SanDisk ULLtraDIMM, SSD su banchi memoria per ridurre le latenze

SanDisk ULLtraDIMM, SSD su banchi memoria per ridurre le latenze

Innovativa soluzione proposta da SanDisk, in collaborazione con Diablo Technologies: ULLtraDIMM è una soluzione di archiviazione SSD che sfrutta i banchi memoria come interfaccia di collegamento, per avere latenze minime verso la CPU

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 15:16 nel canale Server e Workstation
SandiskDiablo
 

SanDisk, in collaborazione don Diablo Technologies, mette a disposizione dell'utenza enterprise una soluzione di archiviazione molto performante che va sotto il nome di ULLtraDIMM. I presupposti da cui sono partite le due aziende riguardano le latenze ancora elevate delle soluzioni storage tradizionali, limitanti in determinati utilizzi professionali. Anche prendendo a riferimento SSD da 2,5 pollici e soluzioni PCIe, vi sono scenari di utilizzo che risentono dei limiti di interfaccia.

Per venire incontro a queste esigenze nascono le soluzioni SanDisk ULLtraDIMM: ospitate nei normali banchi memoria già presenti sulle schede madri, grazie al form factor DIMM, queste possono comunicare con la CPU saltando tutta la circuiteria a monte dell'I/O Hub. SSD SATA, SAS o PCIe possono raggiungere valori di transfer rate veramente molto elevati, ma a livello di latenze pagano un dazio molto elevato nelle operazioni di I/O.

Una limitazione fortemente ridimensionata passando invece per gli slot DIMM, che con la CPU comunicano direttamente, a tutto vantaggio delle operazioni fortemente dipendenti dalla latenza. SanDisk ULLtraDIMM vanta nella propria serie due modelli, 200GB e 400GB, realizzati sfruttando chip NAND Flash MLC con processo produttivo a 19nm. Le SSD SanDisk ULLtraDIMM saranno utilizzate da IBM con il brand eXFlash DIMM per i propri server System x3850 e x3950 X6, configurabili fono a capienze totali di 12,8TB (quindi 12 moduli da 400GB). Di seguito un video messo a disposizione da SanDisk.

Le latenze raggiunte in scrittura di aggirano intorno ai 5-10 microsecondi, ovvero circa 1000 volte inferiori rispetto a quelle degli SSD tradizionali. Mancano i prezzi indicativi per queste nuove soluzioni, come accade quasi sempre con dispositivi per il mondo enterprise, mentre un PDF con ulteriori informazioni è consultabile qui.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
piefab24 Gennaio 2014, 20:46 #1
"Le latenze raggiunte in scrittura di aggirano intorno ai 5-10 microsecondi, ovvero circa 1000 volte inferiori rispetto a quelle degli SSD tradizionali."

Mi sa che c'è un errore. Forse si parla di 5-10 ns?

edit
Ok anche nel video si parla di 5 microsecondi. Non credevo fossero così alte...
kamon24 Gennaio 2014, 21:57 #2
Oddio...SSD nuovo già prossimo alla pensione?
mihos24 Gennaio 2014, 23:10 #3
Originariamente inviato da: piefab
"Le latenze raggiunte in scrittura di aggirano intorno ai 5-10 microsecondi, ovvero circa 1000 volte inferiori rispetto a quelle degli SSD tradizionali."

Mi sa che c'è un errore. Forse si parla di 5-10 ns?

edit
Ok anche nel video si parla di 5 microsecondi. Non credevo fossero così alte...

Evidentemente non hai idea delle latenze degli SSD attuali, che si aggirano attorno ai 2-15ms
Originariamente inviato da: kamon
Oddio...SSD nuovo già prossimo alla pensione?

Non scherziamo, non è neanche detto che arrivino sul mercato consumer
hibone25 Gennaio 2014, 11:44 #4
"Le latenze raggiunte in scrittura di aggirano intorno ai 5-10 microsecondi, ovvero circa 1000 volte inferiori rispetto a quelle degli SSD tradizionali."

Peccato che vengano utilizzate come fossero delle RAM con latenze 1000 volte superiori...

Per come è scritta la news, la soluzione appare peggiore del danno.
Stephen8825 Gennaio 2014, 11:58 #5
ma quindi quando si spegne il computer si formatta ogni volta la ram ssd? LOL (la mia è una goliardica battuta)
Floris26 Gennaio 2014, 06:12 #6
Originariamente inviato da: hibone
Peccato che vengano utilizzate come fossero delle RAM con latenze 1000 volte superiori...

Le RAM perdono tutto il proprio contenuto una volta interrotto il flusso di corrente.
Inoltre voglio vedere dove si trovano moduli RAM da 400 GB!
E secondo il tuo ragionamento anche la RAM non è altro che una cache con latenze estremamente superiori rispetto a quelle che si trovano nella CPU!

Questa è una tecnologia che al momento attuale ha limitate ripercussioni nell'ambiente consumer, ma per qualsiasi applicazione con un elevato scambio di dati tra memoria secondaria e primaria può essere una soluzione efficace.
roccia123426 Gennaio 2014, 09:46 #7
Originariamente inviato da: mihos
Evidentemente non hai idea delle latenze degli SSD attuali, che si aggirano attorno ai 2-15ms


15 ms è una latenza da normale hdd meccanico, i velociraptor stavano intorno a 10 ms, il mio raid 0 di normalissimi hdd da 500gb arriva a 6-8ms nella parte più veloce del disco: gli SSD stanno intorno a 0,1 ms, è anche (soprattutto) per questo che le performance aumentano in maniera così consistente.
oxota26 Gennaio 2014, 20:26 #8
Per non confondersi qui si parla microsecondi che è pari ad un milionesimo di secondo, il millisecondo (ms) e' un millesimo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^