Rambus presenterà una nuova tecnologia per memorie server prima dell'IDF

Rambus presenterà una nuova tecnologia per memorie server prima dell'IDF

L'azienda pronta a presentare un'architettura di memoria pensata per il mondo datacenter e in grado, stando alle dichiarazioni, di migliorare latenza e capacitÓ a vantaggio degli impieghi big-data e database in-memory

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:01 nel canale Server e Workstation
Rambus
 

Nel corso delle prossime settimane Rambus andrÓ ad introdurre ufficialmente una nuova architettura per memorie DRAM pensata in maniera specifica per il mondo datacenter. La nuova architettura promette una sensibile riduzione delle latenze e, contemporaneamente, un incremento delle capacitÓ dei chip di memoria, entrambe caratteristiche molto importanti per quei sistemi server utilizzati per operare su big-data e database in-memory.

Come riporta il sito web KitGuru, Ron Black, CEO dell'azienda, ha dichiarato: "Stiamo preparandoci per un nuovo annuncio prodotto proprio prima dell'Intel Developer Forum del prossimo mese. Si tratta di un prodotto che riguarda due programmi memoria strategici che abbiamo giÓ illustrato in precedenza".

Qualche mese fa Rambus aveva svelato di essere al lavoro su una nuova architettura DRAM specificatamente indirizzata al mondo dei datacenter. La nuova tecnologia Ŕ pensata per superare le sfide che riguardano capacitÓ e latenza delle memorie DRAM per sistemi server. Rambus ha inoltre dichiarato che almeno due produttori di memoria di rilievo hanno giÓ mostrato interesse per la nuova tecnologia.

"Negli anni passati abbiamo lavorato per rendere disponibile la nostra proprietÓ intellettuale sulle tecnologie e competenze legate alle memorie, e concretizzarla in un prodotto che aiuterÓ le prestazioni delle memorie per server. Il nostro prodotto, che non Ŕ legato ad architetture di memoria di classe storage come qualcuno ha speculato, migliorerÓ sia la larghezza di banda sia la capacitÓ per rispondere alle crescenti esigenze del datacenter" ha continuato Black.

Sebbene Rambus abbia proposto nel corso degli anni architetture in grado di offrire vari vantaggi rispetto alle memorie standard del settore, i suoi prodotti non sono mai divenuti popolari sul mercato principalmente per via della resistenza da parte dei produttori di memorie, processori e chipset di supportare tecnologie proprietarie.

In realtÓ anche la strada per queste nuove memorie sembra giÓ essere in salita, considerando che l'azienda ha deciso di presentare la novitÓ prima dell'IDF: questo pu˛ suggerire che le nuove memorie non fanno parte della roadmap di Intel. Del resto i prossimi processori Xeon su architettura "Skylake" saranno in grado di supportare 6TB di memoria per socket e difficilmente vi sarÓ l'esigenza di dover supportare un tipo proprietario di memoria.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^