Samsung, nel 2014 chip ARM per microserver

Samsung, nel 2014 chip ARM per microserver

L'azienda coreana ha intenzione di rilasciare nel corso del 2014 i primi SoC per sistemi server basati su architettura ARM. Verosimile l'impiego dell'architettura ARM v8

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:15 nel canale Server e Workstation
SamsungARM
 

La coreana Samsung Electronics ha recentemente portato avanti una campagna di assunzioni orientata verso figure professionali specializzate nello sviluppo di chip ad uso server, andando a reclutare inoltre alcuni ex-impiegati di AMD. L'obiettivo, com' ragionevole supporre, quello di realizzare soluzioni system-on-chip per applicazioni server.

Questa settimana emerge per qualche dettaglio aggiuntivo: come riporta il sito EETimes, il quotidiano Seoul Economic Daily afferma infatti che Samsung ha intenzione di rilasciare un processore a basso consumo basato su architettura multicore ARM e destinata alle soluzioni microserver nel corso del 2014. Se le informazioni dovessero corrispondere al vero, significa che l'azienda coreana attualmente al lavoro per lo sviluppo di un chip basato su architettura ARMv8.

Verso la fine dello scorso anno Samsung ha introdotto sul mercato Exynos 5250, una soluzione dual-core basata su architettura ARM Cortex-A15 la quale pu essere rapidamente adattata (per esempio aggiungendo il supporto alla memoria ECC) ad un SoC per uso server. E' quindi abbastanza naturale supporre che la finestra temporale decisa da Samsung implichi lo sviluppo di una soluzione completamente nuova basata sull'architettura ARMv8 a 64-bit.

Attualmente l'azienda coreana non l'unica che sta lavorando allo sviluppo di soluzioni server SoC con le architetture Cortex-A15 e ARM v8. Tra i concorrenti ve ne sono numerosi e ben conosciuti, tra cui Calxeda, NVIDIA, Marvell, Applied Micro, che stanno tutte portando avanti progetti mirati al mondo server. La grande incognita comunque rappresentata dalla capacit di queste soluzioni di riuscire a competere con le architetture x86 in termini di mera potenza di calcolo.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
rogledi11 Agosto 2012, 00:49 #1

Mera potenza di calcolo

Di sicuro inferiore, ma il TOC senza ombra di dubbio anche

Quanto consuma un server medio oggi?
Quanto consumerà una soluzione ARM server?

a conti fatti ne vale di certo la pena!
LMCH11 Agosto 2012, 07:25 #2
Il vantaggio principale degli ARM è che riaprono la concorrenza tra produttori diversi di cpu mantenendo una sufficiente compatibilità a livello di software.

Se ARMv8 (la nuova architettura ARM a 64bit) inizierà a prendere piede, piano piano eroderanno dal basso verso l'alto (e forse anche dall'alto verso il basso ovveroiniziando con chip da supercomputer e poi "scendendo in giù" verso i server) anche i settori in cui attualmente dominano gli x86.
tuttodigitale18 Agosto 2012, 20:12 #3
Originariamente inviato da: LMCH
Il vantaggio principale degli ARM è che riaprono la concorrenza tra produttori diversi di cpu mantenendo una sufficiente compatibilità a livello di software.

Se ARMv8 (la nuova architettura ARM a 64bit) inizierà a prendere piede, piano piano eroderanno dal basso verso l'alto (e forse anche dall'alto verso il basso ovveroiniziando con chip da supercomputer e poi "scendendo in giù" verso i server) anche i settori in cui attualmente dominano gli x86.

Improbabile a dir poco iniziare dall'alto, dovrebbero buttare praticamente tutto nel cestino (un conto è fare una cpu da meno di 1 W e un conto una da 100). Imho si parte da soluzioni dove oggi si utilizzano gli atom (che è bene ricordarlo offre prestazioni inimmaginabile nei calcoli in virgola mobile di qualunque SoC basato su Arm) o addirittura cpu di fascia alta utilizzate solo per coordinare il funzionamento degli altri processori (vedi Opteron e Cell). Ma come processore ad altissime prestazioni non lo vedo se non dopo anni.

Il passaggio ai 64 bit serve anche per il mercato consumer per bypassare il limite dei 3GB indirizzabili. Nel 2014, 2gb di RAM sarà la minima dotazione di memoria degli smartphone di fascia alta (ed è molto probabile che sarà il tetto massimo per i SoC a 32 bit).

Arm promette grandi cose, ma restiamo con i piedi per terra al momento.

PS nvidia vuole integrare nelle sue schede grafiche delle cpu ARM, proprio per evitare l'utilizzo delle cpu costose e sovradimensionate nel caso in cui si utilizzano le gpu per il calcolo. Al momento infatti non è molto conveniente sfruttare la cpu per sfruttare l'enorme potenza nel singolo thread. I test parlano chiaro, non sempre utilizzare il gpgpu è produttivo.

PPS non ha molto senso usare un SoC per i server:molto silicio resterebbe inutilizzabile, più probabile fare una cpu da 16-32 core. Felice di sbagliarmi.
LMCH19 Agosto 2012, 05:13 #4
Originariamente inviato da: tuttodigitale
PPS non ha molto senso usare un SoC per i server:molto silicio resterebbe inutilizzabile, più probabile fare una cpu da 16-32 core. Felice di sbagliarmi.


Nell'articolo parlano di SoC "da server".
Solo perchè si parla di SoC non è detto che si tratti di un SoC come quelli "da smartphone".
Un SoC "da smartphone" cerca di integrare sul chip quanta più roba torna utile per uno smartphone, mentre uno "da server" integra quanta più roba possibile torna utile per un server (es: più core, più cache, interfacce verso la ram con maggiore banda di I/O, interfacce dedicate per connessioni ad alta velocita chip-to-chip e boarda-to-board, ecc.).
Poi se ad esempio decidessero di proporre roba "di fascia alta" è probabile che arrivino a differenziare i SoC tra "SoC computazionali" e "Soc di I/O"
in modo inpaccare il maggior numero di core e di cache possibile per scheda
(con vari mix "I/O" e "computazionali" in base alla tipologia del prodotto che si vuole realizzare).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^