Produzione a 22 nanometri anche per GlobalFoundries

Produzione a 22 nanometri anche per GlobalFoundries

Tecnologia produttiva a 22 nanometri nel futuro di GlobalFoundries, sia nella nuova Fab 8 di New York sia in quella Fab 1 di Dresda

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 08:30 nel canale Server e Workstation
 

GlobalFoundries sta operando per migrare la propria capacità produttiva alle tecnologie a 32 nanometri e a 28 nanometri, da utilizzare sia per la produzione di CPU per conto di AMD sia per GPU e altri dispositivi destinati al mondo mobile. Il passaggio alla tecnologia a 28 nanometri, in particolare, rappresenterà per GlobalFoundries il punto di svolta, grazie al quale avviare la produzione per conto di molti nuovi clienti con i quali sono stati conclusi importanti accordi nel corso degli ultimi mesi.

I processi produttivi a 32 nanometri e a 28 nanometri verranno avviati all'interno della Fab1 di Dresda, nome con il quale vengono indicate le due ex fabbriche Fab 30 e Fab 36 di AMD. I piani di sviluppo successivi di GlobalFoundries prevedono produzione a 22 nanometri, con principale centro la futura Fab 8 che verrà sviluppata all'interno dello stato di New York.

La produzione con tecnologia a 22 nanometri nella Fab 8 non dovrebbe venir attivata in volumi prima della seconda metà del 2012; per quel tempo, tuttavia, la domanda da parte dei clienti dovrebbe essere già sostenuta, eventualità che lascia pensare come la sede di Dresda possa venir utilizzata anche per una iniziale produzione di soluzioni a 22 nanometri.

GlobalFoundries ha recentemente concluso l'acquisizione di Chartered Semiconductor, diventata parte integrante della prima. Con questa operazione GlobalFoundires ha acquisito una lunga lista di clienti e ben 6 nuove sedi produttive, basate tuttavia su tecnologie produttive non così avanzate come quelle implementate nella Fab 1 di Dresda. La produzione ex Chartered, quindi, è concentrata per clienti che richiedono tecnologie mature, per le quali gli investimenti siano stati completamente ammortizzati e la produzione continui fino a richiesta dei clienti.

Ulteriori informazioni sono disponibili a questo indirizzo.

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
NEON_GENESIS17 Marzo 2010, 09:25 #1
ottimo!
g.dragon17 Marzo 2010, 10:00 #2
e i nani diventano sempre meno...chissa se nn intervenga il wwf...si stanno estinguendo
Danckan17 Marzo 2010, 10:13 #3
Dicono che il limite teorico possibile attualmente sia di 18nm.... staremo a vedere...
cignox117 Marzo 2010, 10:17 #4
Dicono che il limite teorico possibile attualmente sia di 18nm.... staremo a vedere...

Mah, ai tempi del Pentium 1 si parlava di un limite che ora non ricordo, ma che quasi sicuramente abbiamo abbondantemente superato...
g.dragon17 Marzo 2010, 10:31 #5
be cmq 22 nm sono davvero pochi se penziamo che ai tempi quando sono uscitri i core 2 duo stavamo sui 90 ed erano appena 4 anni fa..quando arriveremo al limite teorrico troveranno il modo di superare tale limite cambiando qualcosa (nn mi pronuncio su cosa xke nn ne so davvero poko nn vorrei dire cavolate)
Mparlav17 Marzo 2010, 11:05 #6
Intel prevede passaggi ogni 2 anni da qui al 2022 (16, 11, 8, 6 e 4 nm).

Link ad immagine (click per visualizzarla)

Ma più che del limite teorico, il maggior problema è dato dai costi sempre più elevati per ogni transizione.
Secondo me, già a partire dai 16 nm si arriverà ad allungare i tempi di transizione, da 2 a 3 anni come minimo.
Si era parlato anni fa' di adottare wafer da 450 mm in luogo degli attuali 300 mm, ma anche per questo, si parla del 2012.
g.dragon17 Marzo 2010, 11:31 #7
e gia i costi sono sempre tanti sopratutto x le nuove tecnologie..
ps qualcuno mi potrebbe spiegare a parte la caratteristica di consumare meno che incrementi di prestazioni si hanno utilizzando meno nm
rb120517 Marzo 2010, 11:42 #8
@g.dragon: Diminuisci il costo e il consumo a parità di prestazione (o prestazioni superiori a parità di costo e consumo) e permetti frequenze di clock maggiori.
g.dragon17 Marzo 2010, 12:23 #9
thx rb1205 in pratica meno nm meno elettricità consumi..e cosi puoi overvoltare i chip x ottenere un overclock maggiore...il che si traduce i aumento di prestazioni..era un po che mi chiedevo come facessero ad aumentare sempre i mhz dei vari chip consumando quasi sempre uguale (quasi sempre purtroppo)
dark.halo17 Marzo 2010, 13:10 #10
I 22nm Intel e AMD usciranno in simultanea ???
Per Intel la prima cpu con tale p.p. non sara ivy bridge nel Q3 2012 ???

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^