad un massimo di 100 ambienti virtuali contemporaneamente con un consumo complessivo limitato a 150 Watt quale massimo.

nvidia_vgx_hypervisor.jpg (35966 bytes)

Oltre alla scheda NVIDIA mette a disposizione anche il substrato software: il primo elemento è rappresentato da NVIDIA VGX GPU Hypervisor, integrato all'interno di proposte commerciali come Citrix XeonServer, che permette di accedere a risolrse di calcolo della GPU in ambiente virtualizzato. Accanto alla componente Hypervisor troviamo NVIDIA User Selectable Machines, tool di management che permette di fornire differenti livelli di funzionalità e di prestazioni velocistiche per ogni ambiente con GPU virtualizzata a seconda del carico di lavoro specificamente richiesto. Gli amministratori di sistema, grazie a questo tool, possono quindi far accedere utenti con differenti livelli di esigenze di calcolo, e quindi di interazione con la GPU virtualizzata, dallo stesso server commisurando le risorse di calcolo fornite a quanto necessario per l'elaborazione.

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Phoenix Fire16 Maggio 2012, 11:24 #1
sbaglio o sembra una feature molto interessante?
dennyv16 Maggio 2012, 11:25 #2
Interessante...

tuttavia Citrix XeonServer -> Citrix XenServer
giovanni6916 Maggio 2012, 11:35 #3
Quali sono possibili esempi pratici di applicazioni?
gd350turbo16 Maggio 2012, 11:50 #4
Originariamente inviato da: giovanni69
Quali sono possibili esempi pratici di applicazioni?


Giocare a crysys3 con un portatilino da 200 euro !

Ma così facendo chi comprerà più le schede video da centinaia di euro per giocarci ?
ShinjiIkari16 Maggio 2012, 11:54 #5
Figo ma... che ci si dovrebbe fare con la GPU sui server? Forse per il GPGPU ma ci vorrebbero applicazioni predisposte...
birmarco16 Maggio 2012, 11:57 #6
Per un momento ho pensato che fosse una tecnologia per virtualizzare la GPU in SW come VirtualBox, Hyper-V ecc come avviene per le CPU. Peccato
Apace16 Maggio 2012, 12:21 #7
Originariamente inviato da: ShinjiIkari
Figo ma... che ci si dovrebbe fare con la GPU sui server? Forse per il GPGPU ma ci vorrebbero applicazioni predisposte...


Ho letto di un accordo con Gaikai per il cloud gaming.
filippo198016 Maggio 2012, 12:37 #8
@ Apace:
Io stavo pensando proprio a Gaikai et similia... questo genere di servizi non promette proprio di far giocare a gioconi senza avere PC ultra potenti?
Se si, questa tecnologia cosa potrebbe apportare come miglioramenti?
mircocatta16 Maggio 2012, 14:34 #9
già soffriamo di lag per la connessione alla rete, figuriamoci dopo
hermanss16 Maggio 2012, 14:44 #10
La prima immagine non si vede

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^