Roadrunner sulla vetta della Top500 Supercomputer List

Roadrunner sulla vetta della Top500 Supercomputer List

Il nuovo supersistema di IBM annichilisce tutti i risultati precedenti e conferma la capacità di superare il petaflop al secondo di potenza computazionale

di Andrea Bai pubblicata il , alle 12:11 nel canale Server e Workstation
IBM
 

Roadrunner, il nuovo supercomputer di IBM installato nel corso delle passate settimane presso i Los Alamos National Laboratory, nel Nuovo Messico, ha raggiunto la vetta della classifica aggiornata Top500 Supercomputer List, ufficialmente pubblicata nel corso dell'International Supercomputing Conference in corso di svolgimento questa settimana a Dresda.

Entrando nel dettaglio, Roadrunner viene classificato con i seguenti risultati: 1,026 petaflop registrati, 1,375 petaflop di picco teorico e ben 2345,5 kilowatt di potenza impiegata. Il supersistema va a spodestare un'altra creazione di IBM, il noto BlueGene/L che per quest'anno fa registrare una potenza computazionale di 478,2 teraflop, rispetto ai 208,6 raggiunti lo scorso anno. Sorprendente vedere, tuttavia, come BlueGene/L abbia circa il doppio del numero dei core presenti in Roadrunner.

Il nuovo supersistema di IBM, lo ricordiamo, rappresenta una interessante particolarità in questo mondo: Roadrunner fa uso infatti di processori AMD Opteron e di processori Cell, qui utilizzati in una versione leggermente modificata rispetto a quella che possiamo ritrovare nelle console Playstation 3. E' la prima volta che processori destinati prevalentemente al settore consumer vengono impiegati per la realizzazione di un supercomputer ad elevata potenza computazionale.

IBM tuttavia domina letteralmente nelle prime dieci posizioni, totalizzando ben cinque presenze al primo, secondo, terzo, sesto e nono posto. Le altre cinque posizioni sono spartite tra Cray, SGI, Hewlett-Packard e Sun Microsystems. Il record di presenza per l'intera classifica dei 500 va comunque ad Intel, i cui processori equipaggiano il 75% dei sistemi classificati. Sul totale dei processori Intel utilizzati per i sistemi presenti in classifica, il 90% circa è rappresentato da soluzioni quad-core.

Il primo supercomputer "italiano" presente in classifica, al 90° posto (nella precedente classifica risiedeva al 47°), è realizzato da IBM e Intel: si tratta di un cluster installato presso il CINECA di Bologna e realizzato con l'impiego di soluzioni IBM BladeCenter HS21 basati su processori Intel Xeon Dual Core da 3GHz. Il cluster, composto da un totale di 5120 core di elaborazione, ha fatto registrare una potenza computazionale di 19,91 Teraflop ovvero un cinquantesimo circa della potenza di Roadrunner.

Per curiosità ed approfondimenti rimandiamo alla classifica Top500, pubblicata in questa pagina.

48 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
]Rik`[19 Giugno 2008, 12:18 #1
ho avuto la fortuna di vedere quello del cineca, roba comunque da fantascienza
Edgar8319 Giugno 2008, 12:23 #2
Capperi però 2 megawatt di assorbimento energetico... ci illumini una piccola città...
zani8319 Giugno 2008, 12:24 #3
In pratica una ventina di schede Tesla....bravi bravi bravi...
MarkManson19 Giugno 2008, 12:27 #4
Ma a ke serve?Cioè ke ci fanno?
mrgima19 Giugno 2008, 12:32 #5
ci gicano a crysis

presumo servano per la ricerca, anzi sicuramente
xxxyyy19 Giugno 2008, 12:37 #6
Originariamente inviato da: MarkManson
Ma a ke serve?Cioè ke ci fanno?


Non ce ne e' mai abbastanza di potenza di calcolo... fisica delle particelle, astronomia, meteorologia...
.:OctopuS:.19 Giugno 2008, 12:37 #7
Chi ci aggiorna sul punteggio al 3dmark XD??
Pikitano19 Giugno 2008, 12:49 #8
Originariamente inviato da: MarkManson
Ma a ke serve?Cioè ke ci fanno?


Simulazioni.
Ai laboratori di Los alamos credo facciano anche simulazioni di test nucleari.....
DarKilleR19 Giugno 2008, 12:53 #9
questo è usato per simulazioni a scopo militare e per la sicurezza degli ordigni nucleari degli USA
mastro Andrea19 Giugno 2008, 12:54 #10
Dato quello che consumano, spero che ci facciano il + possibile... Cmq oltre a quello detto, li usano anche x previsioni sui terremoti, ma sopratutto in astronomia e x calcoli con le particelle subatomiche, quindi dove ci sono numeri grandissimi o piccolissimi

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^